A Kabul in monopattino

(Pietrangelo Buttafuoco) – Diciamola brutta, ma proprio brutta. Le guerre si fanno per interesse e bene fa chi ha interesse a farle. L’Afghanistan è innanzitutto uno scrigno prezioso. Vi si trovano “le terre rare”, e cioè lantanio, cerio e neodimio, e poi anche i preziosi minerali come litio e cobalto necessari al sostentamento – e allo sviluppo, soprattutto militare – della tecnologia. È qualcosa di più urgente rispetto – pensate un po’ – al petrolio. Russia e Cina sono già lì mentre l’Occidente del green style e dei diritti avanza sul monopattino eco-sostenibile. E dunque l’abbiamo detto chiaro, ma proprio chiaro.

15 replies

  1. Buttafuoco ha ragione, è così.
    Ci intortano ovunque di “bontà”,e “diritti” per farci ingoiare ogni rospo( qualsiasi foglia che si muova laggiù la paghiamo – letteralmente,- noi col nostro lavoro e i nostri consumi) ma la realtà è ovunque questa.

    "Mi piace"

    • Oh, nobile Carolina, oh…

      Quanto paghi il tuo cioccolato? Il tuo pesce? Le batterie dei tuoi gingilli elettronici? Quanto *meno* paghi per qualunque cosa, dopo averci messo dentro l’olio di palma?

      Il credo che il tuo lavoro paghi le entita’ che pagano te, e che i tuoi denari non siano in nulla coinvolti in quello che succede… laggiu’.

      Queste parole io proprio non le capisco.

      Signore, calma, e gesso.

      "Mi piace"

  2. Le spese militari con cosa vengono pagate,? Sicuro che le tasse dirette e indirette – si tutto ciò che consumiamo- non ci entrino nulla?

    Forse non ho capito bene cosa ha voluto dire.
    Lavorando con Aziende che producono in Italia o all’estero so benissimo quanto costa la componentistica: pressoché zero. Arriva tutto dalla Cina.
    E se compro quattro pesche ( un kg) allo Coop per quasi 3 euro non me le regalano certo. Sono 1500 delle vecchie lire a pesca. Che sono coltivate ovunque qui in Emilia. Non diciamo che “costano poco”per favore. Come siano poi suddivisi i costi è un altri discorso, ma la balla che ci danno tutto “quasi gratis” perché i lavoratori sono sfruttati non regge proprio.

    "Mi piace"

    • Le spese militari sono come i cosiddetti “energy drink”: servono a farsi ricomprare e non fanno neanche bene, anzi!

      Quale componentistica? Quale costo zero? Azzeccate ‘llo e ‘spiett…

      Cominciamo con l’escludere il primo esempio, e’ un caso efferato e va trattato a parte.

      La componentistica dei gingilli elettronici, altresi’ noti come futuro rifiuto industriale elettronico a breve scadenza, viene prodotta da lavoratrici e lavoratori in condizioni di lavoro che “signora mia, lei se le sogna!”. La filiera produttiva in primis e l’indotto relativo ha un tasso di inquinamento elevato, e tu viaggi per il mondo e quindi queste cose le sai benissimo. Dipoi, il prezzo zero dipende dal punto di vista, forse quello della professionista multilingue transnazionale il cui occhio cade su non si sa qual pezzo di brochure e conclude che 5 centesimi sono quasi zero senza immaginare che voglia dire x10.000 quantita’?

      Infine non capisco, non affero, la fine, l’esempio delle pesche.

      "Mi piace"

    • Vorrei scusarmi, capisco di aver gia’ compromosso la mia credibilita’ quanto a proteste di umilta’, vi prego scusatemi tutte, sono inzuppato di preconcetti, popolato dal risentimento, suggestionato dalla mia presunzione. Ma, oh, Carolina, oh! ho l’orrenda sensazione di sentirmi colpevole per un pensiero che dopo aver letto di quei prezzi, ecco, mi abita.

      E’ come se avvertissi la eco, di una voce, una voce, un poco sfastidiata, ma forse abitata a dover moderare questo genere di irritazione, che parla di com’era bella e selvaggia la Sardegna, e come sono cambiate le cose; questa voce dice cose del tipo “… ma figurati, quando venimmo per la prima volta la gente ci offriva il formaggio, adesso che ci abbiam fatto la villa se lo vogliono far pagare. Ma ti rendi?”.

      Lo so, lo so, lo so… va bene, vado via, torno dai miei amici carucci e pelosetti. Avete ragione voi Caroline.

      Piace a 1 persona

      • Non ho capito, Ennio. Nessun rimpianto per il “c’era una volta”anche perché non sono ancora vecchia. Devo dire che fatico a comprendere la sua prosa ( ho i miei limiti) e non amo deridere e neppure essere derisa – mai scendere nel personale . Mi pareva che nel suo primo post lei avesse iniziato il sito leitmotiv che da tempo ci accompagna: se non ci fosse sfruttamento, ecc… non pagheremmo le merci tanto poco. E generalmente si fa l’esempio della frutta e della verdura.
        A me non pare proprio che le cose si paghino poco, anzi. Come vengono divisi i costi non è compito del consumatore- non ne ha alcun potere- ma se c’è qualcosa che costa poco non sono le merci ma il nostro lavoro e le nostre pensioni, con i quali si possono comprare sempre meno merci. Nemmeno pesche nel pieno della stagione.
        Se ho capito male mi scusi: non comprendo la sua ironia.

        "Mi piace"

  3. Adesso, Mangiafuoco, spiegaci perché anche se ne sono andati così precipitosamente…
    Erano finite le terre rare? E il litio e il cobalto, pure, in contemporanea?
    E adesso? Come si fa?
    E ti sei dimenticato i bellissimi campi di papaveri…tutti distrutti?

    "Mi piace"

  4. per fare l’elettronica per le necessità militari (che non è quella, anche di qualità, che si trova in giro normalmente),
    cosa a cui spero alluda chi ha scritto il poderoso tratto riportato,
    non ne serve tantissima, mica è produzione di consumo,
    è per fare le auto di Musk e affini che ne serve molta.

    parliamo di diversi ordini di grandezza di differenza
    e quella per l’uso militare la trovano sempre, al limite la comprano dai cinesi
    come il petrolio e l’uranio lo comprano dai russi (non anni fa, diciamo 2020)

    per l’attrezzatura militare, l’uso dell’energia elettrica come forza motrice, è molto più favola per i polli
    che, la medesima cosa, per l’utilizzo civile

    per cui i minerali rari servono all’industria civile che ne consumerà in quantità imponenti
    visto il new green deal che ci aspetta.

    certo che ci hanno messo, quanto? 3 giorni?
    per capire perché gli usa fossero la, complimenti per l’acume

    "Mi piace"