“Financial Times”: con Draghi l’Italia si è trasformata in un polo di stabilità nell’Ue

E’ quanto si legge in un articolo pubblicato dal quotidiano britannico

(nova.news) – Dai successi sportivi a quelli politici ed economici: finalmente l’Italia ha smesso di essere il “brutto anatroccolo” d’Europa e, grazie all’azione governo guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, il Paese si è trasformato in un polo di stabilità nell’Ue. E’ quanto si legge in un articolo pubblicato dal quotidiano britannico “Financial Times”. Partendo dai successi in ambito musicale e sportivo conseguiti quest’estate dall’Italia – le vittorie all’Eurovision, agli Europei di calcio e delle gare dei 100 metri di atletica alle Olimpiadi di Tokyo – il quotidiano britannico evidenzia che “il più grande successo” è che ora il nostro Paese “ha un governo che funziona”.

Secondo il “Financial Times”, Draghi ha gettato le basi per la ripresa economica dell’Italia. Tra i maggiori successi del presidente del Consiglio vengono menzionate la nuova campagna vaccinale anti Covid-19 e gli investimenti ingenti nella ripresa: 245 miliardi di euro nei prossimi cinque anni. Anche l’introduzione del green pass per l’accesso ai luoghi pubblici al chiuso, a differenza di quanto avvenuto in Francia, è stato approvato dal governo italiano senza provocare proteste di piazza o un malcontento eccessivo tra la popolazione. Il governo di Roma ispira fiducia, prosegue il “Financial Times”, mentre l’unico punto interrogativo che rimane è quanto a lungo l’attuale presidente del Consiglio italiano rimarrà in carica considerando la scadenza della legislatura nel giugno 2023 e l’eventualità che Draghi possa subentrare al presidente Sergio Mattarella al Quirinale nel febbraio 2022 al termine del mandato di quest’ultimo. “In un mondo ideale, Mattarella verrebbe convinto a rimanere per un altro anno” in quanto “Draghi ha bisogno di più tempo per cambiare l’Italia”, aggiunge il quotidiano britannico. In ogni caso, conclude il “Financial Times”, “con Germania e Francia che vanno verso elezioni incerte, l’Italia sembra essere un polo di stabilità nell’Ue”.

22 replies

  1. Caspita…il Financial si è dimenticato di dire, o il cronista italiano l’ha colpevolmente omesso, che da quando c’è supermario equinozi e solstizi hanno ripreso a susseguirsi con la regolarità che si era persa con i governi Conte e che i treni hanno ricominciato ad arrivare in orario, persino in modo retroattivo.

    Piace a 5 people

  2. Quando Governi con il 90% del consenso, vale a dire con l’opposizione “asservita. inginocchiata” è facile avere stabilità e fiducia. Anche nei 5 anni di Governo dell’ebetino tutto funzionava, per questo motivo. Il problema sono i risultati in favore della popolazione che soffre e vede le Istituzioni troppo “lontane” dai propri problemi come mi sembra succeda con questo governo e pdc.

    "Mi piace"

  3. Quello del FT è un articolo che in questa sede mi limito a definire “socialmente pericoloso” poiché attua, all’insaputa di milioni di persone deboli psicologicamente e culturalmente, una meschina operazione di correlazione. Secondo il “giornalista” del FT che avrebbe scritto (sotto dettatura?) questo articolo, le vittorie dei Måneskin oppure degli olimpionici italiani sarebbero da ricollegare a Draghi 😂 e, se sono finalmente arrivate le dosi di vaccino contrattualizzate dall’Unione Europea con alcuni oligopolisti del settore farmaceutico, sarebbe merito di Draghi 😂 Questo significa speculare sull’ignoranza di milioni e milioni di persone. La medesima cosa vale per quelle persone che ricollegano il ciclo economico (PIL) al ciclo politico (governo pro tempore in carica): il PIL che si materializza oggi è il frutto di investimenti attuati 6-12-18 mesi fa. Mai nessuna persona sufficientemente dotata cognitivamente penserebbe che è merito di Giuseppe Conte. Inoltre, il ciclo economico e quello politico sono come due rette parallele che non si incontreranno mai mai mai. Tutt’al più, saranno i politici di professione nullafacenti a cavalcare, strumentalizzandoli politicamente, i risultati del ciclo economico. Caliamo un velo pietoso su questa grave e fasulla correlazione: prima di correlare efficacemente due variabili, un ricercatore serio e preparato ne studia i rapporti di causazione. Se una variabile non è causa dell’altra (o viceversa) ogni correlazione non ha alcun fondamento né è da tenere in seria considerazione.

    Piace a 1 persona

  4. Roba da chiodi. Uno che non riesce a comprendere quello che legge (“Secondo il giornalista del FT che avrebbe scritto […] questo articolo, le vittorie dei Måneskin oppure degli olimpionici italiani sarebbero da ricollegare a Draghi”: ma si può essere così scemi?!?) si permette di ritenere che gli altri siano “deboli psicologicamente e culturalmente”, e che necessitino di aiuto, magari da lui….

    Piace a 1 persona

    • Dai, dicci la tua.
      Siamo in trepidante attesa di sentire come la pensa quello forte psicologicamente, alias il lurido renziano.

      P.s. Ho notato che stai sempre a sottolineare (aggratis) che gli altri non capiscono i testi, che gli altri non conoscono la costituzione, che gli altri non sanno leggere, insomma che non hanno le tue stesse competenze: ecco, direi che è ora di scendere, ti sei fatto un viaggio veramente esagerato! Ma te sei visto?

      Piace a 1 persona

    • Sì si apre.
      Devo dire che l’originale è anche peggio della sintesi fatta sopra.

      Questo è un articolo imboccato da qualcuno, è evidente. Parla delle inoculazioni di vaccini a Marzo, quando c’era già il governo Draghi e quando non c’erano i vaccini.
      Un po’ come accadeva col NYT e l’inviato romano ai tempi di Renzie, vi ricordate come ne parlavano bene? Come si chiama quel giornalista che descriveva il rinascimento italiano?

      Piace a 1 persona

  5. L’Italia si sta crogiolando in un’estate di successi duramente conquistati
    Mario Draghi ha avviato un programma di riforme essenziali e ha guidato una forte ripresa economica
    BEN HALL Aggiungi a myFT

    Quando Mario Draghi è stato invitato a formare un governo dal presidente italiano a febbraio, c’è stato uno svenimento collettivo © Alessia Pierdomenico/Bloomberg
    Ben Hall AUGUST 11 2021
    273

    L’Italia sta vivendo un’estate di successi. Per primo è arrivato il trionfo all’Eurovision Song Contest. Poi gli Azzurri hanno strappato la vittoria agli Europei di calcio. E questo mese i suoi velocisti hanno vinto l’oro olimpico a Tokyo. In ogni caso, gli italiani hanno battuto le basse aspettative.

    Il più grande successo, però, è che il paese ora ha un governo che funziona. In questo caso, le grandi aspettative sono state soddisfatte. Quando Mario Draghi è stato invitato a formare un governo dal presidente italiano a febbraio, c’è stato uno svenimento collettivo. I litigiosi partiti politici italiani sono caduti su se stessi per promettere sostegno. I leader aziendali, gli investitori stranieri ei partner dell’UE di Roma sono rimasti entusiasti.

    L’ex presidente della Banca centrale europea non ha compiuto il miracolo di salvare l’Italia, così come ha salvato l’euro. Ma in sei mesi ha posto le basi per la ripresa e la rinascita del suo Paese. Per la prima volta da decenni, l’Italia non è più vista come sinonimo di disfunzione politica. Dato il suo onere del debito e i profondi problemi economici, potrebbe ancora rappresentare una minaccia sistemica per la sostenibilità a lungo termine della moneta unica. Ma per ora l’Italia trasuda ottimismo e fiducia. E i suoi progressi stanno cambiando la percezione più ampia delle prospettive dell’UE mentre la pandemia si allontana.

    Il risultato più importante di Draghi è stato il riavvio di una vacillante campagna di vaccinazione contro il Covid-19. All’inizio di marzo, l’Italia aveva somministrato solo 8,6 colpi ogni 100 persone , al di sotto della media UE. Peggio ancora, non riusciva a dare la priorità agli italiani più anziani più vulnerabili. Mentre i tassi di mortalità sono diminuiti in altre parti d’Europa, quello dell’Italia è aumentato .

    Ora, le vaccinazioni in Italia sono davanti a Germania, Francia, media UE e presto Regno Unito. Prima che il Paese partisse per le vacanze di agosto, l’Italia stava pugnalando più di 500.000 armi al giorno. L’ obiettivo del governo di vaccinare l’ 80% di tutti gli italiani di età pari o superiore a 12 anni entro la fine di settembre sembra fattibile. L’obbligo di esibire un “pass verde” vaccinale per accedere a ristoranti e luoghi di intrattenimento dovrebbe stimolare l’adesione. A differenza della Francia, il pass non ha provocato reazioni pubbliche. Con i tassi di infezione sotto controllo, l’Italia è stata in grado di aprire la sua economia da aprile, evitando nuove restrizioni.

    La seconda grande impresa di Draghi è stata quella di agire con forza con il piano di rilancio dell’Italia. In totale, Roma sta mobilitando 235 miliardi di euro per rilanciare la sua economia nei prossimi cinque anni con 191,5 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti dal fondo di recupero dell’UE integrati da altri aiuti dell’UE e risorse nazionali. L’Italia sta spendendo di gran lunga di più nell’UE per ricostruire la sua economia. Draghi sta rompendo definitivamente con il conservatorismo fiscale dell’UE. Si tratta, come ha notato l’economista Jean Pisani-Ferry, di una seconda mossa del “tutto ciò che serve” dopo l’impegno di Draghi a fare di tutto per salvare l’euro.

    Certo, i soldi devono essere spesi prontamente e spesi bene. L’Italia ha scarsi risultati in questo senso. Ma mettere il Tesoro italiano – un’istituzione rispettata e professionale – responsabile del fondo di recupero aiuterà, così come destinare i soldi a un minor numero di progetti.

    Infine, Draghi ha cablati riforme economiche e amministrative nei piani di recupero di fondi. È ciò che l’UE chiedeva, ma la precedente coalizione ha faticato a fornire. La scorsa settimana, l’amministrazione Draghi ha ottenuto l’ approvazione nella camera bassa del parlamento per le riforme volte a snellire un labirintico sistema di giustizia penale . È stata una svolta importante perché ha significato invertire alcune delle riforme attuate dal movimento Cinque Stelle anti-establishment che ora sostiene il governo Draghi. Ha dimostrato che i partiti italiani sono disposti a fare sacrifici politici per portare il cambiamento.

    Il prossimo passo è la riforma delle leggi sulla concorrenza. Un test più grande sarà la riforma fiscale. Draghi potrebbe limitare le modifiche alla semplificazione amministrativa o andare a una revisione più ambiziosa per tagliare le tasse sul lavoro. Ha lo spazio fiscale per essere audace. La crescita economica potrebbe raggiungere il 5% quest’anno. Per una volta, l’Italia si sta riprendendo da una recessione.

    La grande domanda rimane per quanto tempo Draghi resterà premier. Le prossime elezioni sono previste entro giugno 2023. Anche se la sua coalizione dovesse restare unita fino ad allora, Draghi potrebbe essere tentato di passare alla presidenza quando il mandato di Sergio Mattarella scadrà a febbraio. In un mondo ideale, Mattarella sarebbe convinto a restare per un altro anno. Draghi ha bisogno di più tempo per cambiare l’Italia e per pesare sul ripristino delle regole fiscali dell’UE , una questione vitale che dovrebbe risolversi nella prima metà del prossimo anno.

    Con la Germania e la Francia verso elezioni incerte, l’Italia sembra un polo di stabilità nell’UE. Questo è notevole data la sua storia di sconvolgimenti politici. Ed è un motivo in più per applaudire gli italiani. 

    ben.hall@ft.com

    "Mi piace"

  6. Mi chiedo come mai al “Creatore Altissimo Illustrissimo” non viene riconosciuta la “schiacciante” vittoria del ventennio (20 anni) della Liberazione dell’Afghanistan….
    Non comprendo questa “amnesia” generale su una così “vittoriosa” campagna di democratizzazione riuscita….Ma forse mi sbaglio,era la “guerra al terrorismo” che comunque è stata vinta…,almeno gli oltreoceanici dovrebbero ricordarlo.

    "Mi piace"

  7. che Dragula non abbia avuto alcuna inflenza sui Maneskin, su Mancini o Jacobs è chiaro, e chi dice il contrario dovrebbe provarlo, visto che tutti questi personaggi vengono da tempi anteriori a Supermario e non si capisce che ruolo abbia avuto in questo senso nei loro risultati.

    Ma si sa, la vittoria ha molti padri, la sconfitta è orfana.

    Per esempio, a nessuno viene di imputare a Draghi l’assenza di pugili uomini, o le figuracce alla maratona, dei nostri atleti?

    Ma che Draghi sia COLPEVOLE di omessa vigilanza per il caso MPS, questo non ci piove.

    E invece FT parla di queste cazzate attribuendole senza nessun nesso logico all’azione del ‘migliore’.

    "Mi piace"

    • SM,
      Il nesso logico c’è.
      Era draghi a cantare sul palco , truccato e con le unghie pittate, non Damiano che era chiuso in camerino; poi, appena si è struccato , in 24 ore ha imparato a giocare a calcio e con i suoi superpoteri ha vinto la coppa europea ; era sempre Draghi col mantello da uomo invisibile a spingere Jacobs a correre ,come è che nessuno se ne è accorto?
      L ‘uomo è anche modesto , ha solo qualità e nessun difetto , se sa pure cucinare pugliese quasi quasi , se non fossi sposata….🤣🤣🤣🤣🤣

      "Mi piace"

      • guarda, non solo sa cucinare ma pure fare il bucato, stirare, lavare i piatti, lavare per terra, rifare i letti, pulire il water con lo sciacquone e il wc net, fare la colazione coi kellogg’s e i fiocchi d’avena, rattoppare vestiti, lucidare scarpe (sopratutto quelle dei potenti), spolverare casa, portare i bambini a scuola e un sacco di altre cose. sopratutto pare sia bravissimo a contribuire a far fallire banche, tipo il fallimento di mps avallando l’affaire antonveneta.
        insomma un uomo (ma che dico uomo… un uominicchio!) da sposare!!!

        "Mi piace"

  8. “Ma che Draghi sia COLPEVOLE di omessa vigilanza per il caso MPS, [su] questo non ci piove.”

    Quando/dove hai studiato le cose di cui parli con sicumera? Alla scuola serale? All’Istituto Radio Elettra di Torino?

    Ci sono stati fior di magistrati che hanno indagato e controindagato, e non hanno trovato niente di niente. Poi arriva SM che legge un paio di post di Dibba e di qualche altro furbastro, non si chiede come mai sarebbe possibile che, dopo 50 anni di vita in cui non ha MAI capito un cazzo, improvvisamente prende e capisce (“‘o miracolo”…), e ci viene a spiegare che “Draghi è sicuramente colpevole” (lo scrive pure a tutte maiuscole, perché lui ha capito tutto ed è sicuro), e gli trova pure il reato: “omessa vigilanza”.

    Bah…

    "Mi piace"

  9. “Il risultato più importante di Draghi è stato il riavvio di una vacillante campagna di vaccinazione contro il Covid-19.
    All’inizio di marzo, l’Italia aveva somministrato solo 8,6 dosi ogni 100 persone, al di sotto della media UE.
    Peggio ancora, non riusciva a dare la priorità agli italiani più anziani più vulnerabili.
    Mentre i tassi di mortalità sono diminuiti in altre parti d’Europa, quello dell’Italia è aumentato .
    Ora, le vaccinazioni in Italia sono davanti a Germania, Francia, media UE e presto Regno Unito.
    Prima che il Paese partisse per le vacanze di agosto, l’Italia stava pungendo più di 500.000 bracci al giorno.
    L’ obiettivo del governo di vaccinare l’ 80% di tutti gli italiani di età pari o superiore a 12 anni entro
    la fine di settembre sembra fattibile.
    L’obbligo di esibire un “pass verde” vaccinale per accedere a ristoranti e luoghi di intrattenimento
    dovrebbe stimolare l’adesione.
    A differenza della Francia, il pass non ha provocato reazioni pubbliche.
    Con i tassi di infezione sotto controllo, l’Italia è stata in grado di aprire la sua economia da aprile, evitando nuove restrizioni.”

    1) a Febbraio/Marzo 2021 la consegna delle dosi in EU era claudicante ma non per colpa dei vari governi,
    erano le case costruttrici ad essere in deficit di produzione e somministri quello che hai non quello che hai preventivato.
    https++://www++.vanityfair.it/news/cronache/2021/02/01/vaccini-dal-15-febbraio-consegne-regolari-di-pfizer?refresh_ce=
    https++://www++.adnkronos.com/vaccini-covid-von-der-leyen-in-arrivo-360-milioni-dosi-in-ue_2BsYRoy8Y5zAwmpyhhDnLL
    (togliere i ++)
    se Draghi è arrivato in concomitanza della stabilizzazione delle forniture non ne ha certamente merito.
    e stabilire che l’altro non sarebbe stato in grado di affrontare la campagna vaccinale è una accusa
    senza prove, una chiacchera da bar, anzi da pub.

    2) la priorità agli anziani c’è sempre stata, in contemporanea con il personale medico ospedaliero e quello paramedico
    che li doveva assistere nelle RSA, vabbè ci sono stati Scanzi e un poco di confusioni su certi ordini professionali,
    ma come non ricordare il cazziatone di Draghi verso chi, seguendo le sue direttive, s’era fatto vaccinare?

    3) in effetti in Italia non protesta nessuno per il Green Pass, filosofi a parte.

    4) e che i tassi di infezione siano sotto controllo è una esagerazione che i numeri non supportano,
    i >7000 di oggi corrispondono a quelli di Maggio, ed al momento siamo a salire visto
    che un mese fa erano 887 ed ora le scuole sono chiuse e gli uffici parzialmente chiusi
    vediamo che succede tra Settembre ed inizio Ottobre.

    inoltre magnificare l’incremento del pil è quanto mai poco significativo se parti da una situazione negativa
    dove hai un meno 8.9% l’anno precedente, quindi avere un più 5% ti porta al massimo ad una situazione
    sempre sotto al pil 2019 che già non era certamente roseo visto che era lo 0 virgola %

    meglio che nulla ovviamente ma ben distante da dare l’euforia che ha coli che ha fatto il compitino.

    "Mi piace"

    • In Italia abbiamo paura. E’ questa la spegazione. Oppure siamo tutti ricchi e gli imprenditori che si strappavano letteralmente i capelli in TV millantando figli affamati, dipendenti sul lastrico ed enumerando suicidi di colleghi durante il governo precedente li cercavano i giornalisti col lanternino. Ora tutto tace, in TV solo contenti del green pass che ad alcuni pare abbia anche moltiplicato i clienti. Persino Briatore si è quietato. Potere dei Migliori.
      Voglio vedere quando le piogge manderanno deserti i millanta tavoli in più all’ esterno che hanno invaso ogni anfratto delle nostre città.
      Riusciranno i giornalisti a trovare qualche barista felice da intervistare in TV o dovranno camuffarsi loro da ristoratori ed intervistare gioiosi se stessi? (Manca poco…)

      "Mi piace"