Grillo e Conte si attovagliano a pranzo in un ristorante a Marina di Bibbona

(ANSA) – Incontro a Marina di Bibbona (Livorno) tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. Il ‘padre’ del M5s e l’ex premier sono stati a pranzo insieme in un locale della località di mare dove il comico possiede Villa Corallina, il ristorante il Bolognese da Sauro. Beppe Grillo e Giuseppe Conte, accompagnati solo dagli uomini della scorta, si sono presentati alle 14.30. Hanno ordinato un antipasto di pesce e una spigola al forno con verdure, conversando tra loro, sarebbe stato notato, in un clima molto cordiale. Alle 16 erano sempre al tavolo, in attesa del dolce preparato da Celeste, figlia del proprietario.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

19 replies

  1. … dalle confessioni della stessa Celeste che non ci poteva credere al suo giorno di gloria… ma certo che il clima era cordiale, ci mancava solo che si prendessero a pesci in faccia e la spigola per aria :-)))

    Piace a 1 persona

  2. No vabbé Marianna Aprile oggi è per Di Maio che è un vero leader e che Conte non potrà mai esercitare le funzioni che ha esercitato Di Maio, quando? Due anni fa.
    No ecco, ora la sinistra per la destra ha deciso che Conte deve dimostrare di essere all’altezza del nostro prestigioso ministro degli esteri, quello che fino a ieri per loro (sempre per la sinistra per la destra) era giggino il bibbbitaro.

    Piace a 1 persona

  3. 2050?Dormici sopra riflettere? Per evitare figure di M.(dico io)Il 2050 a mio parere se non “spiegato” non vuole dire niente.E non solo per me.Con un marca così è tanto se si arriva al 2022.Saluti

    "Mi piace"

  4. Festeggiano il successo della sceneggiata che hanno recitato per prendere per i fondelli gli onesti, cioè i cosiddetti fessi sulle cui spalle campano i dritti, che il 4 marzo 2018 votarono 5,S.

    "Mi piace"

  5. OFF TOPIC
    MA VISTO CHE NON SE NE PARLA LO POSTO QUI

    ““Quando capì di me mia madre mi disse: ‘Ho paura per te’. Tutti i genitori hanno paura per i propri figli. Per il loro futuro, per la loro salute, per un incidente, per una casualità amara del destino. Ma non tutti sono costretti ad avere pura per una società immatura, che ritiene che tuo figlio o tua figlia possano o debbano essere un soggetto più vulnerabile per quello che è”

    chi l’ha detto?
    oggi al senato nella discussione sul ddl Zan la senatrice Barbara Masini di FORZA ITALIA

    bellissime e sentite parole
    ma mi domando quanto ipocrita è per stare in FORZA “mafia” e con la sciagura della fascio-destra del duo Meloni-Salvini?

    Piace a 2 people

    • Appunto, e questo da’ fiato alle trombe “regressiste”. La destra impugna il caso per fare generalizzazioni all’esatto contrario, ed occupa il chiacchericcio.

      Ë ovvio che l’essere qualcosa non impedisce di operare contro le idee che il Progressismo ha visto nascere intorno al “qualcosa”.

      Cecil Rhodes era omosessuale, e fascista schiavista. Yuko Mishima era omosessuale, nonostante i sette figli, ma era un fascistone frustrato dal dopoguerra. Sai quanti omosessuali vanno dal terapista perché non possono essere apertamente fascisti! A parte Carolina e Veneziani, a loro chi pensa?

      Chicco Testa…. grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr! Lasciamo perdere.

      La destra dice: vedi la’, abbiamo il negher nella Lega ed il carrozzato la lesbica in Forza Italia.

      Senza le Parole non si fa nulla. Se vai a zappare ti porti la zappa, non il cucchiaio.

      "Mi piace"

      • Per via della foga ho dimenticato questo: e’ quindi irresponsabile credere che l’essere “qualcosa” nel senso di acquisire e sabilizzare una narrativa personale di etichetta, abbia una minima incidenza sulla speranza che le ideef proposte vadano di pari passo con il ripristino di diritti perduti o la difesa di diritti negati connessi alla “etichetta” in questione.

        Kamala Harris, oggi vicepresidente USA, era a suo tempo (giudice istruttore in California) il fiorellino all’occhiello dei riccone che volevano “pene piú dure”. Questo perché la sua famiglia era ricca all’inizio, con poche Parole. Invece Stacey Abrams, fregata da come funzionano le leggi elettorali da lei, quella sí che usa le Parole.

        Yulia Tymoshenko ha lasciato cadere tutto il cadibile per aver lasciato via libera agli intrallazzi del fratello.

        Una “donna” é una persona, una lesbica é una persona, un semiparalitico e’ una persona, sono persone che possono scegliere e quindi possono scegliere Berlusconi.

        Poi peró, spero, arriveremo noi e cambieranno subito idea.

        Spero…

        "Mi piace"

  6. OMNIBUS – Fusani !! ci spiega il patto della spigola, Cassese “autorevole” parla della giustizia e il patto della spigola
    esercitazioni in corso : come togliere la spina del pesce dalla gola

    "Mi piace"