Estate: green pass, coprifuoco spostamenti. Tutte le regole per le vacanze

(tpi.it) – Il turismo è la chiave di volta per far ripartire l’Italia e aiutare i settori della popolazione maggiormente colpiti dalle conseguenze economiche della pandemia. Per questo farlo ripartire è una priorità. Questo il messaggio lanciato ieri dal premier Mario Draghi e dal Ministro per il Turismo Matteo Garavaglia nell’ambito della riunione ministeriale del G20 sul turismo.

“La pandemia ci ha costretto a chiuderci, ma l’Italia è pronta a ridare il benvenuto al mondo”, ha detto il presidente del consiglio. “Se c’è un Paese intrecciato con il turismo, che vive di turismo, è il nostro”, ha ribadito. “È arrivato il momento di prenotare le vostre vacanze in Italia, e naturalmente non vediamo l’ora di accogliervi di nuovo”, ha aggiunto facendo riferimento ai turisti stranieri e garantendo che ci saranno regole chiare e precise per spostarsi in estate. Ma quali saranno?

LE REGOLE PER L’ESTATE: GREEN PASS EUROPEO

Fondamentale per spostarsi tra un Paese e l’altro e garantire agli stranieri di venire in Italia sarà il green pass europeo, con cui i turisti non dovranno fare la quarantena una volta giunti nella meta di vacanza. Per ottenerlo, però, bisognerà essere guariti dal Covid, aver effettuato un tampone negativo o essere vaccinati. La certificazione dovrebbe essere pronta entro metà giugno.

IL PASS VERDE NAZIONALE

Nell’attesa, “il governo italiano ha introdotto un pass verde nazionale, che entrerà in vigore a partire dalla seconda metà di maggio”, ha chiarito ieri Draghi. Il pass nazionale “permetterà alle persone di muoversi liberamente tra le Regioni”. Anche in questo caso per ottenerlo sarà necessario essere vaccinati, essere risultati negativi a un tampone nelle 48 ore precedenti alla partenza o essere guariti dal Covid.

Il lasciapassare potrà essere concesso anche agli stranieri desiderosi di visitare l’Italia “a partire da metà maggio”. Il pass per gli stranieri segue le indicazioni già inserite nel decreto attualmente in vigore per le “certificazioni verdi”: avvenuta vaccinazione (con entrambe le dosi e solo con i vaccini autorizzati dall’Ema), guarigione dal Covid o esito negativo del tampone effettuato nelle 48 ore precedenti dalla partenza.

COPRIFUOCO

Per quanto riguarda, infine, il coprifuoco, come anticipato da Draghi l’esecutivo dovrebbe discutere della possibilità di estenderlo oltre le 22 a metà maggio. “Il coprifuoco va superato, siamo tutti d’accordo”, ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a margine del G7 a Londra. Superare il coprifuoco sarà possibile “grazie anche a una campagna di vaccini che finalmente ha segnato 500 mila dosi la giorno”, ha ricordato. “Siamo tutti d’accordo che il coprifuoco debba essere superato e stiamo lavorando per superarlo il prima possibile”, ha aggiunto.

ISOLE

Intanto, per tutelare gli abitanti delle isole più interessate dal turismo, sono previste vaccinazioni di massa della popolazione delle isole minori, dalle Eolie alle Egadi, dalle Tremiti alle Pontine, dal Giglio a San Pietro da Capri a Ischia e Procida.

2 replies

  1. quelli di TPI sono schizofrenici (con rispetto per i malati)

    home page 05/05/2021 ore 18.34
    IL CASO / Quarantamila migranti sono stati respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa):
    2mila sono morti. L’inchiesta del Guardian

    a lato
    Post Brexit
    Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito.

    ora il Guardian, leggo da Wikipedia, dovrebbe essere un “Web notizie e media britannico di proprietà di Guardian Media Group.”

    dunque un media inglese ci vuole castigare perché non si fa entrare cani e porci (con rispetto per i porci)
    mentre dall’altra ci informano che faranno entrare solo chi vogliono loro

    e TPI, o non si accorge dell’aiuto che da a questi imperialisti-globalisti con le terga altrui,
    o sono proprio conniventi e spingono sulla questione degli accoglimenti selvaggi.

    magari sono al seguito di quel partito di centro che si fa chiamare PD che, a Bologna, apre
    le primarie a 16enni ed immigrati ma, visto che non voteranno, vorrei capire perché dovrebbero
    scegliere un candidato da votare comunque, nel caso, citofonare Lepore per spiegazioni,
    non ore pasti.

    poi ci si lamenta se negli scranni c’è di tutto e soprattutto perché ci sono degli yesman

    "Mi piace"