Cecchi Paone: “Sono un massone. Ecco qual è il mio grado e cosa posso fare”

(ilparagone.it) – Pochi giorni fa Alessandro Cecchi Paone si è scontrato duramente con il leader di ItalExit Gianluigi Paragone. I due erano ospiti insieme ad una puntata di “Non è l’Arena” di Massimo Giletti su La7. Il tema del contendere erano i ristoranti vessati dal governo, un governo che non è stato in grado né di dare ristori né di assicurare riaperture certe e in sicurezza. Durante il suo intervento Cecchi Paone ha duramente attaccato i ristoratori dicendo loro di non capire nulla, che devono ripensare il loro lavoro e puntare tutto sul delivery perché quello è il futuro. Paragone gliene ha cantate quattro, e il video dello scontro ha girato su tutti i social. Oggi Cecchi Paone torna protagonista di un altro video, stavolta estratto da “La Confessione” di Peter Gomez di venerdì 16 aprile alle 22.45 in onda su Nove. Là ha confessato la sua appartenenza storica alla massoneria. Cosa ha detto? 

“Io sono nato massone. Sono maestro del terzo e ultimo grado della massoneria azzurra, quindi di più non posso crescere”. Poi ha spiegato le origini della sua affiliazione al Grande Oriente d’Italia: “I miei nonni si trovarono massoni”. Il giornalista ha specificato anche il suo grado: “Sono maestro del terzo e ultimo grado della massoneria azzurra, quindi di più non posso crescere”. E cosa vorrebbe dire? 

“Vuol dire che sei uno che è in grado di gestire una loggia, una tornata, di istruire gli apprendisti e i compagni d’arte”. Inoltre, ha concluso l’ex conduttore “sono anche architetto del rito simbolico italiano che sono i gradi di perfezionamento per impegnarsi particolarmente sui diritti civili, i diritti umani da cui dipende la Lega per i diritti dell’uomo e tutte cose del genere”.

“La Confessione” è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

17 replies

  1. Ecco chiarito il perché quel signore si può permettere di fare il Cecchi P. da una vita!
    Architetto di rito simbolico…
    Maestro di terzo grado…
    E pensare che credevo fosse solo un nullafacente,un perdigiorno!
    Potere delle logge….

    "Mi piace"

    • Su quale dato certo il Sig. Diamante si basa per essere così sicuro nell’affermare che oggi non esistono più massoni come UNA VOLTA? Sulla sineddoche puduista? Sul fatto che sia lui stesso un massone e quindi avere legittimità e attendibilità per parlare con pertinenza della faccenda? Su cosa, di grazia? Ci dica, siamo tutto stomaco…

      "Mi piace"

  2. “Pochi giorni fa Alessandro Cecchi Paone si è scontrato duramente con il leader di ItalExit Gianluigi Paragone. I due erano ospiti insieme ad una puntata di “Non è l’Arena” di Massimo Giletti su La7.”

    C’è di che mettere i sigilli al televisore.

    Piace a 4 people

    • “Oggi Cecchi Paone torna protagonista di un altro video, stavolta estratto da “La Confessione” di Peter Gomez di venerdì 16 aprile alle 22.45 in onda su Nove. ”

      Oggi o il 16 aprile?

      "Mi piace"

  3. Ecco perché è sempre stato in televisione, pur essendo piuttosto cospicuo che non fosse mai stato un granché intellettivamente: mi ricordo che venti anni fa in una trasmissione di Passaparola con Gerri Scotti fece una figura da supremo asino nelle domande culturali, non azzeccandone nemmeno una. Cosa dire? Se questi sono i massoni di oggi, mi pare che la bocciofila degli ottuagenari vicino a casa mia sia enormemente molto più pericolosa

    "Mi piace"

  4. Sicuramente no. Quelli di oggi si rifanno al proverbio napoletano:
    Nun so’ fesso ma faccio u fesso, perché facendo u fesso, ti faccio fesso.

    "Mi piace"

  5. Aggiungiamo pure che nel governo giallo-verde che piaceva a Paragone erano massoni – a quanto pare – almeno Savona, Tria e Moavero Milanesi. Anche questa è una non-notizia, ma avrebbe dovuto scandalizzare Paragone.

    Piace a 1 persona