Iss, ecco le nuove raccomandazioni contro il virus: due metri di distanza

(di Fabio Sparagna – Il Fatto Quotidiano) – Nel day after della sospensione del vaccino AstraZeneca, l’Istituto superiore di Sanità prova a dare un po’ di punti fermi sulla campagna in corso. Lo fa con un documento presentato assieme a Inail, Aifa e ministero della Salute. Sullo sfondo, la preoccupazione per le varianti inglese, brasiliana e sudafricana, che impone qualche precisazione anche sulle misure di contrasto già note. “Sarebbe opportuno aumentare il distanziamento fisico fino a due metri, laddove possibile” e in tutte le situazioni in cui si resta senza mascherina; è consigliato l’isolamento in stanza singola o il raggruppamento per tipologia per i casi di contagio da varianti; suggerito l’utilizzo di test diagnostici multi-target non limitati al gene Spike, per evitare false negatività indotte dalle mutazioni. Per quanto riguarda i vaccini, si registrano le prime valutazioni della tempistica dell’immunità per i tre sin qui utilizzati: una settimana dopo la seconda dose con Pfizer, due settimane dopo con Moderna, tre settimane dopo la prima e fino al richiamo della dodicesima settimana con AstraZeneca. E qualche (in)certezza non irrilevante: nessun vaccino garantisce il 100% dell’immunità, ma non sono chiari neanche il grado di protezione dalle forme asintomatiche e la durata della protezione indotta (ma potrebbe essere simile a quella successiva all’infezione, che i primi studi attestano a una media di 5 mesi). Nessuna eccezione all’utilizzo dei Dpi e al mantenimento delle distanze fisiche per i vaccinati dunque. E in caso di contatto con un positivo al Covid, restano l’isolamento e le misure previste dalla normativa attuale. Chiarimenti anche sui casi di pregressa positività: è confermata la possibilità della somministrazione di una sola dose dopo 3 mesi dall’infezione (ma almeno entro 6 e non in caso di soggetti a rischio). Si ribadisce poi la sicurezza del vaccino indipendentemente da precedenti contagi; sconsigliata quindi la ricerca di anticorpi prima della somministrazione (ma negli ex-positivi si rileva una maggiore possibilità di lievi effetti collaterali). Discorso a parte per i pazienti trattati con plasma o monoclonali, cui si consiglia un’attesa di 90 giorni prima della vaccinazione.

2 replies

  1. Traduzione:”Vaccinatevi pure tutti, tanto non cambierà un c… se non l’aggiunta di possibili effetti collaterali”.

    "Mi piace"

  2. Una volta dimezzato l’ISS era giusto che si raddoppiasse la distanza altrimenti avrebbero dovuto acquistare un nuovo e più piccolo tavolo intorno al quale sedersi.

    "Mi piace"