Covid, Ricciardi: “Vaccinazione di massa non ci garantirà normalità”

(Adnkronos) – La vaccinazione di massa contro il Covid-19 non ci garantirà il ritorno alla normalità. E’ quanto sostiene Walter Ricciardi. Ospite del webinar ‘Obbligati a crescere – Vaccino, come ricominciare’, promosso dal Gruppo Caltagirone, il consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, e docente di Igiene all’università Cattolica sottolinea che “dobbiamo assolutamente vaccinare quanto prima possibile e quanto più possibile, ma dobbiamo anche capire che il vaccino di massa non sarà l’arma di liberazione che ci garantirà il ritorno alla normalità. L’unica cosa che ce la garantirà è la combinazione di più armi”.

Ricciardi ha assicurato inoltre, che “non ci saranno problemi di dosi di vaccino nel corso dell’anno, quindi ci sarà la possibilità di vaccinare milioni di persone, ma purtroppo – ha sottolineato – questo è un virus estremamente contagioso, per cui una possibile immunità di massa si può raggiungere solo quando la quasi totalità della gente sarà vaccinata. E ciò è estremamente difficile da raggiungere. Nel caso del coronavirus ci sono due ordini di problemi, il primo è che il vaccino probabilmente non ha un’immunità duratura e permanente, ma di pochi mesi e il secondo non riusciremo a vaccinare il 95% della popolazione. Ciò ci induce a capire che dobbiamo fare più cose insieme, la vaccinazione sicuramente ma anche altre cose, perché – ribadisce – non sarà soltanto la vaccinazione di massa che ci consentirà di tornare alla normalità”.

Quindi Ricciardi sottolinea: “Con scelte giuste fatte al tempo giusto, oggi saremmo in condizioni normali: potremmo andare al ristorante, al bar, probabilmente potevamo andare al cinema. Affollare in maniera razionale gli stadi”. “Lo dicendo da ottobre”, ricrda e “se nelle varie fasi dei miei avvertimenti questi fossero stati recepiti oggi potremmo vivere normalmente. Poi adesso tutti quanti etichettano questo come lockdown ma è una strategia no-Covid, significa salvare le vite”.

16 replies

  1. leggermente OT
    se l’Ansa scrive (oggi)
    “la Danimarca ha sospeso, per precauzione, l’uso del vaccino anti Covid di AstraZeneca
    a causa di problemi di coagulazione del sangue in alcuni pazienti.
    Lo hanno reso noto le autorità.”
    è fare informazione
    se lo scrivono i russi, con parole analoghe e sovrapponibili, è disinformazione.
    se i media occidentali riportano che l’approvazione dello Sputnik V è come
    giocare alla roulette russa è commento politico, mentre
    sui quotidiani russi non ho ancora letto commenti negativi, di politici, simili a questo.
    ma per gli americani loro fanno pressioni sui vaccini occidentali.
    mi spiace solo che la difesa d’ufficio del primo vaccino russo in Italia sia
    da attribuire il duo M.S. e Bassetti, veramente un peccato, non lo merita.

    e i geni che dicono che sarà prodotto in Italia perché i russi non ce la fanno a farli,
    il motivo è che hanno troppe richieste dagli oltre 30 stati che giù l’hanno approvato,
    visto che costa la metà, non ha i problemi della conservazione con il grande freddo,
    e che al momento, con tutta la stampa e le ong occidentali contro, non sono ancora
    segnalati decessi.
    mentre i decessi con quelli occidentali ci sono, ma non sono mai attribuiti ai vaccini.
    l’ultimo italiano è, dicono, causato da infarto intestinale
    però leggendo cosa cavolo è, si scopre che è preceduto da dolori ed altri sintomi
    non è come quello al cuore o un aneurisma che spesso sonio fulminanti.
    all’estero sono operatori sanitari che muoio dopo la vaccinazione,
    sempre per motivi che non hanno a che fare con il vaccino, sempre cause preesistenti.
    ma vanno al lavoro ugualmente così messi male?

    "Mi piace"

    • in tema
      ““Con scelte giuste fatte al tempo giusto, oggi saremmo in condizioni normali”
      un altro che ha le soluzioni in tasca, ma non l’ascoltano, poretto lui.
      le scelte giuste sarebbero? elencale, non basta dire “le sto dicendo da tempo”
      nel tempo prima dei vaccini non c’erano soluzioni che avrebbero consentito il liberi tutti
      neppure con la condizionale.
      nessuno
      altrimenti qualcuno, al mondo, l’avrebbe adottato.
      invece tutti a chiudere, aprire per poi richiudere, state lontani, mettete le mascherine – stop
      mentre sul fatto che i vaccini non ci daranno la normalità
      il discorso è complicato e probabilmente vero, è comunque da verificare,
      al momento siamo alle ipotesi che si fanno con ciò che si sa.
      i vaccini non uccidono il virus, non ne limitano l proliferazione, se non parzialmente.
      agiscono sul sistema immunitario in modo che reagisca correttamente riconoscendolo
      ed evitando che la situazione voga al peggio (per quelli in cui lo potrebbe diventare)
      inoltre, dato che il momento maggior contagio parrebbe essere nel periodo pre sintomi,
      che dovrebbe corrispondere al periodo di attivazione della difesa immunitaria stimolata dal vaccino,
      l’effetto passavirus dovrebbe permanere, mettendo a rischio gli impossibilitati alla vaccinazione
      e i no-vax
      di questi non mi preoccupo, mazzi loro, anzi gradirei che fossero aiutati solo dietro pagamento
      e non gratuitamente dal SSN, mentre per i primi il problema è non risolvibile
      sino alla creazione di vaccini adatti al loro stato di salute.

      "Mi piace"

    • Il problema non sta nella scienza di questo o quel vaccino, ma nella possibilita’ di poterne verificare l’ipotesi di selezione, la sua costruzione, la sua produzione, la sua verifica sul campo. Questo, con la Russia & Co. non e’ possibile.

      "Mi piace"

  2. L’avevo detto giusto ieri.
    Negli Stati che hanno vaccinato praticamente tutti, la dittatura si è strinta.
    Ed è ovvio, perché il vaccino è il vostro certificato di sottomissione.

    Ieri, avevo anche spiegato perché non arriverà lo Sputnik russo.
    « 𝐐𝐮𝐚𝐥 𝐞̀ 𝐢𝐥 𝐜𝐨𝐧𝐟𝐢𝐧𝐞 𝐭𝐫𝐚 𝐮𝐧 𝐛𝐮𝐬𝐢𝐧𝐞𝐬𝐬 𝐠𝐥𝐨𝐛𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐢 𝐬𝐮𝐜𝐜𝐞𝐬𝐬𝐨 𝐞 𝐭𝐞𝐧𝐭𝐚𝐭𝐢𝐯𝐢 𝐝𝐢 𝐠𝐨𝐯𝐞𝐫𝐧𝐚𝐫𝐞 𝐥𝐚 𝐬𝐨𝐜𝐢𝐞𝐭𝐚̀ 𝐢𝐧 𝐦𝐨𝐝𝐨 𝐚𝐬𝐩𝐫𝐨 𝐞 𝐮𝐧𝐢𝐥𝐚𝐭𝐞𝐫𝐚𝐥𝐞? » … Ricordate?
    Eccoci, ho appena letto su un sito internazionale, di una ‘esercitazione’ NATO nel mare Ionio per scovare ‘sommergibili russi’ che si è svolta dal 22 febbraio al 5 marzo; ha visto la partecipazione di: Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Grecia, Spagna, Belgio e Turchia. Hanno partecipato sottomarini d’attacco nucleare e portaerei a propulsione nucleare.
    La nazione ospitante? L’Italia, che ha messo a disposizione il ​​porto di Catania.

    Ovviamente i media, erano troppo occupati con la devastante “pandaèmia”, le mascherine e i vaccini, per fornirvene notizia.
    A quando un bel false flag per eliminare Putin una volta per tutte?
    Tanto nessuno se ne accorgerà: sono tutti lì alla TV ad ascoltare Il papa nero Ricciardi parlare di vaccini.

    "Mi piace"

  3. Da più di un anno viviamo (anzi, esistiamo) agli arresti domiciliari, senza poter vedere in molti casi neanche i parenti.
    Poi ci preannunciano la ‘luce in fondo al tunnel’ dei vaccini.
    Però, i vaccini, che non fermano il contagio ma solo limitano i sintomi, danno una copertura di pochi mesi.
    Allora?
    Vogliamo trasformare l’umanità in un allevamento intensivo, come quello del pollame in stie?
    Sterminarla per povertà e risolvere il problema della sovrappopolazione?
    Le cure ci sono, che si implementino quelle!
    Per quanto intendono approfittare della nostra pazienza? Siamo ancora sicuri che meritino la nostra fiducia?

    "Mi piace"

  4. “Danimarca sospende l’uso del vaccino di AstraZeneca: “Problemi di coagulazione e circolazione del sangue”. LOTTA ALLA PANDEMIA – Stop deciso in via precauzionale per 14 giorni [ahah… ndr.]. In Austria, Estonia, Lituania, Lussemburgo e Lettonia sospesa la somministrazione del farmaco proveniente dal lotto ABV5300 (non distribuito in Italia)… [che culo, ndr.]”: le dosi omeopatiche di MERDA e CAOS della narrazione vaccinale che li annulla rendendole infinitesimali, stanno diventando una discreta VALANGA che non è più possibile non annusare. Ne annuseremo ancora delle belle!

    "Mi piace"

  5. Ma il gen Figliuolo perche’ non chiude la bocca a un corvo come questo o a quel Cartabellotta il quale oggi e’ stato suonato all’ aria che tira da Borghi , il quale ha detto chiaro e tondo che non e’ un virologo ma un gastroenterologo e va sparando sentenze in tv da piu’ di un anno !

    "Mi piace"

  6. Questo losco individuo sembrava messo a tacere e invece… Eccolo di nuovo qua. Prima spara “Il locdown non basta” oggi manco le vaccinazioni. Cos’è, non resta che il suicidio collettivo? Non psa pensare come sfoghi in privato le sue evidentemente sadiche pulsioni, ma almeno ci siano risparmiate in pubblico.
    La faccia tosta con cui poi riesce a dire “Con scelte giuste fatte al tempo giusto, oggi saremmo in condizioni normali” sarebbe quasi degna di ammirazione se il personaggio non fosse tanto squallido. E inoltre chi era consulente dell’ebete (leggi “ministro”) alla sanità? Io?

    PS Mi firmo connome e cognome perché sono pronoto a ribadire ogni giudizio su costoro anche guardandoli negli occhi (e quanto mi piacerebbe farlo…)

    "Mi piace"

  7. Questo articolo vedo che ha richiamato tutta la teppa faciolegaiola e filorussa.

    Conteestate Ricciardi con gli stessi modi sgangherati usati quando lui annunciava la seconda ondata, a giugno e VOI e i VOSTRI referenti politici l’avete negata per tutta l’estate.

    Sto caxxo di sputnik poi non è stato validato dall’EMA perchè tra le discriminanti ci sarebbe la visione delle carte che attesterebbero i loro studi e le procedure adottate negli stabilimenti di produzione.
    Ma i russi vedono queste richieste come intromissioni indebite.
    Quando sarà il mio turo NON VOGLIO ESPRESSAMENTE IL VACCINO RUSSO, nel caso fosse autorizzato.
    Anche la sua efficacia è variata nel tempo con numeri in salita.
    Perchè la russia ha vaccinato in proporzione meno della metà degli italiani?

    Su AstraZeneca suppongo che ci sia in atto una guerra in atto verso di loro che hanno messo all’asta al miglior offerente le sue produzioni. E basta un cavilo per bloccarli su tutto il territorio europeo che, NON DIMENTICATELO, sarebbe il loro primo mercato per giro d’affari e margini.
    Spiace dirlo ma nella casistica legata ai vaccini qulche esito finale letale potrebbe pure starci. Mi lascia perplesso il fatto che si siano verificati su esponenti delle forze dell’ordine in Sicilia. Trombosi la diagnosi e infarto. Su chi avesse inocuiato le dosi con una puntura niente da dire? Aria nelle vene. A me qualche sospetto sorgerebbe. Ce appunto abbiano preso una vena invece che i capillari intramuscolari.

    "Mi piace"