Le garanzie politiche chieste da Alessandro Di Battista

(Alessandro Di Battista) – Ieri non ho parlato a titolo personale ma portando la voce di migliaia di iscritti che mi hanno votato come delegato nazionale. Ci sono moltissime persone che vorrebbero tornare in prima linea nel Movimento perché ne sono innamorate. Chiedono tuttavia garanzie politiche (garanzie politiche, non posti da qualche parte). Io sono con loro.

Le garanzie politiche che chiediamo sono:

1. La revoca delle concessioni autostradale ai Benetton. Ogni pedaggio che entra ancora nelle loro tasche è uno schiaffo alla memoria dei morti della strage di Genova.

2. Una presa di posizione netta (preludio ad una durissima battaglia da fare in Parlamento) sui conflitti di interesse tra gruppi industriali/finanziari e media e sui conflitti di interesse tra banche e politica. Governare insieme non significa non opporsi con forza all’ennesimo caso di ex-ministro dell’economia come Padoan che finisce a presiedere Unicredit intenzionata, tra l’altro, ad acquistare MPS salvata, con denaro pubblico, proprio da Padoan quando era ministro. Questo è un momento drammatico per le tasche dei cittadini e il primo modo per mettere in sicurezza il risparmio dei cittadini è impedire questa oscena commistione tra politica e finanza.

3. Che venga messo nero su bianco che non vi saranno deroghe sul vincolo dei due mandati.

4. Che venga messo nero su bianco che alle elezioni politiche del 2023 il Movimento 5 Stelle si presenterà da solo.

5. Che il Movimento 5 Stelle non voterà mai in Parlamento una legge elettorale che non contenga le preferenze. Basta con le segreterie dei partiti che scelgono al posto dei cittadini.

6. Che venga creato un Comitato di garanzia composto da eletti (non membri del governo) e iscritti al Movimento che abbia il compito di:- Dettare regole chiare e trasparenti sulle future nomine sia all’interno dei Ministeri e sia nelle aziende di Stato.- Pubblicare nomi e cognomi, curricula e compensi di tutte le persone nominate dagli esponenti del Movimento 5 Stelle nei Ministeri e nelle partecipate di Stato.- Realizzare una “mappa del potere” relativa a tutte le nomine pubbliche per fornire a tutti noi cittadini informazioni dettagliate su chi, di fatto, prende scelte significative che riguardano la geopolitica, l’energia, le bollette, l’ambiente, la sicurezza nazionale, la ricerca, la parità di genere, la tutela dei minori, il rispetto della libertà di informazione.Se ciò (in particolare i punti 1,2 e 6) verrà fatto si troverà il modo (e il ruolo) affinché io possa dare un contributo al Movimento più efficace.

9 replies

  1. Io credo che il vincolo dei 2 mandati potrebbe essere più elastico nel caso che:
    1) la persona interessata richieda, motivando i motivi e producendo un dettagliato rapporto sulla attività svolta, incisività della stessa nel suo quadro di riferimento e intenzioni operative in caso di rinnovo
    2! Nulla osta motivato da parte del comitato dei probiviri o di altro organo collegiale, esistente o da creare
    3) votazione positiva o negativa degli iscritti
    È un peccato he si vanifichi il lavoro di certe persone, spesso non ancora concluso. Come esempi, ma non sono soli, Bonafede o Morra o Patuanelli

    Piace a 2 people

    • @bugsyn,
      in politica non dovrebbero essere le persone a contare, ma le idee che camminano sulle gambe di tutti gli appartenenti a quel movimento o partito che le fa camminare…!!!
      che importanza ha se sia bonafede o pinco pallino a far si che si compia una giustizia più libera, più giusta, più vera e meno corrotta palam-aramente…?
      che importanza ha se sia morra o tizio a far si che il primato della democrazia si riaffermi sull’attuale tirannia partitica-oligarchica?
      che importanza ha se sia patuanelli o caio a far si che la libertà di espressione torni a vincere sull’oscurantismo che regna nelle ferriere gestite da “prenditori” fascistoidi che licenziano, senza possibilità di appello, coloro che denunciano il fascismo imperante in molte fabbriche…?
      e, detto francamente, non pare bonafede, morra o patuanelli abbiano fatto molto per far prevalere la democrazia, la giustizia, la libertà, l’uguaglianza e la trasparenza sulla tirannia oligarca fascioliberista che sta soffocando il paese già culla del rinascimento, di beccaria e di molti uomini e donne di gran lunga migliori di bonafede, morra, patuanelli e, aggiungo io, del tatrapoltronaro (destrorso traditore e usurpatore?) che non provando un minimo di vergogna continua ad imperversare e far del male al moV…???

      "Mi piace"

    • Sono d’accordo. Se una persona ha ben operato e’ giusto che continui. Le esperienze non si acquisiscono una tantum ,ma cammin facendo, come una qualsiasi professione. Che fa ,e fara’ la differenza e’ ,e sara’ l’onesta materiale e, intellettuale applicata.

      Piace a 2 people

  2. Da sempre sono contrario alla regola dei due mandati. La politica si fa con capacità e vocazione diverse ( uno vale uno ha senso sul peso democratico di ognuno, certamente non sul valore), e l’esperienza pesa ed aiuta, anche per le relazioni, conoscenze, che possono accelerare o risolvere stalli decisionali. Nonostante ciò resto un sostenitore del Movimento, in versione Di Battista in primis.

    Piace a 2 people

    • Non mi stancherò mai di ripeterlo, meglio un politico meno capace ma onesto che uno più capace si, ma di farsi i propri interessi. Per il primo la soluzione è accerchiarsi di persone di fiducia più capaci di lui, per il secondo la soluzione è cacciarlo a pedate.

      Piace a 2 people

  3. Il vingolo dei due mandati è fondamentale, tuttavia va studiato il modo di non buttare alle ortiche il patrimonio d’esperienza parlamentare e governativa così faticosamente accumulata. Chi di questa esperienza è stato soggetto ,testimone, fautore e quindi detentore, una volta tornato alla quotidianità di noi altri alle prese dei problemi della vita e del lunario da sbarcare, difficilmente troverebbero il tempo e le energie per deticarsi alla politica attiva h24.Le utopie serveno a progettare qualcosa di nuovo e migliore ma bisogna anche tenere i piedi piantati per terra.

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.