Carissimi onorevoli italiani. Sono i più pagati d’Europa

Ai tedeschi 90mila euro l’anno, ai nostri 140mila. Impietoso raffronto nel report dell’Europarlamento

(Carmine Gazzanni – lanotiziagiornale.it) – È proprio il caso di dirlo: adesso lo dice anche l’Europa. Una conferma ulteriore a qualcosa che – diciamolo – tutti più o meno immaginavamo: i parlamentari italiani sono i più pagati tra i 27 Paesi membri. A dirlo, più che chiaramente, è un corposo report realizzato dal Parlamento europeo. I numeri sono chiari (come si evince anche dai grafici qui di fianco): con oltre 140mila euro di “salario” netto – che include indennità, diaria, rimborsi spese e benefit – gli eletti in Italia sono i più pagati, meglio degli omologhi tedeschi che si fermano a 90mila euro. Ma dietro ancora ci sono gli eletti a Parigi, che prendono 84mila euro, in linea con la media dei deputati europei, poi gli inglesi (70mila euro). Che dire, infine, dei parlamentari ungheresi, i meno pagati – loro malgrado – di tutta Europa. Pensate: gli italiani arrivano a prendere dieci volte di più rispetto agli omologhi di Budapest.

DALLA PADELLA ALLA BRACE. C’è da dire, però, che quello degli stipendi non è l’unico tema che emerge dal corposo report (213 pagine in tutto). Anzi: lo stesso rapporto è stato richiesto dalla Commissione per il controllo dei bilanci perché anche a Bruxelles la spesa per le onorevoli pensioni è un fardello pesante. E a ben vedere: nel 2019, si legge, le pensioni degli ex eurodeputati sono costate complessivamente 15 milioni di euro. I due fronti di analisi – da una parte gli stipendi, dall’altra le pensioni – d’altronde sono collegati a doppia mandata: le pensioni degli eurodeputati, infatti, sono stabilite in relazione all’ammontare delle pensioni degli eletti alla Camera bassa (Montecitorio per quanto riguarda l’Italia) di ogni singolo Paese. All’aumentare dell’una, dunque, aumenta anche la seconda, e viceversa.

PENSIONATI SUPER STAR. Ed è evidentemente anche per questa ragione che gli eurodeputati italiani non se la passano affatto male. Tutti gli eletti a Bruxelles al compimento dei 63 anni di età, hanno diritto a un pensione di anzianità a vita pari al 3,5% della retribuzione per ciascun anno completo di esercizio di mandato. Ma non è tutto: il privilegio scatta, clamorosamente, dopo appena un solo anno di mandato. Con una sola legislatura (cinque anni di mandato) ogni europarlamentare matura una pensione a vita pari a 1.484,70 euro al mese. Un importo raddoppia se l’europarlamentare fa due legislature. Privilegi su privilegi, dunque. In Europa come in Italia. Già, perché se a Montecitorio e a Palazzo Madama bastano cinque anni per maturare la pensione, le cose vanno diversamente in altri Paesi. In Belgio, tanto per dire, occorrono 34 anni. In Francia addirittura si arriva a 40 anni. Una distanza siderale che rende ben conto di cosa sia “casta” e cosa no.

LA NUOVA BATTAGLIA. Ed è per questa ragione che l’europarlamentare M5S Sabrina Pignedoli è pronta a rilanciare la battaglia sul taglio degli stipendi. “Questi dati non possono essere ignorati – spiega a La Notizia – Dopo il taglio del numero dei parlamentari bisogna passare alla fase due, quella della riduzione dello stipendio. Tutti i cittadini sono alle prese con il Coronavirus e stanno facendo sacrifici, è giusto che anche la classe politica dimostri sobrietà e dia un segnale di vicinanza al Paese. Il Movimento 5 Stelle ha già presentato una proposta di riduzione. Chi ci sta?”. Domanda che resta aperta alle opposizioni. Che ora saranno chiamate a rispondere anche su un altro fronte di battaglia, quello del taglio delle euro-pensioni: “La nostra proposta – spiega la Pignedoli – prevede un ricalcolo e una riforma delle pensioni degli eurodeputati, affinché il diritto pensionistico dei deputati sia in linea con i sistemi previdenziali dei cittadini ordinari dei singoli Stati membri. Una società avanzata come la nostra non può legittimare cittadini di serie A, con infiniti privilegi, e di serie B con diritti dimezzati. Questi diversi trattamenti sono inaccettabili”.

Stipendi parlamentari 11-2020

2 replies

  1. Probabilmente, non direi lo stesso se fossi uno di loro, ma credo che 59 milioni e più di Italiani sono unanimi nel considerare questi dati una offesa inaccettabile ai cittadini. Neppure in questa circostanza hanno avuto ilbuon gusto di aderire alle timide proposte di destinare una quota delle loro immeritate prebende a chi sta particolarmente soffrendo gli effetti della pandemia . Almeno fossero onesti e competenti. Solo i 5 Stelle si son dissociati da questo tremendo egoismo, fin da tempo prima. E per questo alcuni abbietti egoisti han deciso di tradire il movimento ed i cittadini che li hanno votati

    Piace a 2 people

  2. Un leghista di cui non faccio il nome ma è sicuramente sua l’affermazione, ha dichiarato che:” le eccellenze si devono pur pagare bene”!!!! La follia regna sovrana soprattutto all’interno dei parlamenti!! Avremo mai politici adeguati a governare decentemente il nostro paese? P.s. un pochini ce ne sono ma troppo pochi!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.