Zingaretti, se ci sei batti un colpo

(di Andrea Scanzi – Il Fatto Quotidiano) – La sensazione, forse sbagliata, è che Giuseppe Conte venga mandato al fronte senza troppe difese. Quasi che il suo destino, per opposizione (e ci sta) e maggioranza (e qui ci sta un po’ meno), fosse per forza quello di vivere l’inevitabile mitraglia. Antonio Padellaro ha scritto che, nella sua storia di cronista, non ha mai visto un presidente del Consiglio così linciato. Già questo è sintomatico, perché di presidenti del Consiglio peggiori ce ne sono stati tanti (quasi tutti) e sfuggono le colpe imperdonabili di Conte. A meno che, il virus, l’abbia creato lui in persona a Wuhan. Eppure larga parte dell’informazione, compresa quella “nuova” Repubblica così incerta da avere esordito con titoli alla “Libero garbato” (si perdoni l’ossimoro) e con un editoriale in prima pagina di Stefano Cappellini (come se Mick Jagger sostituisse Keith Richards con Povia), continua a macellarlo. Sognando l’inciucio à la Draghi e intervistando Renzi – i cui sondaggi grondano comicamente sangue – come se fosse sul serio uno statista.

In un simile scenario post-atomico e oltremodo capovolto, colpisce il silenzio pressoché assordante di Nicola Zingaretti. Per carità, l’uomo vanta da sempre il carisma dei salumai di provincia, contenti come bimbi quando riescono a venderti due etti in più di finocchiona tagliata a mano (“Che faccio, lascio?”; “Lasci sor Nicola, lasci pure!”). La squisita e quasi inseguita assenza di qualsivoglia grinta, nell’ineffabile Zinga, è ormai cifra distintiva. E del resto essere carismatici non è (forse) un requisito indispensabile per un politico, che dovrebbe piuttosto vantare onestà, coraggio e lucidità. Tutte doti che senz’altro Zingaretti ha. Per questo il suo silenzio, o le sue mezze parole, sembrano figlie del comportamento di un leader (ehilà!) ridotto a fare il pesce in barile. Un po’ perché ha paura dei tanti colleghi interni al partito restati renziani e pronti a defenestrarlo in Parlamento, un po’ perché il Pd dipende non poco da quel che pensa e scrive il Gruppo Espresso (cioè Repubblica, cioè Gedi). E un po’, forse, perché lo stesso Zingaretti non sa quel che pensare. A inizio governo Conte 2, il segretario del Pd si è rivelato molto più propositivo di Di Maio. È stato bravo. Come lo è stato nello smussare gli angoli, di fronte ad alleati assai litigiosi. Zingaretti ha poi sottovalutato (come tutti) fino a fine febbraio la pandemia, esortando addirittura a fare aperitivi a Milano quando il Covid-19 era già spietato (a insaputa sua e nostra). Si è ammalato, è guarito. Ma non ha ritrovato la voglia di parlare: non chiaramente, almeno. La sua pagina Facebook sembra quella di un caro estinto gestita da un biscugino laterale. Le sue (rare) interviste hanno la forza degli abeti vilipesi. E nel frattempo il governo, di cui è parte integrante, cresce nei consensi ma viene massacrato quasi sempre a torto (perlomeno nei toni).

Da qui la domanda: oh, Zinga, ci sei? Ci fai sapere, più prima che poi, se in questo governo credi ancora? Te la senti di schierarti a fianco di Conte, sul serio e senza politichese, o temi che il farlo scateni una grandine di fuoco amico? Venerdì scorso, ad Accordi&Disaccordi, il ministro Boccia ha detto chiaramente che non vede in futuro nessun governo che non contempli il Pd e M5S accanto: non in questa legislatura, quantomeno. È troppo chiedere altrettanta chiarezza da Messer Tentenna Zingaretti? Il segretario Pd è ancora convinto della bontà del Conte 2, oppure anche lui sotto sotto sogna un nuovo inciucio travestito da Draghi? Facci sapere, sor Nicola. Con comodo, ma neanche troppo.

1 reply

  1. Domanda:
    “Chi comanda veramente nel PD?”

    Renzi?
    Dopo il penoso fallimento dell’operazione “Italia Viva”, trasformatasi in pochi mesi in “Italia Morta”,
    il rignanese è stato abbandonato al suo destino anche da quelli che lo tenevano come carta di riserva
    da giocare nel momento di piazzare un candelotto di dinamite sotto le chiappe di Conte.
    Si sono resi conto che il bistrattato e sottovalutato avvocato pugliese nel governare come meglio gli
    riesce una crisi epocale, s’è munito di spessi mutandoni di acciaio 18/8: se Renzi accendesse la miccia
    c’è il serio rischio che invece di polverizzare l’odiato nemico lo si mandi in orbita.
    E poi?
    Una volta arrivato in orbita, con che cosa lo tiri giù?

    Zingaretti?
    Ufficialmente è lui il Chief Commander del PD, ma la sua incomprensibile neghittosità (l’ultimo a parlare
    è sempre lui e quando parla dice solo banalità… o quasi) fa nascere il sospetto che in realtà lo
    abbiano convinto a galleggiare come una paperella sulle acque tempestose senza prendere una direzione precisa in attesa che il grosso della tempesta Covid passi e che si siano meglio definiti i rapporti di forza.
    Non dice nulla a difesa di Conte perchè così, nel momento in cui toccasse a lui pugnalarlo, non
    farebbe la figura del sicario traditore (ruolo che invece Renzi predilige) e allo stesso tempo non lo critica né
    lo ostacola perchè in questo momento sarebbe guardato come un bestemmiatore della Madonna e dei Santi.

    Ma forse la verità è che oggi nel PD non comanda nessuno.
    Al suo interno c’è una lotta serrata tra i neo-liberisti renziani o post-renziani che non vogliono mollare le leve del potere nella PA e nelle Partecipate di Stato, e quei resistenti non del tutto dimentichi che il PD avrebbe
    dovuto essere un partito di centro-sinistra e non una delle tante “quadrate legioni” schierate a difesa
    degli interessi del Capitale.

    Zingaretti, come una paperella, si limita per ora a galleggiare in attesa che si calmino le acque anche
    nel suo partito.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.