La realtà ha battuto la fantasia

(Pietrangelo Buttafuoco – quotidianodelsud.it) – Dell’arresto dopo trent’anni di latitanza di Matteo Messina Denaro – il ricercato numero uno della Mafia – al netto della grande soddisfazione perché giustizia è fatta, un piccolo dispiacere comunque c’è. Ed è che trovandolo dove l’hanno trovato, in una clinica, a Palermo, è venuta meno l’ipotesi più fantasiosa e dunque più verosimile. Quella che Roberto Andò, maestro d’arte cinematografica, aveva inserito quale finale del film “Una storia senza nome”: il latitante che se ne va in America Latina, cambia sesso e diventa una diva delle soap opera. Peccato, dunque, un vero peccato. La realtà, questa volta, ha vinto sulla verità della fantasia.

5 replies

  1. Silvio B. aveva un eroico stalliere mafioso, un socio uomo di cultura condannato a sette anni di galera, indagato come occulto mandante per le stragi mafiose, fondatore di un partito nato sotto le macerie delle stragi 92 -93, ed era un finanziatore della mafia. Nulla da dire Pietra?

    "Mi piace"

  2. Da noi, come si vede, anche nei pressi del piccolo paesello natio-luogo di lavoro, in cui tutti sanno tutto di tutti non c’è bisogno di alcun cammuffamento, ed il “covo” (???) è un elegante appartamento sulla via principale.
    Non siamo mica in America Latina…

    "Mi piace"