Torna finalmente l’Oktoberfest: ma la birra ora costa due euro in più

Dopo due edizioni saltate a causa della pandemia, dal 17 settembre al 3 ottobre torna l’Oktoberfest. Entusiasmo a Monaco di Baviera, per un grande evento senza restrizioni. Ma i boccali, a causa dell’inflazione, costano due euro in più.

(tag43.it) – Grande entusiasmo a Monaco di Baviera per il grande ritorno dell’Oktoberfest, dopo due anni di stop a causa della pandemia: un evento a cui davvero non si poteva prendere parte da remoto. L’Oktoberfest 2022 si tiene dal 17 settembre al 3 ottobre, come sempre a Theresienwiese, e sarà interamente senza restrizioni. Tranne quelle autoimposte dai partecipanti, legate al portafogli: a causa dell’inflazione, i prezzi delle birre sono aumentati.

Dal 17 settembre al 3 ottobre torna l'Oktoberfest. La birra costa due euro in più a causa dell'inflazione.
Un’immagine dell’Oktoberfest 2003, edizione che vide partecipare oltre sei milioni di persone (Getty Images).

Oktoberfest, la prima edizione nel 1810

Il Covid-19 ha interrotto la lunga serie di edizioni che durava dal 1949, quando l’Oktoberfest ritornò per la prima volta dopo la Seconda Guerra Mondiale (ma nei tre anni precedenti c’erano state comunque delle “feste d’autunno”). Il primo Oktoberfest si tenne nel 1810, in occasione del matrimonio tra il principe ereditario Ludwig di Baviera e la principessa Therese di Sassonia. I festeggiamenti per le nozze, che si svolsero in quello che allora era solo un semplice prato (“wiese”) alla periferia della città, durarono cinque giorni e furono estesi a tutti gli abitanti di Monaco, così come ai venditori di birra e cibi vari. Dato il grande successo, fu deciso di ripetere la festa ogni anno.

A Monaco si beve rigorosamente a km zero

In questa decisione, certamente, la Corporazione dei Birrai ebbe un ruolo importante. E in occasione dell’Oktoberfest, da sempre si beve a km zero. A Theresienwiese viene spillata birra esclusivamente prodotta dai birrifici che hanno sede all’interno della città di Monaco: Augustiner, Hacker-Pschorr Bräu, Hofbräuhaus, Löwenbräu, Paulaner e Spaten-Franziskaner. Che, dal 1892, sono servite dalle kellerine nel classico bicchiere da un litro (Maß).

Dal 17 settembre al 3 ottobre torna l'Oktoberfest. La birra costa due euro in più a causa dell'inflazione.
Le kellerine dell’Oktoberfest 1928 (Getty Images)

Nel 1985 il record di visitatori: 7,1 milioni

Dal 1950 tutto inizia lo spillamento del primo barile di birra da parte del sindaco di Monaco nella tenda Schottenhamel. Quando il primo cittadino pronuncia la fatidica frase «O’Zapft is!» («È stappato!»), la festa può cominciare. L’Oktoberfest non è solo una maratona alcolica, ma una festa popolare a cui insieme ai bevitori incalliti partecipano anche tantissime famiglie. All’edizione 2019, l’ultima pre-Covid, presero parte circa 6,5 milioni di persone. Il record di 7,1 milioni di visitatori fu stabilito nel 1985. Nel 2016, il cattivo tempo e i timori legati al terrorismo fecero precipitare la cifra a 5,6 milioni.

Dal 17 settembre al 3 ottobre torna l'Oktoberfest. La birra costa due euro in più a causa dell'inflazione.
La folla dell’Oktoberfest 2002, edizione numero 170 (Getty Images)

La birra più salata di sempre

Nel 2022, i prezzi della birra variano da 12,60 a 13,80 euro per un Maß (un litro). Nel 2019, il costo dei boccali andava da 10,80 a 11,80 euro (con un aumento del 3 per cento rispetto al 2018). In parole povere, un boccale nelle grandi tende dell’Oktoberfest costerà due euro in più rispetto a tre anni fa, con un’impennata del 15 per cento. «Colpa dell’inflazione, siamo obbligati», hanno fatto sapere le associazioni dei birrai.

Dal 17 settembre al 3 ottobre torna l'Oktoberfest. La birra costa due euro in più a causa dell'inflazione.
Bevitori di birra in abiti tradizionali nel 2019, ultimo Oktoberfest prima della pandemia (Getty Images)

Il manifesto dell’edizione 2022

Ogni Oktoberfest ha un suo manifesto ufficiale, a cui poi viene legato il merchandising della festa. Quest’anno il manifesto vincitore è stato quello presentato da Leo Höfter, matematico che lavora in ambito finanziario, con una vena artistica autodidatta. Höfter ha disegnato una grande (e vuota) tenda birraria, in cui entrano tenendosi per mano l’angelo Aloisio e il Münchner Kindl, due simboli riconosciuti della città. Come a dire: si riprende. «Ho deciso di dare istruzioni all’amministrazione oggi per avviare l’Oktoberfest 2022 senza condizioni e senza restrizioni». Così il 29 aprile il sindaco Dieter Reiter aveva annunciato il ritorno dell’Oktobefest come lo conoscevamo. «Sicuramente non ho preso questa decisione alla leggera. Non ho aspettato così tanto per tenere con il fiato sospeso la gente di Monaco e tutti i visitatori». In totale accordo anche il Ministro della Salute, Karl Lauterbach e anche il presidente bavarese Markus Soder, secondo cui un nuovo annullamento dell’Oktoberfest avrebbe rappresentato un enorme problema economico per la città. E allora prost!

Categorie:Cronaca, Eventi, Mondo

Tagged as: , ,

2 replies

  1. Perché, dovrebbero esserci prezzo politici calmierati anche per feste e birra ora?
    Costerà quello che gli organizzatori ritengono opportuno, chi se lo può permettere ci va, altrimenti sta a casa.

    "Mi piace"