Vaiolo delle scimmie, Bassetti: “Nei prossimi giorni avremo migliaia di casi”

“Nei prossimi giorni arriveremo a qualche migliaio di caso”: è la previsione dell’infettivologo Matteo Bassetti sul vaiolo delle scimmie, il virus che fino ad ora ha colpito una ventina di persona in tutta Europa, tra cui un giovane italiano attualmente ricoverato all’ospedale Spallanzani di Roma in “discrete condizioni”.

Ospite di Un giorno da pecora, il programma radiofonico in onda su Rai Radio 1, il direttore della clinica Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova ha dichiarato: “Più che il Covid, oggi dobbiamo cercare di metterci in sicurezza dal vaiolo delle scimmie. È molto più leggero di quello degli uomini per quanto riguarda i sintomi, si trasmette anche attraverso respiro, ma solo se si sta molto vicini. Non vanno commessi gli errori del passato. Dobbiamo esser tutti uniti tra Paesi europei, scambiandoci informazioni e monitorando eventuali focolai”.

Secondo Bassetti, quindi, nei prossimi giorni si registrerà “qualche migliaio di caso”, motivo per cui potrebbe essere presa in esame una campagna vaccina circoscritta a fragili e giovani.

Il vaccino contro il vaiolo, sospeso in Italia a partire dal 1981, offre una discreta protezione anche contro il vaiolo delle scimmie.

“In Italia gli over 50 sono sicuramente più protetti – ha affermato Bassetti – Io eviterei la psicosi e la corsa al vaccino. Aspettiamo, vediamo come evolve la situazione e poi si decide. Dobbiamo ragionare a sangue freddo”.

Categorie:Cronaca, Interno, Sanità

Tagged as: , ,

23 replies

  1. Dateci il vaccino contro le scimmie !🐒 🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒
    Subitooooooo!

    Tanto lo sappiamo che prima del virus 🦠 è pronto il vaccino 💉 !
    Evitiamoci la solita commedia!
    Vaccino contro le scimmie ora!

    "Mi piace"

    • Si consoli Suor PaolaBL del Sacro Cuore di Beretta: anche lei è una scimmia 🐒, discendiamo tutti da loro; dovrà farsene una ragione.
      Buona serata Cita

      "Mi piace"

      • In effetti apparteniamo tutti alla grande famiglia dei Primati, possiamo dire di essere cugini e quelli più “stretti” sono gli scimpanzé e i bonobo… comunque il nostro “ramo” si è differenziato in conseguenza di un tale numero di eventi casuali che, riavvolgendo il film dell’evoluzione, è assolutamente certo che noi non ricompariremmo! Il fatto che rappresentiamo il “vertice dell’evoluzione” è esclusivamente una nostra opinione e che siamo in “rapporti speciali” con divinità che ci siamo inventati sarebbe solo ridicolo se non fosse tragico, per la quantità di morti che le “differenti versioni” di questa invenzione hanno causato!

        Piace a 1 persona

    • Finalmente un po’ di sana autocritica, dunque hai capito il livello dei tuoi commenti velenosii, e brava Paolozza, facciamo progressi 🙂

      "Mi piace"

  2. Io non sottovaluterei neanche la difterite delle zebre o il tetano delle foche monache, e come non preoccuparsi della labirintite dei canguri..

    "Mi piace"

  3. No, errore, cara Elena: il vaccino non c’è.
    Però, però… chissà se è rimasto, nei magazzini, qualche migliaio dei vaccini di 40 anni fa. E guarda caso, gli ultimi virus sono custoditi… negli US e in Russia. Sì, la Russia del “pazzo” Putin (oltre, ovviamente, illegalmente negli Istituti di Ricerca di mezzo mondo). Scommetto che il venticello della calunnia comincerà a soffiare….
    E si farebbe presto a produrli nuovamente, quei vaccini così immunizzanti e poco costosi… Che ne dice Borla? Otterremmo una “immunizzazione” dell’ 85% ho già letto da qualche parte ( piatto potenzialmente ricco, mi ci ficco…).

    Immunizzanti? Quella che si riteneva una certezza (la malattia e’ stata eradicata) ora si comincia anche a mettere in dubbio. Chissà, ci vorrà un richiamo… Già lo leggo dal sito dell’ ISS: ” il vaccino garantisce una elevata immunità per 3 – 5 anni , poi il livello di protezione decresce”…
    Ma… “se una persona è nuovamente vaccinata, l’ immunità dura più a lungo” Eccoli!!!

    Ohibò, 3 – 5 anni? Ma non era immunizzante? Non è stato eradicato grazie a questo?
    Come può constatare qui, c’è un avviso in rosso: “I dati non sono recenti, la pagina è in aggiornamento”. La stanno cambiando, sono comparsi i 3 – 5 anni…

    https://www.epicentro.iss.it/vaiolo/

    Prepariamoci: non è proprio quello contro il virus giusto ma “si può provare” con qualche piccola modifica che ne porterà il prezzo alle stelle?
    Insomma, un tanto al chilo ma “credendo alla Scienza”. Bassetti si è già fatto avanti.Mica siamo terrapiattisti.

    La “pancia del Paese”è stufa di guerra h24, il Covid non se ne va e quindi è meglio non parlarne più, altrimenti le prossime dosi non se le fa nessuno, quindi ecco qualcosa di nuovo con cui eccitarci. Di paura, ovviamente .
    E poi si ventila già che sia più frequente tra i gay… Sesso, sangue e … Maneskin.
    Funziona sempre.

    "Mi piace"

    • No, Carolina, si è sempre saputo che l’immunità durava tra i 3 e i 5 anni… io ne scrissi all’epoca, per rispondere a chi lo considerava “eterno”. Il vaiolo non è stato sconfitto perché il vaccino era “immunizzante” (nessun vaccino lo è totalmente), ma, al contrario, non abbiamo più dovuto fare richiami perché era stato debellato.
      Ma parlo del vaiolo umano, non di questo, di cui sinceramente non avevo la minima contezza.
      Sapevo di quello delle mucche (o vacche, da cui “vaccino” ), che era più leggero di quello umano e, con la variolizzazione, permetteva un certo grado di immunità, aprendo la strada alla scoperta del meccanismo…e all’invenzione del vaccino.

      "Mi piace"

    • @Carolina prevedo un calo degli ascolti su questo palinsesto….non sono stati pazienti, loro, sono troppo avidi!
      Il vaiolo scimmiesco se lo potevano risparmiare.

      "Mi piace"

    • Siccome non potevano più sostenere la pericolosità del Covid per i gggiovani, ecco sfornata calda, calda, per un futuro obbligo vaginale, la “scimmia” del vaiolo.

      "Mi piace"

  4. Adesso stanno superando persino le migliori previsioni !! Dopo i pipistrelli e i pangolini anche le scimmie .. quando potremo vaccinare gli animali per averli , noi, seriamente contagiati dagli imbecilli!!

    "Mi piace"

  5. No, l’ immenso mercato sarà quello degli animali domestici: cani e gatti. Già vengono vaccinati ogni anno anche se non escono di casa, poi ci sono i “controlli”, e non si esce mai dal veterinario senza quanto meno l’ integratore ( gli trovano sempre qualcosa, cos’ torni…) gli antipulci (potrebbero morire con malattie terribili e trasmetterle…), i vermi, il cibo ( schifezze da rimasugli di macelleria ” con verdurine “- mai visto un felino in natura mangiare pomodori o zenzero?)…
    Se saltasse fuori un “virus felino” – già ce ne sono, basta solo aspettare – ci sarebbe una mattanza di poveri animali, ma i tanti che resterebbero sarebbero una miniera d’ oro per le Case farmaceutiche. L’ ennesima: si deve pure “credere alla scienza”.

    "Mi piace"

    • ma perché lo fanno?
      Un complottista che conosco dice semplicemente che sono dei criminali…
      Può essere questa una risposta esaustiva?
      Attendo commento di qualcuno di buona volontà….

      "Mi piace"

      • Gentile Luca, è sempre la stessa storia: chi ha un briciolo di potere lo usa, per impinguare il portafogli.

        "Mi piace"

  6. Nota a margine del vaiolo delle scimmie: alcuni anni fa gli Stati Uniti hanno stipulato un contratto con Bavarian Nordic per la produzione sfusa del vaccino contro il vaiolo e lo stoccaggio. La recente notizia sulla richiesta da parte degli Stati Uniti di 13 milioni di dosi da quella scorta significa che Bavarian Nordic (Danimarca) deve liofilizzare il vaccino sfuso e confezionarlo per l’uso. La consegna è prevista per il 2023. La domanda è: perché gli Stati Uniti hanno pagato a Bavarian Nordic un milione di dollari all’anno negli ultimi tre o quattro anni per avere una tonnellata di vaccino contro il vaiolo (del valore di 250 milioni di dosi) e conservarlo?

    "Mi piace"

    • @Tracia ma allora lei è maliziosa 😏 come me! Il vaccino lo preparano prima, ordinano i quantitativi e sottoscrivono i contratti, poi viene liberato il virus, precedentemente potenziato, e poi iniziano show e incassi. È l’economia circolare!

      "Mi piace"