Come è nata la leggenda delle origini ebraiche di Hitler

Lo storico della Shoah Osti Guerrazzi spiega all’AGI la matrice “negazionista e antisemita” della colossale balla sull’ebraismo di Hitler rilanciata dal ministro degli Esteri russ Lavrov

(Antonella Piperno – agi.it) – La nonna Maria Anna Schcklgruber messa incinta da un ebreo, tal Frankenberger da cui lavorava come servetta a Graz, la mamma che portava un cognome comune tra gli ebrei convertiti al cattolicesimo a cui l’imperatrice Maria Teresa aveva concesso la cittadinanza austriaca. Le leggende metropolitane che si sono perfezionate negli anni, tese a dimostrare che Hitler fosse un ebreo deciso a dimostrare di non esserlo sterminando i suoi simili, sono state tutte regolarmente e decisamente respinte dagli storici.

Della prima si conosce anche l’autore: Hans Frank, avvocato di Hitler e governatore nazista della Polonia occupata che al processo di Norimberga dichiarò di avere delle prove (false) sull’ebraismo del Fuhrer. Confutazioni evidentemente snobbate dal ministro degli Esteri russo Lavrov: a ‘Zona Bianca’ (Mediaset) ha appena dichiarato, provocando l’indignazione israeliana e di tutto il mondo ebraico che l’ebraismo (reale) del presidente ucraino Zelensky non sarebbe in contraddizione con le sue “idee naziste e antisemite” (quelle sottese alla tesi putiniana dell’Ucraina “da denazificare”) visto che “anche Hitler aveva origini ebraiche e che i più grandi antisemiti sono ebrei”.

Che non ci sia neanche un briciolo di verità nelle parole di Lavrov lo conferma all’AGI lo storico Amedeo Osti Guerrazzi, esperto di Shoah che appena firmato la docufiction ‘Storie della Shoah in Italia. I complici’: “Sono esternazioni che si nutrono di leggende metropolitane e di complottismi nati in ambienti neonazisti e negazionisti – chiarisce – tesi a dimostrare che ammesso che ci sia stata un Olocausto la colpa è da ricondurre agli ebrei, trasformandoli quindi da vittime in carnefici”.

Gli unici rapporti di Hitler con persone ebree e che nulla c’entrano con parentele e consanguineità sono, spiega Osti Guerrazzi, quelli con il medico, Eduard Bloch che curò sua madre e quella con l’ufficiale ebreo che durante la prima guerra mondiale lo propose per la croce di ferro, l’unica onorificenza conquistata dal Fuhrer”.

Anche sul medico di Hitler si è ricamato non poco: la vox populi  vuole infatti che Hitler, alla morte dell’amatissima madre, trasferì sul popolo ebraico l’ira rivolta al medico che non era stato capace di salvare sua madre, ma Osti Guerrazzi la attribuisce a una versione psicanalitica dell’antisemitismo. “In realtà la famiglia di Hitler non ha mai dichiarato nulla contro Bloch, anzi pare che fosse stata contenta di come curò la mamma fino alla fine”.

Altra leggenda metropolitana, insomma, come quella, simile a quella che ha alimentato il pensiero di Lavrov riferita al generale delle SS Reinhard  Heydrich: anche del “macellaio di Hitler”, uno dei più grandi responsabili dell’organizzazione dello sterminio degli ebrei, sottolinea Osti Guerrazzi, “si diceva che avesse un nonno ebreo”. Corsi e ricorsi della storia rivista e scorretta.

13 replies

  1. A me va benissimo che si spendano pagine per confutare le affermazioni di Lavrov su Hitler di origine ebraica, ma le altre invece non vengono prese in considerazione?
    È vero che gli USA hanno rifiutato di sottoscrivere accordi per evitare escalation nucleari e investimenti in razzi sofisticati e sistemi offensivi armati con testate?
    È vero che gli USA hanno vietato alla Russia di investire e di espandere la loro influenza in Africa perchè l’Africa è dell’Europa?
    È vero che gli USA hanno finanziato e sostenuto i battaglioni di estrema destra?
    È vero che era internazionalmente riconosciuto il carattere terroristico e nazista del battaglione Azov e simili?
    È vero che Zelensky ha ostacolato le trattative?
    È vero che Bucha è una messinscena, con cadaveri di civili allestiti a uso di psyop?
    È credibile o no che l’invasione russa proseguirà, senza variazione, solo in Donbass e Lugansk, e anche oltre il 9 maggio?
    È vero che tra le milizie nazi ci sono ufficiali degli eserciti USA e EU?

    Solo per dirne alcune.
    Possibile che la stampa ritenga i cittadini italiani dei minus habens?

    Piace a 2 people

  2. A parte che il ministro Lavrov avrebbe fatto meglio a non dire quelle cose, obiettivamente indifendibili, per giustificare la sacrosanta osservazione che l’ebreo Zelensky E’ OGGETTIVAMENTE alleato con i neonazisti e non parlo solo di Azov, ma anche di Svoboda e di Pravy Sector…

    Il punto è che:

    1- piaccia o meno, nemmeno Hitler era sicuro al 100% di poter dimostrare di NON avere antenati ebrei fino alla 5a generazione.

    2- Milch, il babbo della Luftwaffe hitleriana, era -anche se fecero di tutto per nasconderlo- per metà ebreo.

    3- vari generali e industriali sostenitori del nazismo, anche all’estero, erano ebrei.

    4- ma di tutto il resto che ha detto Lavrov, a nessuno è importato niente?

    5- di come i palestinesi vengono fascistissimamente trattati dagli israeliani, niente da dire?

    Brindisi ha fatto UNA cosa giusta nella vita, quella di far parlare il ministro.

    Non è che gli occidentali possono dire tuttel e putt…te che vogliono sui russi e questi zitti.

    Piace a 3 people

  3. @Elena

    È vero che gli USA hanno rifiutato di sottoscrivere accordi per evitare escalation nucleari e investimenti in razzi sofisticati e sistemi offensivi armati con testate? AD OGGI L’UNICA ARMA “SOFISTICATA” È STATA USATA DALLA RUSSIA: SONO I MISSILI IPERSONICI. QUESTO È UN FATTO.
    È vero che gli USA hanno vietato alla Russia di investire e di espandere la loro influenza in Africa perchè l’Africa è dell’Europa? IO HO SEMPRE SAPUTO CHE L’AFRICA È DIVENTATO TERRITORIO CINESE. E CHE IN LIBIA CI SIANO I RUSSI, OLTRE CHE I TURCHI. POI: CON QUALE TITOLO GLI USA POSSONO VIETARE ALLA RUSSIA DI NON INVESTIRE O ESPANDERSI IN AFRICA??
    È vero che gli USA hanno finanziato e sostenuto i battaglioni di estrema destra? PROBABILMENTE SI.
    È vero che era internazionalmente riconosciuto il carattere terroristico e nazista del battaglione Azov e simili? SAI GIÀ LA RISPOSTA, NO? L’ESERCITO UCRAINO, IN OGNI CASO, NON È IL BATTAGLIONE AZOV, PUNTO. CAPISCO COMUNQUE CHE QUEGLI INDIVIDUI E LA PAROLA NAZISMO TI FACCIANO COMPULSARE FRENETICAMENTE LA TASTIERA DEL PC.
    È vero che Zelensky ha ostacolato le trattative? PER ME NO. LUI, COME PUTIN, FA I SUOI INTERESSI.
    È vero che Bucha è una messinscena, con cadaveri di civili allestiti a uso di psyop? PER ME NO. MA ASPETTO CON ANSIA I RISULTATI DI UN’INDAGINE IMPARZIALE.
    È credibile o no che l’invasione russa proseguirà, senza variazione, solo in Donbass e Lugansk, e anche oltre il 9 maggio? DOPO ESSERSI RITIRATI DA KIEV I RUSSI HANNO DECISO DI LIMITARE GLI OBIETTIVI, CHE SONO COMUNQUE ENORMI. CREDO PERÒ CHE TENTERANNO FINO ALL’ULTIMO UCCIDERE ZELENSKY.
    È vero che tra le milizie nazi ci sono ufficiali degli eserciti USA e EU? LE MILIZIE NAZI… AH AH AH. LA NARRAZIONE NOVECENTECA È LA COSA PIÙ INCREDIBILE DI QUESTA GUERRA. COMUNQUE PUÒ ESSERE.

    "Mi piace"

  4. Non ho capito perché chiunque abbia “origini ebraiche” debba per forza essere antisemita o filosemita. Si parla tanto del “non esistono le razze” e poi, quando c’è la propaganda di mezzo…

    Mi piacerebbe sapere quanto siano praticanti e frequentino il Tempio coloro che “vantano ascendenze semite” tipo Mentana, o Mieli…
    Tutto fa brodo per il nostro rincoglionimento.

    "Mi piace"

    • Infatti è una cretinata.

      Il quartiere ebraico di Roma, strano ma vero, è uno dei più fasssisti della capitale.

      Lo so che è strano, ma è ben noto. E per chi non capisse, provasse ad attraversarlo con una Kefia addosso.

      ED ORA…

      Report
      4 h ·
      Francesco Zambon, il ricercatore costretto a lasciare l’OMS dopo le sue denunce, assunto alla Ussl2 di Treviso
      Il medico e ricercatore veneto ha superato un concorso per dirigente della Ussl2 Marca Trevigiana bandito alcune settimane fa. Ora si occuperà di prevenzione di epidemie e malattie infettive. Il nuovo incarico arriva dopo un periodo di disoccupazione forzata e difficoltà economiche: fino al 2021 Zambon lavorava presso la direzione Europa dell’Oms, uno stipendio di 7500 euro mensili, che dovette lasciare per il clima di isolamento e pressioni a causa delle sue denunce sull’opacità e i conflitti di interesse dell’organizzazione guidata da Tedros Ghebreyesus. La vicenda, finita sui giornali di tutto il mondo, prese inizio da una serie di inchieste di Report sulla vera datazione del piano pandemico. Zambon infatti aveva realizzato, insieme a un team basato a Venezia, un rapporto molto critico della gestione italiana della prima ondata pandemica che tra l’altro datava il piano al 2006. Il rapporto fu prima messo offline per delle correzioni e infine ritirato del tutto a seguito di una serie di pressioni arrivate da più fronti, tra cui il ministero della salute a guida Speranza e il direttore aggiunto Oms Ranieri Guerra. La vicenda fu raccontata prima di tutti da Report nel servizio Virus e segreti di stato di Giulio Valesini e Cataldo Ciccolella

      Paola Nugnes
      5 h ·
      L’Ucraina subisce una guerra sotto l’ attacco di Putin, da quasi due mesi, ma non bisogna per questo fare confusione.
      Edoardo Piccin:
      “Al concerto del primo maggio Ambra Angiolini indossava una maglietta con i colori della bandiera ucraina.
      In Ucraina la festa nazionale del primo maggio è stata soppressa e sostituita dalla celebrazione della nascita del nazista ucraino Stepan Bandera, il cane da guardia delle SS che mandò a morte un milione e mezzo di ebrei, comunisti, rom ed oppositori politici”

      STASERA DIRETTA TELEVISIVA ORE 21 CANALE 262
      PACE: LA PAROLA PROIBITA. Diretta Byoblu. Con Michele Santoro.

      "Mi piace"

      • @SM Sparviero confermo la fama del quartiere ebraico di Roma, ma sono TERRORIZZATI dalla possibilità di subire attentati.
        Quattro anni fa sono andata a due spettacoli di danza contemporanea nei pressi del Portico di Ottavia: oltre ai controlli ossessivi di borse e zaini, e al passaggio di metal detector, ho assistito alle porformance come osservata speciale……
        Ma lo stesso approccio lo si vede anche in Palestina, con i muri, le gabbie e l’ossessione per ghettizzazione e sorveglianza.

        Detto questo, anche fosse che Hitler potesse avere parenti ebrei, è chiaro che Lavrov ha affermato una bestialità.
        Sarebbe opportuno però che la nostra stampa partisse da un’analisi dei contenuti rilevanti, senza appigliarsi solo alle castronerie….altrimenti è chiaro il dolo, la malafede e ancor di più la volontà ferrea di condurci allo scontro frontale con il nemico che, di volta in volta, ci indicano, come fossimo un branco. Io vedo allontanarsi la possibilità di una risoluzione, e penso sia inaccettabile una prospettiva di vita normale con il sangue e i morti sull’uscio di casa. È evidente che non sto parlando solo della guerra in Ucraina, ma anche dei suoi effetti collaterali, e di tutti gli altri conflitti nel pianeta.

        "Mi piace"

  5. E se Lavrov avesse documenti più specifici relativi all’ argomento Hitler?
    Io chiederei al ministro degli affari esteri russo i documenti relativi a ciò che afferma. Dopo potrebbero iniziare le prese di distanza.

    "Mi piace"

  6. Le origini ebraiche di Hitler sebbene oggetto di discussioni ultradecennali, non erano mai entrate nelle discussioni main stream finora. Evidentemente ora il piatto è più ricco del solito, e tutti i migliori commentatori del bigoncio tutti a confutare. È evidente che qualcosa non quadra. Ormai conosciamo il vostro sistema

    "Mi piace"