«Il virus lo diffondono i vaccinati»

Andrea Crisanti smonta le affermazioni di Mario Draghi, Pierpaolo Sileri e virologi tv di complemento e finalmente conferma quel che noi diciamo da mesi: «Il governo sbaglia comunicazione». Intanto Oms ed Ema demoliscono il modello Roberto Speranza: «Non si può andare avanti a richiami».

(Maurizio Belpietro – laverita.info) – Non so da quanto tempo scrivo che prendersela con chi non si è vaccinato, definendolo un untore, non solo è sbagliato, ma è anche pericoloso, perché il virus non si diffonde solo attraverso chi non ha fatto alcuna iniezione, ma anche tramite chi ha fatto prima, seconda e perfino terza dose.

Probabilmente da quando è entrato in vigore il green pass, cioè dal luglio scorso, lo avrò scritto almeno cento volte, rischiando di annoiare i lettori. Ma ripeterlo mi sembrava importante, soprattutto dopo che il presidente del Consiglio, presentando il certificato verde, aveva detto in conferenza stampa che il pezzo di carta dava la certezza di trovarsi tra persone non contagiate e che non contagiano. In realtà, come già all’epoca grazie ad alcuni studi si iniziava a capire, il lasciapassare per ristoranti e locali al chiuso testimoniava esclusivamente di essere vaccinati e nulla di più, in quanto, nonostante la puntura, si poteva essere contagiosi. Peggio di Mario Draghi, tuttavia, ha fatto Pierpaolo Sileri, che oltre a essere sottosegretario alla Salute è anche medico. In Parlamento l’onorevole grillino disse senza ammettere repliche che i vaccinati non solo non si prendevano il virus, ma neppure lo trasmettevano: «È una bugia, una falsità». Altri, come Fabrizio Pregliasco, in tv si sono dati da fare per sostenere che le persone che si erano sottoposte al ciclo vaccinale erano meno pericolose, perché se positivi potevano infettarne altre ma «debolmente». Inutile citare ricerche israeliane, inglesi o svedesi: esperti e politici, governanti e virologi rimanevano granitici nelle loro certezze. Il vaccino è per sempre e protegge sempre.

Oggi, 2 milioni di infetti dopo e alcune migliaia di morti in più, le certezze vacillano e uno come Bruno Tabacci, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, può andare in trasmissione da Giovanni Floris a sostenere, pur avendo al suo fianco Pierpaolo Sileri, che nessuno aveva mai detto che i vaccini proteggessero al 100% e che dunque i vaccinati non fossero contagiosi. Sì, oggi qualche timida ammissione c’è, anche perché ora che un virologo del calibro e dell’arroganza di Massimo Galli è stato contagiato in maniera grave da un «immunizzato» nonostante la terza dose, non si può più sostenere che i vaccinati contagiano «debolmente». Eh, no: tocca ammettere che anche chi ha ricevuto la puntura può diventare positivo e a sua volta far diventare positive le persone che incontra. Andrea Crisanti, che spesso ha il torto di dire cose non proprio allineate (per essersi permesso di dubitare della necessità di vaccinare i bambini ha rischiato di essere estromesso dal ristretto circolo dei virologi da salotto), ieri in un’intervista a un sito online ha messo in chiaro ciò che si sa ma che nessuno ha il coraggio di dire: «Non sono i no vax a diffondere il virus, ma i vaccinati». O meglio: «Come misura per bloccare la trasmissione dei contagi (le restrizioni a carico di chi non è immunizzato, ndr) hanno un contributo marginale. Perché la maggior parte dei casi, di questi 120.000 o di più, si registra tra i vaccinati. Sono loro che contribuiscono in maniera elevata a diffondere il virus. Per me c’è stato un cortocircuito di comunicazione da parte del governo, che ha sbagliato. È pure vero che i non vaccinati si ammalano e occupano posti in terapia intensiva, ma non sono loro la maggior causa di trasmissione del virus, bensì i vaccinati».

Ovviamente la scienza ufficiale, il governo e la stampa faranno di tutto per far passar sotto silenzio le osservazioni del professore. Magari proveranno anche a fargli rimangiare le dichiarazioni, inducendolo a una retromarcia. Perché se è vero ciò che dice Crisanti, e se sono fondati gli studi stranieri e anche i dati sui contagi fra chi si è vaccinato, va a pallino l’impianto che regge il green pass e il super green pass. Cioè, il Qr code torna quello che è: un quadratino pixellato che dimostra una sola cosa, e cioè di essersi sottoposti alla vaccinazione e niente altro. L’iniezione è una sicurezza per chi l’ha fatta, una tranquillità di avere minori rischi di finire in ospedale, in terapia intensiva o al camposanto. Ma garanzie di non contagiarsi e di non contagiare quel codice non ne dà proprio nessuna. Quando Crisanti parla di comunicazione sbagliata allude proprio a questo. Un governo serio dovrebbe dire le cose come stanno. E cioè che il vaccino aiuta, ma non trasforma chi si è vaccinato in una persona che non si contagia e dunque tutte le precauzioni sono dovute. Altro che dirsi, come fanno tutti grazie a Pierpaolo Sileri, giù la maschera, tanto siamo vaccinati. E altro che, come ha fatto il presidente del Consiglio, dire che i problemi sono tutti colpa di chi non si è immunizzato. I problemi sono dovuti alle false sicurezze e soprattutto a ciò che non si è fatto finora. Ma di questo parleremo domani.

18 replies

  1. Un governo serio e un mucchio di virologii seri avrebbero dovuto dire da subito le cose come stanno. Cioè che il vaccino aiuta ma non immunizza né impedisce di contagiare o di essere contagiati. Per cui tutti i diktat sul Green Pass, le restrizioni, i divieti, le sospensioni dal lavoro, le multe ecc. sono abusi illegali e strumenti di potere perverso per dominare un popolo e costringerlo ad accettare un regime autoritario al posto di una democrazia parlamentare,. E chi usa mezzi simili e mente in modo spregiudicato ai cittadini dovrebbe diventare pure PdR?? Delirio puro!

    "Mi piace"

  2. Riguardo allo scontro tra Cacciari e Galli, mi sembra che Galli basi tutto il suo ragionamento sull’aspetto sanitario dei vaccini e trascuri completamente l’aspetto politico, cioè l’abuso che Draghi fa del diritto e della democrazia, agendo in modo dittatoriale con l’alibi dei vaccini, del Green Pass ecc., così che con la scusa di combattere in un certo modo la pandemia si arroga il potere di diventare PdR o di abolire qualunque opposizione o dissenso o di trasformare una repubblica parlamentare in un sistema semipresidenziale. Può darsi invece che Cacciari, in quanto filosofo, non sia abilitato a trattare di questioni sanitarie di cui saprà poco ma abbia pieno diritto di discutere di questioni inerenti alla democrazia e alla salvaguardia della Costituzione come alla riabilitazione dei poteri degli organi costituzionali più importanti dello Stato, come il Parlamento, i Ministri, la Corte dei Conti, la Magistratura proprio perché Draghi non solo ha abolito l’opposizione ma ha anche annientato la divisione dei Poteri, che è il fondamento della democrazia, in quanto li ha interamente sintetizzati in se stesso.
    Il mio augurio è che questo malsano soggetto non solo non resti come PdR o capo del Governo ma sparisca proprio dall’Italia perché i danni che ha commesso sia sul piano della lotta allla pandemia che su quello sul diritto e del rispettoo della Costituzione sono stati immani. E non riesco nemmeno ad accettare di lontano un Giuseppe Conte che, rispondendo a Di Battista, elogia il sostegno che il M5S insiste a dare al Governo Draghi elencando fantomatiche cose buone salvate, quando il cumulo di leggi spregevoli fatte da Draghi è enormemente superiore.

    "Mi piace"

  3. Seee, adesso dagli all’untore vaccinato. Ma va a ciapá i rat brutpietro. Anche se Crisanti dice cose vere (anche se è ovvio che i sivax contagiando di più: sono dieci volte di più dei novax, molti dei quali però se ne ne fregano delle regole), tu non sei mai credibile.

    Piace a 1 persona

  4. Gsi a questo punto si torni al dagli all’untore e basta, come nel 2020, cosa che peraltro, io sostengo essere sbagliata da sempre, perché non è necessario nella nostra vita trovare sempre un capro espiatorio. Ma sia chiaro, il capro espiatorio non devono più essere i no vax, in tanti, ma proprio in tanti devono cominciare a preparare le lettere di scuse

    Piace a 1 persona

    • Ok. MARTELLO.
      Ma se qualcuno deve chiedere scusa, ora, non dovranno essere coloro che diligentemente si sono vaccinati anche per rispetto verso il prossimo?
      I novax non facciano comunque troppo i gradassi, (se si dovesse scoprire che i vaccini non funzionano come ci si aspetta) e ringrazino sempre chi ci ha messo il braccino.
      Fosse per loro ognuno di noi se la vedeva da solo col virus. Con risultati che si possono facilmente immaginare.

      "Mi piace"

      • Gsi e ci mancherebbe che i no vax facciano pure i gradassi,ma bisognava non metterli in condizione di poterli fare………
        Il comportamento di coloro che si sono vaccinati(me compreso, che almeno sul punto sono rimasto coerente) sarebbe dovuto essere un pò più moderato, perché i non vaccinati non sono soltanto quelli della moneta che si attacca al braccio o i negazionisti del Covid anche in terapia intensiva……ci sono tanti individui che hanno paura del vaccino e contemporaneamente tantissima paura del Covid e rispettano tutte le regole sanitarie. Io ho qualche esempio personale a riguardo. Ma esempi a parte, non bisognava dare la possibilità a qualcuno che ha idee strambe e non scientifiche di poter dire “visto, le vostre teorie sull’immunità di gregge e sull’efficacia assoluta del vaccino erano altrettanto strambe”
        Spero di essermi spiegato meglio e spero che si sia imparata la lezione, anche se ho tantissimi dubbi a riguardo

        Piace a 1 persona

      • Martello,
        ho sempre avuto massimo rispetto per chi non se la sente di iniettarsi questi vaccini ma prende al serio la pericolosità del virus, rispetta le regole e, soprattutto, non ne fa occasione per scatenare guerre inventando nemici sul fronte opposto.
        Non ho mai pensato di avere la verità in tasca perché ho accettato di vaccinarmi. Per natura sono sempre dubbioso e ascolterei volentieri pure le ragioni di novax se si ponessero con qualche umiltà nel dibattito. Ma di umiltà, da quelle parti, se ne vede zero.
        Nel marasma di questo tempo di pandemia noi vaccinati (male imbeccati da un governo voglioso di apparire migliore e infallibile) abbiamo pensato(soprattutto nei mesi estivi) di essere diventati immuni.
        Non è vero, ok. Corriamo ai ripari e su le mascherine distanze.
        Ma i novax (quelli diversamente umili) non vengano adesso a fare la parte di quelli che “io l’avevo detto”.
        Tipo Brutpietro.
        Altrimenti è anche lecito mandarli a ciapá i rats.

        "Mi piace"

      • “Per natura sono sempre dubbioso e ascolterei volentieri pure le ragioni di novax se si ponessero con qualche umiltà nel dibattito…”: com’è umano lei!

        Grazie di averci concesso tale possibilità; intanto che aspettiamo umilmente udienza, noi si va a mangiare alla Caritas (forse ci vuole il SGP pure lì, quindi non se ne fa nulla…), fate pure con comodo VOI VACCINATI, tanto non abbiamo nulla da fare ultimamente.

        Avete bisogno di una lucidatina alle scarpe o fate da soli? Non avendola presa nel cul0, dietro abbiamo posto per un manico di scopa con in fondo una ramazza: durante le marce di protesta debitamente autorizzate, di modo che non ci siano troppi disagi al traffico, ché poi EVIDENTEMENTE (cit.) @Guido si arrabbia, potremmo anche pulire le strade.

        Sempre a vostra disposizione.

        Cordialità.

        "Mi piace"

      • Suvvia Gatto,
        Davvero, proprio non ci riesco a immaginarti in fila alla caritas per la razione giornaliera di crocchette, dai.

        "Mi piace"

      • Continua, continua a fare il finto tonto, o semplicemente il tonto, quando le cose diventeranno serie, l’epoca delle pasticche di cicoria ti sembrerà l’età dell’oro!
        Tempo al tempo…

        "Mi piace"

      • X GSI,

        Mercoledì, 8 dicembre 2021
        Vaccini, il Governo rifiuta il dialogo con chi ha avuto reazioni avverse
        Le vittime di reazioni avverse al vaccino al ministro della Salute: “Rifiutano il dialogo con i vaccinati che hanno avuto reazioni avverse”di Antonio Amorosi
        Vaccini, il Governo rifiuta il dialogo con chi ha avuto reazioni avverse

        Prima manifestazione a Roma dei vaccinati con reazioni avverse. “Ci siamo fidati dello Stato ma ora dov’è?”. Incongruenze e anomalie nella gestione della vaccinazione
        “Ci sono tantissime persone che hanno ascoltato la scienza e gli inviti del governo a vaccinarsi, senza fare prima accertamenti individuali. Ora che però hanno avuto reazioni avverse, anche gravi, nessuno li vuole più vedere né ascoltare”, è il grido d’allarme dell’avvocato Erich Grimaldi, presidente di UCDL (Unione per le cure, i diritti e le libertà) che il 6 dicembre ne ha organizzato la prima manifestazione

        Nell’invisibilità generale il 6 dicembre si è tenuto a Roma un presidio a ridosso del ministero della Salute. “Reazioni avverse, lo Stato dov’è?”, era la frase che campeggiava su uno degli striscioni dei manifestanti.

        Avvocato Grimaldi, che succede?

        Sono venuti con noi in piazza circa 200 persone tra cui una cinquantina che hanno subito reazioni avverse e parenti delle vittime…

        Ma nessuno vi ha visto….

        Per forza. La questura ci ha spostato, nonostante siamo persone perbene e professionisti e abbiamo anticipato al ministero questa situazione con una diffida, dicendo che se non ci rispondevano saremmo scesi in piazza vista la gravità della situazione, …ma ci hanno spostato in una piazza dove il ministero non si vede neanche da lontano. Volevamo andare al ministero della Sanità…

        Dal ministero hanno risposto a questa vostra lettera-diffida, dove raccontavate delle reazioni avverse avute dalle persone?

        No. Questo atteggiamento è un primo segno che non si vuole il dialogo. Nel nostro Paese non c’è il problema di essere vaccinati o meno. Il problema di questo Paese è che non c’è un dialogo con i cittadini. Quindi volevamo manifestare sotto il ministero della Sanità.

        Qual è la condizione di queste persone che protestano?

        Sono vaccinati che hanno ascoltato le istituzioni e ascoltata la cosiddetta scienza e senza fare alcun accertamento diagnostico preventivo, perché il governo non li ha previsti almeno per quanto riguarda il D-dimero o una visita cardiologica…

        Sì, hanno invitato le persone a non fare prima della vaccinazione alcun tipo di accertamento preventivo sulla propria condizione di salute…

        Esattamente e ora abbiamo i risultati. Questo accade tra una dose e l’altra. Gli effetti della terza dose li vedremo probabilmente a gennaio e quindi questo significa che tu Stato non vuoi ascoltare i vaccinati che hanno invece ascoltato la scienza e le istituzioni per poter uscire da questa emergenza anche dal punto di vista sociale…

        La scienza non si basa sulla fede ma sul dubbio e la verifica…

        Sul dubbio infatti e le constatazioni. Il ministro della Salute rifiuta il dialogo con i vaccinati che hanno avuto reazioni avverse, questa è la situazione

        Di che tipo di reazioni avverse parliamo per coloro che erano in piazza?

        Parliamo di pericarditi, miocarditi, paralisi temporanee, problemi all’udito, problemi di visibilità agli occhi, herpes, allergie, spossatezza continua, persone che non riescono più a lavorare, persone che non riescono più a camminare bene. È venuto in piazza un ragazzo che ha raccontato come ha perso il padre dopo la prima dose di Astrazeneca. Dal mese di aprile 2021 gli hanno addirittura certificato la correlazione ma non ho mai ricevuto neanche una telefonata dal ministero

        Queste sintomatologie dei manifestanti sono state tutte accertate clinicamente?

        Sì, sono tutte accertate clinicamente ma essendoci dei tempi molto stretti, rigidi e circoscritti tra il vaccino e gli eventi avversi dicono che non sono correlati per la maggioranza dei casi. Quindi ci sarebbe legalmente da depositare tutti i ricorsi per accertamenti preventivi in tribunale e nominare dei consulenti tecnico-scientifici per approfondire l’eventuale correlazione, per mostrare la presenza di queste malattie che prima non c’erano

        "Mi piace"

  5. Guarda, se vuoi essere un minimo credibile da novax (cosa molto difficile visto il tuo curriculum su questo sito)non tirare fuori dal cilindro un’intervista ad un avvocato.
    Gli avvocati, in Italia, sono ormai una categoria (anche se non è giusto generalizzare) che personalmente identifico con il grande bugiardo di Arcore.
    Come cittadino non ho nessuna stima per avvocati-politicanti.
    Lascia perdere e cambia strategia.

    "Mi piace"

    • Ma tu hai capito che questo avvocato era ad un corteo di 200 persone con danni da vaccino?

      O sei talmente stupido che hai letto solo il termine avvocato?

      Anche perché tu, caro GSI, sei talmente ipocrita che qualsiasi notizia, non importa proveniente da CHI, ti disturba, la liquidi come una fake news.

      E poi parli ai novax di ‘umiltà’.

      Dovresti vergognarti, in effetti, visto che non solo giudichi la vita e la muerte di tanti, ma anche chi ne difende i diritti.

      Ma no, ehy, gli avvocati non vanno bene! Sono come quelli di B anche se difendono i diritti dei malati.

      Pazzesco a che livello di ipocrisia tu ti sia ridotto.

      "Mi piace"

  6. Le fake news sono roba che appartiene a te. Tipo quelle di voler far credere che le parole di un avvocato siano oro colato. Piantala di insultare, ridicolo.

    "Mi piace"

  7. Se senza green pass “rinforzato” non si può ormai fare più nulla e da tempo (tra pochi giorni solo in casa: si potranno aprire le finestre?) è ovvio che il virus lo sparge chi è “tornato a vivere”!

    "Mi piace"