Come Ascanio Celestini

(Giuseppe Di Maio) – Per non farla lunga, ad un certo punto della storia patria, i corrotti si erano alleati tra di loro contro il partito dei non corrotti per far perdere loro le elezioni. Invece gli onesti ebbero successo, ma non sufficiente per far fuori tutti gli altri. I disonesti gridavano che chi aveva vinto le elezioni aveva l’obbligo di governare, pur sapendo che era impossibile farlo senza venire a patti con loro. Il più fanfarone dei corrotti si alleò allora con i non corrotti ma, dopo aver fatto loro sporcare le mani, cominciò a lamentarsi che questi erano il partito dei no (no alla flat tax, no al Tav, no a tutti i cantieri succhia soldi dello Stato…). Così, approfittando dell’insipienza della gente, cercò di andare a elezioni anticipate senza prima accordarsi con il Presidente della Repubblica. A questo punto si fece avanti un altro corrotto spericolato e offrì il proprio appoggio agli onesti. Dopo un po’ costui prese un manipolo di accoliti e fondò un altro partito, cominciando da qui a lamentarsi che gli onesti erano il partito del no (no al ponte sullo stretto, no ad abbassare le tasse. E più tardi, no alla gestione parlamentare del PNRR). A questo punto si faceva sempre più insistente il nome di un altro premier da sostituire quello non corrotto. Ecco la lunga serie di segnali espliciti che testimoniavano la fine dell’avventura degli onesti. Quando lo spericolato corrotto, il nuovo premier, e il Presidente della Repubblica, nonché molti altri furono d’accordo, fu annunciato un governo di alto profilo. In realtà il nuovo governo si limitò a fare esattamente tutto ciò che stava facendo quello precedente, ma con il consenso di tutte le forze politiche e di tutta l’informazione. Gli onesti che erano costretti per la loro onestà alla correttezza e al rispetto delle regole, vollero per forza credere di poter avere una parte anche nel nuovo corso, per controllare – essi dicevano – l’attuazione del loro PNRR. Fecero finta perciò che il nuovo premier fosse un onesto, che la sua politica fosse la continuazione di quella fatta da loro, finsero di non aver visto che la composizione del nuovo governo li escludeva da gran parte delle decisioni. Fecero finta di non aver capito che il complotto istituzionale che li aveva estromessi aveva giovato solo agli altri, e che nel governo i due precedenti alleati corrotti non contavano più di loro. Sopportarono che le loro leggi fossero smantellate una per una, che i disonesti si facessero leggi apposite per non essere puniti, senza mai accennare ad uscire dalla maggioranza. Li cacciarono perfino dalla RAI e li beffeggiarono senza pudore, mentre il loro falso alleato, corrotto come gli altri, non mosse un muscolo per evitarlo. Manca poco ormai. Il governo di cui anche gli onesti fanno parte è il governo più a destra della storia d’Italia da quelli del ‘58/’60 di Scelba e di Tambroni. Ogni giorno gli onesti continuano a prendere botte, ad essere esclusi e danneggiati col proprio consenso. Persino la gag di Totò “Che so’ Pasquale io?” è insufficiente per descrivere questa strategia masochista.

13 replies

  1. Conte ha rassicurato tutti sulla vicenda rai, cioè il m5* assente dal servizio pubblico perché vengono fatti dispettucci: “è una decisione momentanea, reversibile”.

    In pratica, Conte ha rassicurato tutti che il movimento è ancora disposto a prendere schiaffi da chiunque e a rendersi ridicolo con annunci farsa.

    Piace a 1 persona

  2. Vedo che ti brucia, infatti non cogli il peggio. Se davvero Conte ha detto quelle parole allora ha altresi’ confermato il peggiore dei vaticinii, ovverossia che lo stesso M5S e’ “momentaneo, reversibile”.

    "Mi piace"

  3. Ma vogliamo mettere Gigino o bibitaro che viaggia su un SUV blu con scorta e quant’altro e che siede insieme ai grandi della terra, magari non conta nulla (gli fanno leggere solo veline scritte da altri)ma almeno siede.

    Piace a 1 persona

  4. Ogni volta che CONTE dice una cosa, o esprime una linea, c’è il coretto dietro che mugugna, che contesta, che prende accordi sottobanco, poi arriva l’ELEVATO de sto’ C…. che lo sbeffeggia:
    è un generale senza truppa

    Piace a 1 persona

  5. Questo Di Maio accusa gli elettori di insipienza della quale avrebbe approfittato un corrotto. Ovviamente ha basato la sua valutazione sul risultato delle elezioni europee delle quali non ha capito una mazza e si è lasciato infinocchiare dai furbastri corrotti che per dimostrare la “sconfitta” dei pentastellati raffrontavano quel risultato con il voto delle politiche del 2018. Gli unici insipienti sono stati i miracolati e, in particolare, i loro capi tratti in inganno dai loro consiglio di. Non avendo capito una mazza delle elezioni europee, hanno perso la testa e, nel timore che in caso di elezioni sarebbero scomparsi hanno cominciato le giravolte pur di tenere il culo incollato sulle poltrone. Se il movimento sta per scomparire la colpa non e’ degli elettori, ma della intima cultura di pidini con la pizza sotto il naso dei cosiddetti capi che hanno trasformato il movimento in una appendice del PD, per cui i corrotti pidini votano PD e gli onesti, abbandonati i peggiori politicanti di sempre, attendono che appaia sulla scena un altro movimento di veri amanti del cambiamento.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...