Bonetti ministra del tengo famiglia

(Stefano Iannaccone – lanotiziagiornale.it) – Un seguito di oltre venti collaboratori e consulenti per una spesa complessiva di circa 600mila euro. Ovviamente a carico di Palazzo Chigi. Insomma, la famiglia costa caro, specie se di mezzo c’è Elena Bonetti, ministra di Italia viva, per le Pari opportunità e la Famiglia, appunto.

AVANTI, C’è POSTO! Certo, non è il dipartimento o il ministero più costoso, ma è significativo il numero di renziani doc ricollocati nello staff con diversi ruoli. Spicca il nome del fedelissimo di Renzi, Mattia Peradotto, che nel 2020 ha firmato come tesoriere il bilancio di Italia viva, ed è stato ingaggiato come segretario particolare della ministra. La cifra complessiva è di 75mila euro all’anno, tra trattamento economico fondamentale e indennità. Inizialmente la retribuzione era più bassa di tremila euro, poi da marzo è arrivato il ritocco al rialzo.

La sua fede renziana è più che comprovata: dal 2016 al 2018 è stato al fianco di Francesco Bonifazi, tesoriere del Partito democratico durante la gestione Renzi. Immancabile, al fianco di Bonetti, la presenza di Antonella Manzione. Il suo nome è salito alla ribalta della cronaca quando nel 2014 da “dirigente comandante Polizia Municipale del Comune di Firenze”, come si legge dal suo curriculum, è balzata al vertice del Dipartimento degli affari giuridici e legislativi (Dagl) di Palazzo Chigi con la benedizione di Renzi.

Nel 2017 è poi entrata nel Consiglio di Stato. Ma alla consulenza politica non si dice mai di no. Perciò, dopo essere stata consigliera giuridica (a titolo gratuito) di Teresa Bellanova al ministero delle Politiche agricole, ecco sul tavolo l’incarico di “consigliere giuridico preposto al Settore legislativo” al dipartimento della Bonetti. Questa volta per 33mila euro all’anno. Ileana Chatia Piazzoni, ex deputata, non ha conquistato un seggio in Parlamento, ma ha ottenuto una consulenza di consolazione: è a capo della Segreteria tecnica della ministra. Compenso? 50mila euro annui.

Non è lo stesso di una parlamentare, ma bisogna accontentarsi. Il capo di gabinetto, per 53mila euro, è invece un componente dell’Avvocatura dello Stato, Massimo Santoro, già capo dell’ufficio legislativo al Mef, con Pier Carlo Padoan ministro del governo Renzi. A sussurrare alla ministra ci sono (seppure per una cifra meno cospicua, 7.500 euro) i docenti Mauro Magatti, sociologo e autore di editoriali per il Corriere della Sera, e Alessandro Rosina, economista e opinionista de La Repubblica.

COMUNICAZIONE A GO GO. Da buona renziana, Bonetti è molto attenta alla comunicazione. Per questo ha assunto, come social media manager, Nicolae Galea, compagno di Alessio Di Giorgi, il grande capo della comunicazione social di Italia viva. Proprio Di Giorgi, di recente ha attaccato Giuseppe Conte sul profilo dell’ex presidente del Consiglio, confermandosi – per l’ennesima volta – un guardiano digitale di Renzi. Per Galea, intanto, sono previsti 45mila euro di emolumento accessorio. La figura al vertice dell’ufficio stampa è affidata a Roberta Leone, dipendente della Cei, con qualche trascorso in testate del mondo cattolico.

Un’altra giornalista dello staff bonettiano è poi Beatrice Rutiloni, chiamata al dipartimento in qualità di esperta, per 45mila euro all’anno, alla voce retribuzione di posizione variabile. In passato ha scritto per Democratica e unita.tv, progetti editoriali del Pd voluti da Renzi, già capo ufficio stampa di Italia viva al Senato. Per poi occuparsi di famiglia con la ministra.

4 replies

  1. La Manzione è stata protagonista della denuncia fatta al fratello PM a Lucca, del suo sindaco dopo che l’aveva rimossa dall’incarico, se ricordo bene. Una cinquantina di capi d’imputazione, il sindaco arrestato per 3 mesi, poi scagionato da quasi tutte le accuse, nel frattempo la Manzione andata a Firenze e poi mandata a Roma assieme al fratello (ma ci rendiamo conto?) e addirittura volevano abbassare l’età minima del consiglio di Stato sennò non ci entrava.

    Questa è l’itaglia renziana, che bella eh?

    Piace a 3 people

    • E l’Italiota viscido ingoia tutto ‘ se la prende con le tasse troppo alte ma non ne vuole sapere di demolire la torre d’avorio, costosissima, che politicanti senza scrupoli si sono montati irridendolo. Che vergogna! Nostra, perché loro non ne hanno neppure un briciolo

      Piace a 1 persona