Fontana, si indaga in Svizzera per risalire ai soldi (del 1997)

La Procura vuole riannodare il filo dei 5,3 milioni di euro di eredità “scudati” nel 2015 dopo vent’anni alle Bahamas.

(di Davide Milosa – Il Fatto Quotidiano) – L’inchiesta milanese sui camici prima venduti alla Regione dal cognato del governatore Attilio Fontana poi trasformati, su indicazione dello stesso, in un tentativo di donazione mai formalizzata e che vede indagato anche il presidente della Regione, ora vira sui soldi. La caccia è iniziata dopo la scoperta di un conto svizzero aperto presso la Ubs riferibile al governatore e dal quale Fontana ha tentato un bonifico (poi fallito) da 250mila euro in favore del cognato Andrea Dini e della società Dama Spa protagonista della vicenda dei camici. Obiettivo del bonifico, secondo i pm: risarcire il parente della fornitura non pagata. La Procura di Milano ha già intrapreso colloqui informali con le autorità svizzere e sta valutando una rogatoria per capire meglio il giro del denaro. Il quadro non è semplice, per questo è stato acquisito agli atti il fascicolo dell’Agenzia delle entrate al quale è allegata anche la voluntary disclosure con cui nel 2015 Fontana ha fatto emergere 5,3 milioni di euro ereditati dalla madre. Denaro dichiarato e oggi gestito dalla società milanese Unione fiduciaria che opera su un conto svizzero. Il denaro per quanto ricostruito dai pm era gestito fino allo “scudo fiscale” da un doppio trust aperto alle Bahamas. Un sistema societario e di schermatura nato tra il 1997 e il 2005 e riferibile alla madre di Fontana, ex dentista allora ultraottantenne. Fin dal 1997, così, Fontana, secondo la Procura, risulta beneficiario di quel conto poi appoggiato su uno strumento finanziario aperto in un paradiso fiscale.

Insomma la storia dei 75mila camici che Dama doveva fornire ad Aria, la centrale acquisiti della Regione, per 513mila euro mai pagati, sta diventando un giallo finanziario con al centro il governatore Fontana al momento accusato di frode in pubbliche forniture. Reato legato, secondo la Procura, non al denaro svizzero, ma al mancato adempimento della fornitura che, stando a una mail di Andrea Dini inviata il 20 maggio all’ex dg di Aria Filippo Bongiovanni (entrambi indagati per turbata libertà del contraente e di frode come Fontana), si è fermata a 49mila camici facendo mancare all’appello gli altri 26mila che Dini ha poi provato a vendere a una società della provincia di Varese a 9 euro (tre in più rispetto all’offerta fatta ad Aria). A dare il la all’indagine è però sempre il denaro. L’inchiesta parte, infatti, dopo una segnalazione sospetta della Banca d’Italia il 22 maggio. Tre giorni prima, il 19, Fontana chiede al cognato di trasformare la fornitura in donazione e fa richiesta alla Unione fiduciaria di fare il bonifico da 250mila alla Dama con la causale generica sulla fornitura camici ad Aria.

L’8 luglio i magistrati hanno acquisito il materiale detenuto dall’Unione fiduciaria. Da qui ripartiranno per riannodare il filo. Che inizia nel 1997 e prosegue con la creazione di due trust appoggiati alle Bahamas di cui lo stesso presidente risulta beneficiario ed erede dopo la morte del genitore. Del resto l’uso dei trust sembra una abitudine nella famiglia allargata di Fontana. La stessa Diva Spa che detiene il 90% della Dama è a sua volta controllata dalla Credit Suisse Servizi Fiduciari che amministra il Trust Diva e che ha attirato l’attenzione della Procura. Sul fronte fornitura camici si delinea meglio il reato contestato a Fontana e legato, secondo i pm, alla richiesta del presidente di trasformare quella fornitura in donazione per evitare danni di immagine. Sappiamo che la donazione mai è stata formalmente accettata dalla Regione e che soprattutto all’appello mancano 26mila camici. Fontana, ieri, in Consiglio regionale ha confermato di aver chiesto al cognato di passare alla donazione. Inoltre ha spiegato di essere venuto a conoscenza del contratto di Dama il 12 maggio. Circostanza che invece Bongiovanni retrodata al 10 maggio, una domenica, quando la notizia atterra sul tavolo del capo della segreteria del presidente Giulia Martinelli, ex compagna di Matteo Salvini.

6 replies

  1. UN AFFARONE fare affari con Aria:
    – Fontana voleva risarcire il cognato delle spese sostenute per i camici bonificandogli 250mila euro,
    – Aria trovava congruo il prezzo offerto di 513mila.
    – se la fornitura fosse andata in porto, un guadagno netto, per il cognato, di 263mila euri.
    Più del 100%!

    "Mi piace"

  2. al posto del provveditorato generale dello stato… (chiuso d’imperio dall’eta beta dr sottile topolino nel formaggio…) mille e mille centrali di acquisto con le conseguenze corruttive che sono sotto gli occhi di tutti quelli che vogliono vedere…?

    "Mi piace"

  3. È tutta colpa della Raggi!! In lombardia tra una persona educata, l’avvocato Ambrosoli e Maroni, lega nord, per il dopo Formigoni, hanno votato in massa il secondo. Secondo voi se si facesse votare per mille anni i residenti di s. Vittore cosa ne verrebbe fuori? In lombardia contano solo ed esclusivamente i soldi e per quelli non c’è madre che tenga. Sono fatti così, hai voglia ad educare

    Piace a 1 persona

  4. Nell’assistere alla vaudeville messa in scena da Mortimer si rimane sconcertati in primo luogo dall’assurdità
    delle battute e poi dall’autolesionismo di cui il nostro eroe dà mostra.
    Ma come è possibile che un uomo nella sua posizione, per giunta avvocato, assistito da schiere di altri avvocati,
    consulenti e commercialisti, possa pensare di vivere ancora nell’era in cui il Segreto Bancario era un tabù
    inviolabile?
    Non l’ha nemmeno sfiorato il sospetto che un bonifico di quella entità, privo di casuale credibile, sarebbe stato
    un cappio che finirà per impiccarlo?
    Adesso che se l’è messo intorno al collo, la sola cosa che riesce a fare è quella di insaponarlo per bene con dichiarazioni
    roboanti tipo: “Non tollero che venga messa in dubbio la mia onorabilità!”
    Sarebbe da non credere a tanta protervia se non fosse che Mortimer e la sua squadra di scappati di casa sono
    stati scelti da quell’altro genio della politica che è il Cazzaro Verde.
    Ma quello che risulta ancora più incredibile è il fatto che sia l’uno che l’altro giullare godano ancora del consenso
    della maggioranza dei cittadini lombardi.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.