Calenda on the beach

(Carlo Valentini – italiaoggi.it) – Duello Carlo Calenda-Deborah Bergamini sulla proroga delle concessioni balneari, cioè le spiagge, che dovevano andare all’asta e invece sono state ri-concesse a chi già le gestisce. A Calenda la faccenda non piace e rimbrotta la parlamentare di Forza Italia: «Cara Bergamini (che vanta di essere stata tra le promotrici del rinnovo, ndr), vorrei sapere se ti sembra normale che il Twiga (4 milioni di fatturato) paghi 17.000 euro l’anno di concessione, il Papeete (3 milioni di fatturato) 10.000, l’Ultima Spiaggia 4.500. Perché il bilancio dello Stato è di tutti noi. Non è a disposizione vostra per coltivarvi bacini elettorali».

Non finisce qui. La Bergamini ribatte: «Caro Calenda la vera rivoluzione sarebbe smettere di pensare che il luogo deputato al ragionamento e al confronto politico in Italia siano i 280 caratteri di un tweet. La questione è un poco più complessa. Pensi che senza garantire continuità aziendale alle imprese del settore quest’estate gli stabilimenti balneari italiani avrebbero potuto riaprire? Sarebbe stato meglio mettere all’asta le concessioni e le nostre coste per farle finire in mano a multinazionali? Parliamo di 30 mila aziende italiane. Se lo Stato in decenni non ha mai alzato il prezzo delle concessioni – cosa che invece il provvedimento prevede – non è colpa dei concessionari».

Ma Calenda non sorvola e ancora spiana la sciabola: «Il costo della concessione, senza gara, non può essere meno dell’1% del fatturato. Perché altrimenti è un feudo in regalo dallo Stato. Perché un ambulante deve pagare più di Briatore per il Twiga? È una schifezza». Il torneo continuerà nei prossimi giorni. E vinca il migliore. Intanto, però, Calenda ci tiene all’immagine bipartisan e se la prende anche col Pd, arruolando il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, che ha reclamato una leadership più incisiva per il partito: «Nel Pd stanno ballando tutti il tip tap sulla sua schiena. Dritta. Per fortuna».

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

2 replies

  1. Chissà a chi ha pagato la costosissima tassa per avere in concessione a 2 lire una spiaggia del demanio! Che ci vuole a risalire chi ha concesso e a chi ? Saranno tutti figli di notai .. di cui è nota la trascendenza ! Qualcuno ha svenduto le coste italiane al prezzo di un appartamento a Quarto Oggiaro!

    "Mi piace"

  2. «Sarebbe stato meglio mettere all’asta le concessioni e le nostre coste per farle finire in mano a multinazionali?»

    Certo che sì, se queste pagano il giusto…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.