La bugia degli italiani fannulloni

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Tempo permettendo, oggi riaprono i primi lidi balneari, inaugurando una stagione estiva molto attesa dopo due anni di limitazioni per la pandemia. Non c’è stato da aspettare, invece, per la litania di ristoratori e gestori delle spiagge che sostengono di non trovare lavoratori stagionali e perciò dilagano su tutte le tv accusando il Reddito di cittadinanza di aver trasformato i giovani in fannulloni.

Inutile controbattere che gran parte delle offerte di lavoro sono in realtà pretese di schiavitù, con compensi da fame e orari illimitati, oppure far notare che i tromboni in guerra da sempre contro il rafforzamento dei Centri per l’impiego e i navigator sono gli stessi che ora protestano perché domanda e offerta di lavoro non si incrociano.

Ma se è anche vero che in alcuni settori i giovani – e i meno giovani – non hanno più la stessa disponibilità di una volta a sgobbare, altrettanto certo è che il lavoro regolare è un miraggio, soprattutto tra gli stagionali.

L’indagine della Guardia di Finanza

A ricordarcelo, brutalmente, è un’indagine della Guardia di Finanza su appena sei strutture turistiche emiliane, dove sono saltati fuori quattrocento dipendenti (400!) con contratti non a norma.

Una goccia nel mare, perché i controlli sono rari, e chi non può perdere quel poco che c’è da guadagnare non denuncia. Persone che non hanno scelta perché per mille motivi non percepiscono il Reddito di cittadinanza o altri aiuti.

Dunque prima di cascare nella retorica dei Briatore, dei Vissani e compagnia cantante, faremmo bene a conoscere meglio i fatti e rispettare i lavoratori che non si fanno sfruttare piuttosto che i loro sfruttatori.

6 replies

  1. Veneto, lidi e ristoranti della costa:
    – cameriere, turno dalle 10 alle 15:30 e dalle 18:00 alle 22:30, ovvero fino a chiusura, paga 1200€ mese, nessun giorno di riposo.
    Naturalmente per gli stagionali, vanno sottratti i costi di vitto e alloggio.

    Povera gioventù sfruttata da questi “imprenditori”. Quando guardo i ragazzi e gli universitari che vanno a fare stagione per raggranellare un po’ di soldi, mi si stringe il cuore.

    Piace a 2 people

  2. E l’aberrazione non si ferma solo ai giovani.
    Al sud io vedo tanti maturi ultracinquantenni trattati peggio degli schiavi per pochi euro.
    Sono i più ricattabili, loro tengono una famiglia da mantenere

    Piace a 1 persona

  3. Si guadagna di più nella logistica ( corrieri, fattorini, consegne a domicilio…)
    Infatti sono cresciuti in maniera esponenziale: vanno tutti lì. Si deve correre, ma non hai il padrone a mezzo metro, puoi andartene quando vuoi e se va bene guadagni abbastanza.

    "Mi piace"

  4. Il discorso sfruttamento e soprattutto mancanza di formazione è verissimo,segno delle politiche vergognose verso i contratti di lavoro, però mi chiedo se uno rinuncia al lavoro è perché sa di essere sfruttato o ne può fare a meno.
    Il problema vero è chi non ha questa scelta

    "Mi piace"

  5. Per questo c’è la tratta degli schiavi, gentile @Gilles.
    Le hanno solo cambiato nome: “accoglienza” per farcene sopportare i costi (in tutti i sensi…)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...