Raggi, l’importante è distruggerla, ad ogni costo

(Stefano Rossi) – A Roma, in via Catania n. 2, c’è il primo distributore automatico di pizza. Si trova in un punto strategico, vicino l’Università La Sapienza, non molto distante dalla Stazione Centrale e tanti uffici pubblici e privati.
Pensavo che la notizia fosse diffusa da tutti i giornaloni on line. Invece, sono pochissimi quelli che la riportano.

Il Messaggero, noto quotidiano di Roma, che mi onoro di non leggere, on line non riporta la notizia. E così tanti altri.

Poi c’è l’Ansa che riporta la notizia ma, malandrinamente, scrive “Italia” non Roma (come si vede nella foto). Un po’ come nei supermercati quando i cachi vengono venduti con provenienza “Italia” e non “Campania”, altrimenti chi li comprerebbe?

Il New York Times, che non deve combattere Virginia Raggi e il Movimento, ha mandato addirittura una sua corrispondente per provarla ed ha lodato l’iniziativa.

La notizia, purtroppo per i detrattori della Raggi, giunge in un brutto momento. Sono tutti intenti a scatenarsi per il diluvio equatoriale che ha investito molte città italiane, tra cui Milano, ma tutti i servizi dei Tg sono solo per la Capitale. Mai una volta che si possa attaccare la Raggi in santa pace per tre gironi di fila! Adesso ci si mettono pure gli americani! E’ un’ingiustizia.

8 replies

  1. La Casellati è proprio l’esempio del malcostume presente nei rappresentanti delle istituzioni. Già il suo passato è tutto un programma

    "Mi piace"

  2. Il Sindaco V. Raggi, sta’ diventando, giorno dopo giorno sempre dipiu’, indispensabile per poter credere che” l’aria ” torni ad essere pulita. Premessa indispensabile per un corpo “sano”. Grazie Sig. Sindaco.

    "Mi piace"

  3. Da come è messa Roma – da decenni ormai- non mi pare ci sia la corsa a diventarne sindaco, come non c’è stata ai tempi della Raggi.
    Solo Calenda insiste: cosa non si farebbe per una poltrona ( qualsiasi). Tanto sa che avrebbe gli Editori e gli Industriali dalla sua parte che ci trasformerebbero anche la m…a in oro.

    "Mi piace"

  4. Non la vuole nessuno.Palese, palese.Meglio, più tempo per dargli lezioni di onestà e se arriva qualche “soldo” in più qualche lezione di buona amministrazione. Con quel che si può.Auguri a Virginia…donna di tempra non comune.Mi ispira fiducia

    "Mi piace"

  5. “Il noto programma satirico Striscia la notizia (Mediaset), ironizza sulla sindaca di Roma Virginia Raggi. Una vera bufala. manda un breve filmato che mostra un bus bloccato dall’acqua. L’attrice che impersona l’improbabile mamma della sindaca, le dice al telefono che non deve piangere se tutti la criticano. Anzi dev’essere contenta perché almeno se prende fuoco un pullman, l’acqua lo spegne… Poi conclude la telefonata dicendo alla Raggi: “l’hai capita?”.

    LA BUFALA
    Lo scopo esilarante del filmato sarebbe così compiuto, ma nel “servizio” di Striscia, il pullman che si vede in mezzo ad un fiume d’acqua, non è a Roma, bensì a Busto Arsizio… L’amministrazione della cittadina lombarda nella provincia di Varese è guidata da Emanuele Antonelli. Sindaco e giunta eletti grazie a: Lista Civica: Busto Grande, Lega Nord, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, Lista Civica: Indipendenti di Centro, Lista Civica: Antonelli X Busto Arsizio, Forza Italia
    E’ in questa città che sono dovuti intervenire i soccorsi con un gommone per aiutare i passeggeri rimasti intrappolati bel bus semisommerso dall’acqua abbondante come in tutta Italia.

    ULTERIORI BATTUTE E LA CADUTA DI STILE DELLA HUNZIKER
    Il servizio bufala prosegue, e la “mamma di Virginia” fa cenno ai cinghiali ed ai topi (i topi a Roma ci sono sempre stati, ma pare che li abbia portati questa amministrazione). Anche i cinghiali a dire il vero sono presenti un po’ ovunque nelle città italiane, ma si parla solo di Roma ( ! )
    Al termine del filmato, la conduttrice Michelle Hunziker (schierata apertamente contro il Reddito di cittadinanza e le forme di assistenzialismo), scherza col collega Gerry Scotti, riuscendo a dare dello “scarrafone” alla Raggi.”

    Mi auguro che siano denunciati per calunnia.

    Piace a 1 persona