L’audio che incastra la lega sui 10 mln spariti

(di Marco Grasso e Stefano Vergine – Il Fatto Quotidiano) – L’incontro avviene nell’estate del 2018 in un locale del centro di Bolzano, proprio mentre in Lussemburgo sono in corso le perquisizioni ordinate dalla Procura di Genova. Da mesi i media danno conto della caccia ai 49 milioni di euro della Lega. Una parte del tesoro scomparso dalle casse del partito, 10 milioni, sarebbe partito da una banca altoatesina, la Sparkasse, per essere investito nel Granducato e poi ritornare parzialmente in Italia. È questa l’ipotesi dei magistrati liguri che indagano per riciclaggio, ed è questo l’argomento al centro del colloquio, finora inedito, fra due ex manager di Sparkasse. Uno scambio da cui emerge preoccupazione a proposito di quanto stanno pubblicando i giornali in quei giorni: “È uscito fuori di tutto e di più. Il problema sono questi dieci milioni”. E ancora: “Lui mi diceva che li c’è un manager che è un leghista, uno della Lega, all’interno di… come si chiama, la società…”.

Il dialogo inedito

A parlare è Sergio Lovecchio, 51 anni, fino al maggio del 2016 responsabile finanziario della cassa di risparmio di Bolzano. Dall’altro capo del tavolo c’è Dario Bogni, 60 anni, svizzero, ex capo della tesoreria di Sparkasse. Nel momento dell’intercettazione i due lavoravano fianco a fianco nella Euregio Plus Sgr Spa, società di gestione del risparmio controllata dalla provincia autonoma di Bolzano, retta da un’alleanza tra Svp e Lega. Durante l’incontro intercettato dagli investigatori i due manager mostrano familiarità con i vertici della politica locale: “Me l’ha chiesto Kompatscher – dice Lovecchio a Bogni parlando di altre vicende bancarie – ma lui si imbarazza per queste cose”. Il riferimento è al governatore del Trentino-Alto Adige Arno Kompatscher, artefice del ribaltone che ha portato il partito autonomista Svp a tradire l’alleanza di centrosinistra per andare al governo della Regione insieme alla Lega.
Quanto a Bogni, secondo gli investigatori avrebbe avuto un ruolo operativo nel trasferimento dei 10 milioni di euro di Sparkasse: “Il problema – dice lo svizzero – è questo… è uno… il collegamento… il collegamento è questo Brandstätter (attuale presidente di Sparkasse, ndr)”. Il dialogo risale al 18 settembre del 2018 e viene captato da una registrazione ambientale dei carabinieri del Ros di Bolzano. I militari in quel momento stanno indagando sulle presunte malversazioni nella gestione della cassa di risparmio altoatesina. Molti accenni di quella conversazione interessano però la Procura di Genova, che a sua volta, con il coordinamento del procuratore aggiunto Francesco Pinto, sta cercando le prove del collegamento tra i 10 milioni di euro e la Lega. Per questo l’audio viene trasmesso ai magistrati liguri.

l’affare lussemburghese

Ad accendere i fari sull’affare lussemburghese sono varie coincidenze. La prima è che il Carroccio, nel gennaio del 2013, aveva aperto un conto corrente alla Sparkasse depositando in tutto una decina di milioni di euro tra liquidità e titoli finanziari: quel deposito viene svuotato nel giro di sei mesi, fino ad essere chiuso. Tre anni più tardi, nel 2016, su un conto deposito detenuto da Sparkasse in Lussemburgo, presso la banca privata Edmond de Rotschild Asset Management, viene accreditato un investimento di un ammontare molto simile: 10 milioni di euro. Soldi che Sparkasse ha sempre rivendicato come propri e non riconducibili alla Lega. “Sergio, Sergio – dice ancora Bogni – ma ti rendi conto che puoi dire che nel 2014, nel 2016, il bilancio della banca era falso? Tu quei fondi li hai messi dentro come fondi di proprietà. Se viene fuori che non lo sono vuol dire che il bilancio è falso”. “Ma no, sono di proprietà”, lo rassicura Lovecchio. E ancora Bogni: “Per chiudere un po’ il cerchio quella roba qua è cresciuta su una serie di coincidenze strane, non c’è niente da nascondere, è un investimento normale. Almeno io per la parte della banca… perché alla fine mi è venuto un po’ il dubbio…”.

Un ulteriore elemento considerato sospetto dai pm è la richiesta di rientro in Italia di 3 milioni di euro dell’investimento iniziale, che avviene a gennaio del 2018, in prossimità di due eventi ritenuti significativi dagli investigatori. Primo: il sequestro dei conti leghisti, che ammonta proprio a 3 milioni di euro e avviene nel settembre del 2017. Secondo: le elezioni politiche del marzo 2018. Insomma, il sospetto degli investigatori è che la Lega, per ripianare i 3 milioni venuti a mancare a causa del sequestro giudiziario, abbia riportato in Italia un ammontare equivalente parcheggiato segretamente in Lussemburgo un paio di anni prima. Soltanto un’ipotesi, per ora.
Di certo, uno degli operatori bancari coinvolti nell’operazione di rientro dal Granducato all’Italia dei 3 milioni ha segnalato quella movimentazione come operazione sospetta alla sezione antiriciclaggio della Banca d’Italia. “L’ha segnalata qualcuno, qualche coglione della Rothschild, che è la banca depositaria – sbotta Bogni con Lovecchio – non so per quale motivo quando sono entrati non li hanno segnalati e quando quest’anno hanno fatto il rientro dei 3 milioni… bam… A noi ci sbattono fuori dalle banche dalla sera alla mattina. Ti dicono: ‘Questo qua? Mah, non ci piace…’. Ne hanno beccato uno a Panama nel 2004, un banker che conosco, guadagna un milione e mezzo di dollari l’anno… C’erano italiani, con tutta la fabbrica… basta, compliance, e via tutto…”. E, ritornando all’investimento di Sparkasse: “Qui ha visto i 3 milioni, qualcuno da Rotschild ha visto che mancavano documenti… Magini mi rompeva le balle e continuava a dirmi: ‘Certo che è una serie di coincidenze strana…’. Si sapeva da giugno che avrebbero chiesto una rogatoria e sono andati lì alla…”. “Stamattina, sarebbe ieri?”, domanda Lovecchio. “Lunedì e martedì”.
I due, più in generale, sono preoccupati da problemi giudiziari: “I miei avvocati – prosegue Lovecchio – mi hanno detto: “Che cazzo vuoi fare, vai lì e non dire un cazzo… se tu fai l’informatore sei un coglione, questo è il messaggio”.

L’avvocato Aiello: il ruolo

Ma ritorniamo a quel riferimento, al presidente della banca Gerhard Brandstätter, nominato al vertice di Sparkasse nel 2014. Il “collegamento” che sembra impensierire il broker Bogni è quello con il socio con cui Brandstätter ha condiviso per anni uno studio legale a Milano: Domenico Aiello, avvocato di fiducia dell’allora segretario federale della Lega e poi presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. “Credo che sia ancora con Aiello, in quello studio a coso, a Milano”, dice Lovecchio a Bogni riferendosi a Brandstätter. Di certo, al di là del colloquio intercettato, gli incroci tra Aiello, Brandstätter, Sparkasse e la Lega sono parecchi. Nel 2013, quando il Carroccio aveva un conto corrente attivo presso Sparkasse, il partito era difeso dallo studio legale Aiello-Brandstätter. Lo stesso Aiello, fino all’inizio del 2015, ha presieduto l’organismo di vigilanza della banca altoatesina. E Maroni, oltre ad aver scelto lo studio Aiello-Brandstätter come difensore della Lega, quando nel 2018 ha lasciato il Pirellone per tornare alla sua antica professione, l’avvocatura, ha ricominciato ad esercitare proprio nello studio di Aiello.

Contattata dal Fatto, Sparkasse ha fatto sapere che “la banca ha già fornito alla magistratura la propria posizione in proposito, per chiarire l’assenza di comportamenti illeciti o di connessioni con persone sottoposte ad indagini. L’operazione di investimento in Lussemburgo, di cui si sono occupati i media, è stata un’operazione svolta dalla banca per proprio conto, e non per conto di clienti, come normale investimento di tesoreria della banca stessa ed ha fornito ampie evidenze documentali in proposito alla magistratura”.

Brandstätteter ha sempre detto di non aver “mai saputo che la Lega avesse aperto un conto presso Sparkasse, se non ex post”. Ieri la banca ha aggiunto che “negli anni 2013/2016” Brandstätter “ha avuto semplicemente un’associazione professionale con l’avvocato Aiello, conosciuto per precedenti esperienze professionali, che era basata su una mera collaborazione tra le attività svolte dallo studio di Bolzano per quanto riguarda interessi in provincia di Milano di propri clienti”. Per quanto risulta al Fatto, nessuna delle persone citate in questo articolo è indagata dalla Procura di Genova.

3 replies

  1. Se si volesse veramente sapere dove sono i soldi della Lega,chi li ha portati all’estero,chi si è comprato bar e appartamenti ecc ecc basta fare un accertamento finanziario sui politici e su chi ci gira attorno.Tutti sono ricchi a palate in barba a noi poveri sudditi che paghiamo tasse e fra un po’ l’aria che respiriamo.Tutto questo vale anche per i politici toscani,liguri ,lombardi ecc ecc tutti ricchi,tutti a dettare regole in tv e dare consigli su cose che non capiscono e noi,creduloni,abbicchiamo come pesci affamati.La Magistratura ha le armi ma non le carica!

    "Mi piace"

  2. No, ma parliamo dell’invasione degli africani, dai!!!
    È una formidabile arma di distrazione di massa, a cui i boccaloni ignoranti, poveri e frustrati abboccano SEMPRE. Una volta che gli hai indicato il nemico, pompando con una martellante campagna d’odio quotidiana, i boccaloni frustrati si concentreranno spontaneamente su questi diseredati.
    Scaricheranno su di loro le frustrazioni di essere 💩 perdenti e lasceranno in pace chi li manovra, permettendo che continuino ad arricchirsi con truffe e ruberie allo Stato per valori costantemente in crescita. Nelle regioni/province a statuto autonomo esiste una mafia di governo che ha finito per legarsi a quella criminale tradizionale.
    Aboliamo le franchigie di cui godono.
    E trovo orribilmente repellente l’idea per chiunque di allearsi con questi predoni ignoranti, razzisti e flatulenti.
    Se passassero tutte le loro proposte fatte perennemente in campagna elettorale l’Italia sprofonderebbe ad uno status di nazione canaglia, base in mano al crimine, con una popolazione schiavizzata ed economia dedita al riciclaggio dei proventi criminali da tutto il mondo.
    Forse addirittura nuova base di espansione per le mire imperialista russe. Verrebbero sloggiati gli americani e sostituiti con i devoti seguaci di Putin.
    È tutti a bere vodka distillata dalle Lenticchie e dalle cipolle di Tropea.

    Robe da imbracciare arnesi caricati a polvere da sparo contro questi predoni inetti e incapaci.

    Piace a 3 people

  3. E sempre stato il “modus operandi” di un pseudopartito dalla sua fondazione, passando per Bossi, Maroni, Borghezio e Salvini. Di cosa vogliamo parlare. E’ vergognoso dirlo ma qualcuno li ha sempre votati e continuerà a farlo. Chi non lo farà più, rischierà di votare FDI, aimè, un’arma così nobile e potente, ricevuta da chi è morto per ottenerla, nelle mani di un popolo affetto dall’Halzheimer precoce.

    Piace a 4 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...