Cosa cambia con la brexit?

(Luigi Ippolito – corriere.it) – Accordo storico sul dopo-Brexit fra Gran Bretagna e Unione europea: è stato scongiurato il temuto «no deal», un divorzio traumatico che si sarebbe concretizzato il 31 dicembre con pesanti ricadute economiche e politiche. Londra e Bruxelles hanno concluso un Trattato di libero scambio che vale 700 miliardi l’anno, il più importante mai raggiunto per entrambe le parti. 

Boris Johnson ha rivendicato il successo, affermando che il suo Paese ha «ripreso il controllo» in tutte le aree e che il suo governo ha mantenuto tutte le promesse fatte al pubblico britannico col referendum di quattro anni fa: «Abbiamo mantenuto tutte le linee rosse sul recupero della sovranità», ha affermato. I negoziati si sono conclusi ieri sera e le ultime ore sono state trascorse a limare i dettagli finali del testo.

La svolta l’hanno impressa direttamente Boris Johnson e Ursula von der Leyen: negli ultimi giorni il premier britannico e la presidente della Commissione Ue hanno preso personalmente in mano le trattative e sono stati in costante contatto telefonico. Boris aveva bisogno di un accordo. La pessima gestione della pandemia ha devastato la sua popolarità e la più recente emergenza provocata dalla nuova variante del coronavirus gli ha tolto ogni spazio di manovra. 

Ora ha qualcosa di concreto da mostrare e farà di tutto per vendere l’intesa come una vittoria di Londra e un pieno recupero della sovranità nazionale. L’accordo raggiunto è comunque ridotto all’osso: in sostanza evita il ritorno ai dazi sulle merci e mantiene aperta la cooperazione in tema di criminalità e sicurezza, ma lascia fuori i servizi, che costituiscono la quota più rilevante di ciò che la Gran Bretagna «vende» all’Unione. I negoziati si erano incagliati sulla questione della concorrenza equa — in particolare sugli aiuti di Stato — e su quella della pesca nelle acque britanniche. Su entrambi i temi si è però trovato alla fine un compromesso che consente a Londra di divergere dalle regole europee (che è l’obiettivo ultimo della Brexit) e a Bruxelles di ottenere garanzie contro la competizione sleale.

Ma cosa succede adesso? Il governo britannico dispiegherà 1100 funzionari in più alle dogane e all’immigrazione. Nello scenario peggiore, si teme che fino a 7 mila camion possano restare imbottigliati sulle autostrade inglesi che conducono a Dover e agli altri porti, a causa dei controlli doganali che verranno comunque introdotti dal 1° gennaio dai Paesi europei (la Gran Bretagna ha invece deciso di aspettare fino al 1° luglio prossimo prima di applicarli).

Università e ricerca

Il governo britannico è uscito dal programma Erasmus. Dall’anno prossimo gli studenti europei dovranno chiedere il visto e le rette universitarie raddoppieranno – fino a 30 mila euro l’anno – perché saranno portate in linea con quanto già pagano gli studenti extra-europei. Per i giovani che sono già in Gran Bretagna per studio entro il 31 dicembre, invece non cambia nulla.

Immigrazione e turismo

Dal 1° gennaio scatta il nuovo sistema di immigrazione in Gran Bretagna. Chi arriva per lavoro dovrà avere un visto, ottenibile solo se ha già un’offerta in tasca e un salario previsto di almeno 25.600 sterline (circa 28 mila euro, meno in caso di lavori essenziali come nel settore sanitario). Agevolazioni previste anche per chi ha un dottorato di ricerca (specialmente in materie scientifiche), mentre sarà molto più difficile riuscire a venire a Londra per fare i camerieri o i commessi, come tanti giovani italiani nel passato. I turisti non avranno bisogno di visto, ma sarà necessario il passaporto e non si potrà restare per più di tre mesi.

Finanza e valuta

L’accordo non copre il settore finanziario, ma nella City molte aziende si sono già messe ai ripari spostando attività e personale in Europa: l’esodo di banchieri e fund manager da Londra è stato però finora contenuto, non avendo superato il 4 per cento del totale. Un salasso invece per i fondi d’investimento made in Uk, che hanno visto oltre 2 miliardi di dollari ritirati dai loro portafogli.

L’Italia L’anno scorso l’interscambio fra Italia e Gran Bretagna era stato di circa 30 miliardi, con 20 miliardi di nostre esportazioni e dieci di importazioni (dunque un saldo largamente attivo). Quest’anno la pandemia ha visto i volumi contrarsi di circa il 20 per cento, ma il 2020 dovrebbe comunque chiudersi con un interscambio di circa 25 miliardi. Molte aziende dovranno adattarsi al nuovo regime doganale, che comporta comunque un aggravio di costi.

Il sì dei Parlamenti

L’accordo dovrà passare attraverso le ratifiche parlamentari. Si sa già che Westminster si riunirà in seduta straordinaria il 30 dicembre, mentre il Parlamento europeo appare più recalcitrante e chiede più tempo per verificare l’accordo con attenzione. Questo però non farà scattare il «no deal» il 1° gennaio: l’intesa verrà applicata in via provvisoria, in attesa del via libera definitivo di Strasburgo. Nell’anno più cupo del nuovo secolo, un regalo di Natale dell’ultimo minuto.

Categorie:Cronaca, Interno, Mondo

Tagged as: , ,

4 replies

  1. Il covid si nutre di egoismo e stupidita’. Merce in abbondanza in questo “tristissimo ” periodo storico. Solo la consapevolezza di una vita “intrecciata”, ci potra’ salvare.

    "Mi piace"

  2. Abbiamo mantenuto tutte le linee rosse sul recupero della sovranità»,
    🥳🥳🥳🎉🎉🎊🎉

    Questo ha prodotto la loro Brexit. PROPAGANDA.
    Per indurli a firmare, rinunciando 70% di quel che avevano avanzato al tavolo delle trattative, è stato MACRON.
    Costui si è mosso da vero GENIO, del Male o del Bene a seconda delle prospettive, chiudendo gli le frontiere terrestri.
    L’Avessero ancora tirata per le lunghe si sarebbero trovati a corto di viveri, non per modo di dire.
    Con le prime rivolte dei camionisti stranieri alle quali si sarebbero potuto unire quelle indigene del popolo affamato.
    Tutto in un contesto sanitario di contagio galoppante che li ha costretti ad estendere il lockdown.
    Godo a vedere frantumarsi i sogni ignoranti dei cazzari sovranari.
    Il capitone come suo solito non si è tirato indietro a sciacallare sull’evento.
    Ma va bene così per rinfacciarglielo a futura memoria, quando verrà messo con le spalle al muro per le sue infinite contraddizioni.
    Meno contatti con l’Europa si tradurranno in un mercato più piccolo per loro, meno arrivi dall’estero avranno conseguenze sui consumi, sulla copertura di posti specializzati, tipo nella sanità e nella socio-assistenza. Le loro università coltiveranno meno talenti, che preferiranno andare a studiare in Germania, Francia, Svizzera e Italia.
    Le industrie dovranno adeguarsi agli standard di qualità e sicurezza del mercato unico UE se volessero vendere la produzione.
    Ci saranno sicuramente dei rallentamenti nelle supply chain industriali, che si muovono con il sistema del Just in Time per annullare le immobilizzazioni finanziarie che richiederebbero la gestione delle scorte.
    I giapponesi della Honda hanno deciso la chiusura del loro storico stabilimento di Swindon proprio per questo motivo.
    È lo stesso hanno minacciato di fare i nippo-francesi di Nissan
    Mentre gli indiani di Tata hanno già deciso di delocalizzare parte della produzione di JLR, Jaguar Land Rover, nell’est Europa.
    E i franco italiani di Stellantis manterranno le fabbriche dove producono le Vauxhall o trasferiranno tutto in Germania presso la Opel?
    Ma soprattutto, la City di Londra manterrà il suo peso strategico nella finanza mondiale o si ridurrà ad essere una base d’appoggio per i fondi speculativi delle varie dittature ed oligarchie cinesi, russe e arabe, che vorranno insinuarsi nel mercato europeo con logiche piratesche, concentrando le loro munizioni su obbiettivi da abbattere con le politiche ribassiste speculative?

    Hanno scelto loro di andarsene. È giusto che vengano presi a ceffoni dal resto d’Europa perché hanno avuto spocchia e arroganza in rivendicazioni pretestuose.
    Anche loro hanno cialtroni al potere, Bojo, o collusi con quelle logiche, l’ubriacone Farage.

    Poi si scatenerà la guerra di secessione scozzese a chiudere il cerchio. Torneranno a pascolare tra le loro pecore e a nutrirsi della loro 💩💩💩

    Piace a 1 persona

    • @Jerome B
      Non avendo una preparazione in campo economico, avrei potuto scrivere gli ultimi due paragrafi, tanto li condivido.
      Ti ringrazio per aver completato, in tutti gli altri, il concetto ed esposto le motivazioni, ma soprattutto per avermi rassicurato sul fatto che non l’hanno avuta vinta loro!

      "Mi piace"

  3. Tanto il tempo è galantuomo. Vedremo se agli inglesi sarà convenuto o meno il divorzio e anche a noi altri invece restare.

    "Mi piace"