“Noi rovinati dal Natale Covid”. ​Il grido di alberghi e ristoranti

(Gaia Vendettuoli – agi.it) – L’ultimo decreto del Governo con lo stop degli spostamenti e i coprifuoco ‘uccide’ il Natale di albergatori e ristoranti. E manda in fumo diversi miliardi di euro che avrebbero potuto dare ossigeno – e in molti casi garantire la sopravvivenza – a un settore già duramente colpito dalla ‘prima’ crisi Covid e ora travolto dalla seconda ondata. 

“Se è vero che in un anno ‘normale’ sono circa 19 milioni gli italiani che si mettono in viaggio tra Natale e l’Epifania, con una spesa media di circa 730 euro a persona per un giro d’affari complessivo di 14 miliardi di euro – osserva in un colloquio con l’AGI il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Massimo Nucara – prevediamo che il 90% di tutto questo andrà perduto”. 

I nuovi Dpcm “hanno ucciso le feste”, gli fa eco Aldo Cursano, vicepresidente nazionale di Fipe, portando al Governo il conto salato del ‘Natale Covid’: 6 miliardi di euro in meno di entrate, considerando i pranzi di Natale limitati alle sole regioni gialle e la totale perdita dei 5 milioni di clienti che trascorrevano il cenone di Capodanno nei locali.

Sulla stessa lunghezza d’onda la vicepresidente di Confindustria Alberghi, Maria Carmela Colaiacovo, che sempre all’AGI denuncia come parlare di ‘room service’ sia “offensivo” e “calpesti la dignità” degli imprenditori, al di là della difficoltà di gestione e di costo. Inoltre, ricorda come le risorse stanziate finora dai vari decreti ristori non coprano” neanche il 10% delle perdite di fatturato del settore, mentre in altri Paesi europei sono arrivati a coprire fino al 70% delle perdite”. 

Federalberghi, perso il 90% del giro d’affari

Il decreto legge di ieri sera e il Dpcm in arrivo confermano i timori peggiori per il settore, sottolinea il direttore generale di Federalberghi, Nucara. “Facciamo un esempio – spiega – il cenone di Capodanno: è pur vero che si potrà cenare in camera, ma poniamo che un si vada a Firenze. Dalle 18 è tutto chiuso, quindi non resta che andare in albergo, dove si potrà cenare solo in camera. Ma allora tanto vale restare a casa”.

E ancora: “Il 25 e 26 non ci può muovere tra Comuni – prosegue – quindi se sei a Roma e vuoi andare a pranzo al mare a Fiumicino non lo puoi fare perché è un altro Comune”. È vero che ancora una volta gli alberghi non sono stati chiusi, è la riflessione, “ma più di quanto sia successo in passato vengono chiusi in casa i clienti.

Magari si riescono a configurare delle mini-offerte e quindi qualcuno si muoverà. Così – ipotizza – per una coppia di fidanzati la cena in camera in un albergo può essere una cosa romantica e il milanese che vuole andare a Livigno può farlo, ma certo non può sciare. Che cosa fa allora? La passeggiatina fino alle 18 e poi? Dobbiamo tutti quanti riorganizzarci perché è responsabilità collettiva tener conto della difficoltà del momento – sottolinea – ma la norma sembra fatta apposta per dire ‘italiani state a casa’”.  

Fipe, in fumo 6 miliardi di pranzo Natale e cenone

I ristoratori italiani, spiega il vicepresidente della Fipe, Aldo Cursano, fino all’anno scorso mettevano a tavola per il pranzo di Natale 4 milioni di persone. Un po’ di più per l’ultimo dell’anno, 5 milioni al cenone di San Silvestro. “Quest’anno – afferma – sembra che il pranzo di Natale sarà consentito solo nelle zone gialle, quindi nel 30% del Paese. E lì i ristoranti sconteranno circa il 50% dei coperti per il distanziamento”.

Quindi, prosegue, “noi passiamo da 4 milioni di persone a nemmeno 800.000. E perdiamo totalmente i 5 milioni di clienti che vivevano l’ultimo dell’anno con gli amici e le persone care nei locali”. Così, è la riflessione, “muoiono la convivialità e la socialità. Poi è chiaro che si vendono solo pantofole, pigiami e tute: alla gente non interessa più uscire di casa. È chiaro che si fa il gioco dell’online e queste scelte sono una contraddizione tra chi come noi vuole valorizzare il Made in Italy e la relazione umana e chi fa il gioco di Amazon. E Amazon ringrazia i nostri Dpcm e l’Italia“.

Per Cursano, le nuove misure sono  “una condanna a morte. In questo modo – osserva ancora – si chiude un 31 dicembre con un profondo rosso per tutte le attività legate al terziario, perché sono state limitate o chiuse. Il mondo del terziario vive sul ‘fuori casa’ e non sta in piedi se le persone non possono uscire”.

“Dicembre – insiste – è il mese in cui, a condizioni normali, si salva l’anno e in questo momento, con oltre nove mesi di chiusura o di pochissima attività alle spalle, diventa un elemento fondamentale per salvare almeno una parte delle imprese della ristorazione. Ma si continua a non farlo”.

“E questa è una responsabilità politica grossa come una casa”. Prosegue nella sua analisi il presidente della Federazione dei pubblici esercizi della Toscana: “Per noi e per le nostre famiglie, che viviamo di questo, la sicurezza e la salute sono da sempre al centro del nostro lavoro. La nostra missione è quella di far star bene le persone, non certo male”.

“Quindi non è più tollerabile continuare a vedere che vengono spostate responsabilità nei confronti di chi come noi ha ruolo di educatore alimentare- prosegue – noi che abbiamo investito in sicurezza e che ci siamo indebitati ulteriormente per creare maggiore sicurezza formando i nostri ragazzi, abbattendo il numero dei coperti, creando una nuova modalità di organizzazione della cucina, rivedendo i menu e circoscrivendo ogni ipotesi di rischio.

Confindustria alberghi, colpiti anche nella dignità

Le misure del nuovo Dpcm “appaiono davvero irrispettose e insostenibili e ci fanno dire ancora una volta ‘no’ a quella demonizzazione del settore che siamo francamente stanchi di sentire”. È la posizione di Confindustria Alberghi, con la vice presidente Maria Carmela Colaiacovo, che denuncia: “Questi nuovi Dpcm sono la scelta precisa di una chiusura drastica di tutto quello che è il nostro mondo. Gli alberghi restano aperti in teoria, ma ovviamente sono chiusi perché al loro interno non si possono svolgere attività”.

E, prosegue, “con il divieto di spostamento tra Regioni non esistono neanche ‘corridoi sicuri’ attraverso i quali far passare i clienti con prenotazione. Quello che ci colpisce e che ci offende – sottolinea – è il modo in cui siamo trattati, perché non si può entrare nella specificità del lavoro alberghiero”.

“Noi siamo degli imprenditori e dei professionisti, quindi nel momento in cui ci vengono date delle delle regole le eseguiamo. Ma parlarci di ‘room service’ è offensivo. Al di là della difficoltà gestionale e dei costi. Ci sono delle complessità per questo tipo di servizi e restiamo costernati davanti a scelte del genere”.

Colaiacovo affronta quindi la questione dei ristori e quella fiscale che, a suo parere, “non sono state affrontate in maniera seria per il turismo, un settore messo drammaticamente in ginocchio dalla crisi Covid”. I sindaci – spiega – chiedono la tassa sui rifiuti per servizi non erogati. E questo ci lascia perplessi e amareggiati. Ovviamente il danno è il Covid, ma serve una gestione complessa della crisi, che non si può affrontare con questa drasticità”. 

6 replies

  1. ma come siete bravi a piangere, lo posso capire per alcuni ristoranti, che ad ogni angolo d strada ne hanno aperto uno senza contare le pizzerie. Ma per gli albergatori ,tutti muniti di villa al mare, o in montagna, o per qualcuno anche mare/monti , + motoscafo, o yacht…
    Mi ricordo che fino a poco tempo fa eravate tutti sfegatati liberisti, al motto di: Chi ce l’ha più lungo se lo tira! Così si dice dalle mie parti. Invece ora piangete che volete gli aiuti di stato, IPOCRITI! E vi lagnate pure che sono miseri. Vi ho sentito, specialisti del soffritto, in tv urlare e sbavare di rabbia contro questo governo d’incompetenti. Lo so io quale governo vorreste. Questo governo con il piano ristori è fin troppo generoso, se foste coerenti dovreste accettare che chi non ce la fa, so’ cazzi sua, fallisca e buona notte. Questo governaccio vi può ancora salvare il culo da morte per miseria nera, con il RDC che schifate.

    Piace a 1 persona

  2. 03/12/2020

    Dato Italia:

    +23.225 nuovi casi
    +993 morti
    +23474 guariti
    -1248 attualmente positivi

    -682 ricoveri covid
    -19 terapie intensive
    -997 isolamenti domiciliari
    +226.729 tamponi

    A questa massa di evasori che dichiarano a fini fiscali mediamente MENO di un loro qualsiasi dipendente dico una soa cosa.

    ANDATEVENE A FANQ.L0

    Il governo, dietro pressione degli (S)governatori sobillati dal capitone, stanno fregandosi le mani, perchè entro il 15 dicembre tutta l’Italia verrà declassata a zona gialla.
    VERGOGNA PER IL MANCATO RISPETTO DI TUTTI QUESTI MORTI

    01/08 5 Decessi VERGOGNA! IL GOVERNO CI IMPEDISCE DI BALLARE!!!11!!11!!
    16/08 4 Decessi
    01/09 8 Decessi
    16/09 12 Decessi
    01/10 24 Decessi
    16/10 55 Decessi
    01/11 208 Decessi
    16/11 504 Decessi Divisione in zone colorate. DITTATURA SANITARIAH!!!!!1111!!!!
    01/12 785 Decessi
    03/12 993 Decessi RECORD STORICO DA INIZIO PANDEMIA

    Rnk—Paesi—–Tot.Contagiati–%Popolaz.-MORTI–Tasso Letalità
    1—–Stati Uniti–13.921.374—-4,206%—273.446–1,96%
    2—–India——-9.534.964—— 0,691%—138.648—1,45%
    3—–Brasile—-6.436.650——-3,028%—174.515—2,71%
    4—–Russia—-2.327.105——-1,595%—–40.630—1,75%
    5—–Francia—2.275.677——-3,486%—–52.822—2,32%
    6—–Spagna–1.665.775——–3,563%—–45.784—2,75%
    7—–Italia——1.664.829——- 2,758%——58.038–3,49%
    8—–Regno Unito–1.663.467–2,450%—-59.796—3,59%
    9—–Argentina–1.440.103—–3,186%——39.156—2,72%
    10—Colombia—1.334.089—- 2,622%——37.117—2,78%
    11—-Messico—-1.133.613—–0,879%—-107.565—9,49%
    12 Germania–1.117.953—–1,334%——17.659—1,58%
    13 Polonia—–1.013.747—–2,679%——18.208—1,80%
    14 Iran————989.572—–1,178%——48.990—4,95%
    15 Perù———–963.605—–2,923%——35.966—3,73%

    Piace a 1 persona

  3. Dichiarazione dei redditi 2018

    Il reddito dichiarato divide l’Italia
    Il reddito complessivo dichiarato è di circa 880 miliardi di euro, per un valore medio di 21.660 euro (+4,8% rispetto al 2017). L’analisi territoriale mostra che la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (25.670 euro), seguita dalla provincia di Bolzano (24.760 euro), mentre la Calabria ha il reddito medio più basso (15.430 euro). Rimane notevole la distanza tra il reddito medio delle regioni centro-settentrionali e quello delle regioni meridionali.

    Il dipendente dichiara più di tutti
    I redditi da lavoro dipendente e da pensionato rappresentano l’82% del reddito dichiarato.
    Il reddito medio più elevato è quello del lavoratore autonomo con 46.240 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori titolari di ditte individuali è di 20.940. Circa 120 euro in più del reddito medio dichiarato al Fisco dai lavoratori dipendenti.
    A 17.870 euro si ferma , invece, il reddito dichiarato dai pensionati.
    Il tipo di reddito più dichiarato in termini di frequenza e di importo, è quello da lavoro dipendente (52,6% del reddito complessivo) seguito da quello dei pensionati (29,3% del reddito complessivo).

    I dipendenti dichiarano oltre 462 miliardi di euro che ricomprendono le collaborazioni coordinate e continuative, i collaboratori a progetto, pari a 823mila soggetti, pari al 4,3% dell’ammontare complessivo del reddito da lavoro dipendente. Ci sono sussidi e le prestazioni di previdenza complementare, i redditi percepiti da soci di cooperative sociali, che, a decorrere dal 2016, sono assimilati ai redditi da lavoro dipendente (683 soggetti per un ammontare di 13,2 milioni di euro)nonché la quota di Tfr liquidata mensilmente come parte integrante della retribuzione.

    Il 44% dei contribuenti, che dichiara il 4% dell’Irpef totale, si colloca nella classe fino a 15mila euro;
    tra i 15mila e i 50mila euro si posiziona il 50% dei contribuenti, che dichiara il 56% dell’Irpef totale,
    mentre solo circa il 6% dei contribuenti dichiara più di 50mila euro, versando il 40% dell’Irpef totale.

    Il reddito medio dichiarato dalle società di capitali è pari a 34.670 euro (+4,3% rispetto all’anno precedente).

    Rispetto all’attività economica esercitata, il reddito medio dichiarato più elevato si registra nel settore delle attività professionali (49.190 euro, +3% rispetto al 2016),
    seguito dal settore delle attività manifatturiere (37.680 euro, -6,9% sul 2016) e dal settore dei servizi (27.330 euro, -4,5%).

    Il reddito medio da lavoro dipendente presenta un’elevata variabilità rispetto alla diversa natura del datore di lavoro:
    il reddito medio più basso, pari a 9.910 euro, risulta quello dei lavoratori dipendenti il cui datore di lavoro è una persona fisica; Che spesso evade sui contributi previdenziali e ricompensa il dipendente con una parte in NERO fuori busta.
    il valore sale a 13.850 euro per i dipendenti di società di persone, Tipo le attività gestite da prestanomi mafiosi, per esempio nelle catene della GDO meridionali.
    a 21.120 euro per i dipendenti della Pubblica Amministrazione,
    mentre si registra il reddito medio più elevato, pari a 23.470 euro, per i dipendenti delle società di capitali.

    CHICCA FINALE

    .Papeete, sequestrati 500mila euro per una frode fiscale

    https://infosannio.com/2020/11/01/papeete-sequestrati-500mila-euro-per-una-frode-fiscale/comment-page-1/

    Piace a 1 persona

  4. I ristoratori italiani, spiega il vicepresidente della Fipe, Aldo Cursano, fino all’anno scorso mettevano a tavola per il pranzo di Natale 4 milioni di persone. Un po’ di più per l’ultimo dell’anno, 5 milioni al cenone di San Silvestro. “Quest’anno – afferma – sembra che il pranzo di Natale sarà consentito solo nelle zone gialle, quindi nel 30% del Paese. E lì i ristoranti sconteranno circa il 50% dei coperti per il distanziamento… “noi passiamo da 4 milioni di persone a nemmeno 800.000. E perdiamo totalmente i 5 milioni di clienti che vivevano l’ultimo dell’anno con gli amici e le persone care nei locali”.

    Perdono totalmente 5 milioni di clienti e quindi 6 miliardi di fatturato. Vogliono dirmi che mediamente ciascun cliente spende 1200 €?

    Confermo quanto scritto da Jerome B. su dove andare… consentito anche a chi è in zona rossa.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...