FI “tratta” il sì allo scostamento

BILANCIO – DOMANI C’È IL VOTO AL SENATO: AZZURRI SPACCATI

(di Giacomo Salvini – Il Fatto Quotidiano) – Il dilemma, in fondo, è sempre lo stesso: votare lo scostamento di bilancio spaccando definitivamente il centrodestra o seguire Matteo Salvini e Giorgia Meloni che continuano a fare opposizione dura e pura al governo. Forza Italia è in mezzo al guado.

Mercoledì pomeriggio al Senato arriva lo scostamento da 8 miliardi per gli aiuti economici anti-Covid e proprio a Palazzo Madama i numeri sono ballerini (serve la maggioranza assoluta di 161 voti) per cui ai giallorosa sarebbe molto utile il supporto di Forza Italia. Che nelle ultime settimane si è staccata da Lega e Fratelli d’Italia come forza “responsabile” provando a trattare col il governo per scrivere insieme la legge di Bilancio. Eppure il partito berlusconiano è spaccato in due: da una parte, al Senato, è più forte la componente filo-leghista guidata da Licia Ronzulli e Anna Maria Bernini, che vorrebbe votare contro o, al massimo, astenersi (al Senato vale sempre come un “no”), mentre alla Camera il gruppo è più trattativista. La capogruppo Mariastella Gelmini e Renato Brunetta sono più vicini alle posizioni di Gianni Letta – “governista” per definizione – e quindi più propensi a votare a favore.

È proprio Letta che nelle ultime ore sta trattando direttamente con il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri per capire se ci siano i margini per un appoggio su due punti: più soldi per i lavoratori autonomi e la moratoria fiscale per il 2020. Se la maggioranza dovesse inserire uno di questi punti o tutti e due nelle sue risoluzioni, il voto favorevole di Forza Italia potrebbe concretizzarsi. Visto che al Senato e alla Camera il gruppo di FI non potrà votare in maniera diversa, tutto dipende dalla trattativa in corso: “Stiamo aspettando di capire se il governo accoglierà le nostre proposte – spiega un big forzista – poi decideremo”. Intanto Matteo Salvini, che continua a proporre una “federazione dei partiti di centrodestra per fare proposte comuni”, gioca d’anticipo mettendo spalle al muro proprio Forza Italia sullo scostamento di Bilancio provando a sabotare l’intesa degli azzurri con il governo: sabato notte, prima di tutti gli altri partiti, il capogruppo al Senato della Lega Massimiliano Romeo ha depositato la propria risoluzione sullo scostamento di Bilancio e per questo sarà la prima a essere votata giovedì all’ora di pranzo. Risoluzione che prevede riduzione dell’Iva, Irap e misure per i pensionati, proposte molto simili a quelle di Forza Italia. “Così vedremo subito cosa vorrà fare Forza Italia, se sta con noi o con il governo”, fanno sapere dal Carroccio.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

3 replies

  1. Ancora l’irap? E l’aiuto ai pensionati a che pro nello scostamento di bilancio?
    Queste sono le brillanti idee che Romeo ha avuto sabato, nottetempo.

    "Mi piace"

  2. Ma si può chiedere a salvini e meloni come potrebbero non votare lo scostamento di bilancio a favore di imprese e partite iva danneggiati dal covid ???

    "Mi piace"