Morra e la realtà parallela

(Tommaso Merlo) – Mafiosi e criminali di ogni risma vengono invitati in televisione di continuo. Il presidente dell’antimafia grillino viene lasciato fuori dalla porta della televisione pubblica. I mafiosi vengono candidati e quando finiscono in galera ormai non fanno nemmeno più notizia. Al presidente dell’antimafia grillino basta una gaffe per venire massacrato come persona umanamente e politicamente indegna a reti unificate. La reazione del vecchio regime partitocratico contro Morra è stata davvero impressionante. Le sfortunate frasi sulla defunta governatrice calabrese potevano generare malintesi e andavano evitate. Il resto del discorso di Morra invece è vecchio come il mondo. I cittadini hanno il governo che si meritano. Non puoi votare per decenni le stesse classi dirigenti colluse e predatorie e poi lagnarti che non hai neanche uno ospedale decente in cui curarti. Ancora più grave se li voti per un pacco di pasta o per conformismo e menefreghismo. Ma vogliono la testa di Morra o meglio quella del governo ed ogni scusa è buona. Vedremo se la macchina del fango riuscirà ad avere la meglio. Ormai siamo oltre le fake news, siamo alla realtà parallela. Una deriva piccolissima per la democrazia e non certo solo nel nostro piccolo. Negli Stati Uniti le infermiere raccontano che molti pazienti muoiono arrabbiati e negando il virus fino all’ultimo respiro. Questo mentre alla Casa Bianca Trump nega arrabbiato la sua sconfitta fino all’ultimo giorno. Non fake news. Realtà parallela. Stesso andazzo nel nostro piccolo. Soprattutto dalle parti sovraniste. L’odio sociale cavalcato dal sovranismo li ha trascinati oltre la propaganda tradizionale. Fino a fargli sposare il complottismo strisciante. Non più manipolazione puntuale dei fatti per tornaconto politico, ma costruzione di una realtà parallela di convenienza. Emblematica la sceneggiata dell’avvocato di Trump Rudy Giuliani che ha farneticato di complotti assurdi e ridicoli mentre gli colava la tinta dei capelli sulla faccia. Il complottismo da bar è arrivato fino alla Casa Bianca passando per tutta la giungla sovranista occidentale. Realtà parallele che la rete sparge capillarmente portando milioni di persone a vivere in una bolla di menzogne. Milioni di repubblicani sono certi di brogli anche se non è emersa nessuna prova. Vivranno i prossimi anni convinti di essere stati truffati. Un danno enorme per la loro convivenza civile e per la loro democrazia. Stesso andazzo nel nostro piccolo. Coi media tradizionali impotenti perché a furia di giocherellare con le fake news han perso credibilità. Con le istituzioni impotenti perché il sovranista crede solo a quello che predica il suo sovrano. Nel nostro piccolo a Morra sono bastate delle frasi infelici ed evitabili per essere trattato peggio dei mafiosi. Questo quando il vecchio regime partitocratico con la malavita ci sguazza da sempre ed oggi pretende indignato la testa del presidente dell’antimafia grillino. Questo quando i cittadini votano la stessa malapolitica da decenni e poi piagnucolano quando non hanno neanche un ospedale decente in cui curarsi. Come se non si meritassero la politica che hanno sempre votato. Un concetto vecchio come il mondo. Ma imperversa l’odio sociale, ma imperversa il sovranismo complottista. Dal nostro piccolo bar fino alla Casa Bianca. Siamo oltre la propaganda tradizionale e le fake news. Siamo alla realtà parallela. Una deriva piccolissima per la democrazia.

22 replies

  1. La cosa più indegna e vergognosa è stata la reazione o per meglio dire la NON reazione del M5S.
    Per una cosa del genere vanno chieste le dimissioni del direttore di rete e chiusa la trasmissione.

    Piace a 7 people

  2. Io non ho ancora capito cosa ha detto di offensivo, vi prego spiegatemelo.
    Io lo farei dimettere seduta stante per dove è andato domenica scorsa, non certo per quelle ovvietà che ha detto.

    Piace a 1 persona

      • Eh, cara. Dei morti si parla solo bene. Anche se si sono messi in lista con indagati, e non per multe non pagate. Basta morire per essere santificati, pensa se fosse morto B col covid: 2000 ore di documentari sulla sua vita. Direi che il 2020 è stato abbastanza demmerda per subirci pure questa punizione!

        "Mi piace"

  3. Ma a qualcuno risulta che Morra abbia insultato la Santelli? Non mi pare. Ha sottolineato che l’idea di candidare una persona affetta da una grave malattia e’ stata malsana. Se si nega questo fatto, stiamo affermando che la candidatiura della Santelli sia stata un atto di pietismo, una specie di ultimo desiderio di un condannato a marte. E’ cosi’? Bene, se e’ cosi’, allora non e’ Morra che si deve vergognare. Quindi, non concordo sul fatto di definirla una gaffe. La verita’ e’ sempre scomoda, e Morra, ancora una volta, ha dimostrato di non aver paura della verita’. Vergognoso il comportamento di Titolo V e della sua conduttrice (che ho visto in diretta dire scemenze). Oltretutto, se un politico assolutamente degno dice una cosa che non condividi, lo inviti e lo bersagli di domande, non gli togli la parola. SOLIDARIETA’ a MORRA. Morra e’ il pensiero forte, Titolo V e la Rai il pensiero debole. Pensa te come siamo messi…

    Piace a 7 people

  4. Gaffe? Quale gaffe?
    Pazzesco! Uno dice un’ovvia verità, purtroppo triste e scomoda, e qualcuno nel suo pieno diritto si risente. Qualcuno addirittura si sente offeso, anche in questo caso nel suo pieno diritto, ma non certo per colpa del Sen. Morra che ha detto soltanto la verità. Non si dà la colpa al termometro quando si ha la febbre. Con piglio antidemocratico si è deciso di togliere la libertà di espressione al Sen. Morra quando poi si invita gente come Sgarbi che veramente insulta, si dà spazio a gente come la Meloni che diffama il presidente del consiglio dandogli del criminale… due pesi e due misure. Peggio: se dici la triste verità ti si toglie la parola, se proferisci lampanti menzogne sei invitato a tutte le trasmissioni.

    Piace a 5 people

  5. Stò leggendo vari critiche…ma la soluzione è una sola “centrarsi” sapere cosa si vuole veramente, e tirare “fuori” i cojones.I tori miura vi ricordano qualcosa?Rivoluzionaria prospettiva. Mandare a gabbe all’aria il torero.

    "Mi piace"

  6. Ecco la frase che ha fatto scoppiare la bomba del centrodestra a difesa della mafia e contro il M5S:

    «Sarò politicamente scorretto: era noto a tutti che la presidente della Calabria Santelli fosse una grave malata oncologica. Umanamente ho sempre rispettato la defunta Jole Santelli, politicamente c’era un abisso. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev’essere responsabile delle proprie scelte. Hai sbagliato, nessuno ti deve aiutare, perché sei grande e grosso. La Calabria ha ciò che si merita».

    Mi pare evidente che il motivo della rivolta della destra contro Marra è puramente strumentale.

    Piace a 3 people

  7. Appunto la notizia è questa, ciò che ha detto Morra, i pseudo politici e i media ci sguazzano e deviano dai problemi ben più importanti, Il covid e tutto quello che gira intorno (ne fanno di cotte e di crude) per non dire di tante altre problematiche. Loro “Queli” dicono e parlano del Natale, al Cenone come se fosse la cosa più importante. Morra ha chiesto scusa, si chiedono le dimissioni (Esempio e quello che ha detto Spirlì, perchè non si dimette). I 5S devono capire ancora che questi marpioni si attaccano a tutto pur di stare a galla (Parlamento) . Lo sbaglio è stato non metter mano all’informazione pubblica quando i 5S potevano, logicamente in maniera diversa da come fanno loro quando sono al potere.

    Piace a 1 persona

  8. Questa è una prova forte!! Qua ora si vede se il movimento è forte e coeso.. purtroppo per una frase forse un po’ sopra le righe, ma non offensiva né tantomeno cattiva, ora il senatore Morra sta sotto la gogna mediatica e questo è insopportabile e vergognoso!! Stiamo vivendo un momento storico molto pesante e si sta vivendo tutto al contrario, i buoni ed onesti soccombono, i farabutti ladri la fanno da padrone, con una informazione da 5°mondo!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.