I giornali alleati della casta

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – L’ultima senatrice beccata col bonus per le imprese danneggiate dal Covid, tale Marzia Casolati, della Lega, è una perfetta sconosciuta persino per chi segue attentamente tutte le cronache politiche. Una delle tante e dei tanti parlamentari che circolano nei Palazzi del potere senza contare nulla, impegnati soltanto a votare come decidono i loro leader e a mettersi in tasca lo stipendio.

In tutto l’altro tempo che rimane, questi peones preparano discorsi che neppure in Aula ascolta nessuno, inciuciano e vanno a spasso per Roma, se non si dedicano ad altro, come rubare. Naturale, dunque, che un Paese dotato di buona stampa ed elettori informati non veda l’ora di mandare a casa questa pletora di deputati e senatori. Ma in Italia giornali e tv sono i primi responsabili del disorientamento dei cittadini, e non a caso da tali pulpiti è partita una massiccia opera di convincimento a favore di questi poveri cristi, improvvisamente scoperti indispensabili per garantire la rappresentanza di tutti noi nelle istituzioni, e di conseguenza nientepopodimeno che la democrazia.

Ovviamente questa è un’immensa stupidaggine, che pertanto non meraviglia sia raccontata dai giornali di destra e dei grandi editori in perenne conflitto d’interessi, dove sono di casa signori attaccati da decenni alla poltrona. Più sorprendente che la stessa battaglia la faccia Repubblica, giornale un tempo progressista, ma che così rivela plasticamente quanto di fronte ai porci comodi della casta ormai destra e sinistra pari sono.

4 replies

  1. Questi parassiti della società annidati all’interno delle istituzioni, eletti con una legge elettorale di tipo bolscevico con liste bloccate, nominati dai loro capi a cui devono tutto e a cui devono rispondere, non rappresentano proprio nessuno. Spesso sono di basso profilo morale e di limitate capacità.

    Piace a 1 persona

  2. Dai, Gaetano… dove sei stato in questi ultimi anni?
    Non posso credere che Stampubblica ti abbia sorpreso.
    Naturalmente è solo un artificio retorico il tuo per rimarcare l’inversione di rotta a 180° di quello che, ormai tanti anni fa,
    era considerato la voce del progressismo italiano.

    "Mi piace"

  3. I giornali pagano gli articoli una miseria, anche meno di 10 euro a pezzo.
    normale quindi che non puoi avere la schiena dritta (salvo eroiche eccezioni): a raccogliere le briciole la schiena si piega.

    "Mi piace"

  4. Ma come mai non viene mai commentato il misfatto del deputato grillino che ha preso il contributo INPS nonostante il mega stipendio rubato come tutti gli altri peones?

    "Mi piace"

Rispondi a fabriziocastellana Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.