I pupi della mascherina

(Pietrangelo Buttafuoco) – Le sceneggiature sono riscritte alla luce del pandemicamente corretto e così, niente più baci, né abbracci e – figurarsi – incontri erotici (a meno di convocare negli amplessi congiunti e parenti). Che finisse male si doveva capire quando l’orrida dittatura del pensiero unico, in nome della correttezza aveva cominciato a proibire le scene con le sigarette, tipo Humphrey Bogart, quindi le abbuffate di cibo – alla Marco Ferreri – e, insomma, la vita con tutti i suoi disordini, Moro di Venezia compreso (per non dire del Mercante!). La mascherina ci ha fatto pupi. E senza berretto a sonagli.

3 replies

  1. Alcuni, purtroppo, nascono in un certo modo e il mondo li sopporta. D’altra parte, non mi andrebbe di ripristinare la Rupe Tarpea. Però mi scoccia di sentirmi insultato da certi Superuomini.
    mvffncl

    "Mi piace"

  2. Quello buttafuoco è nato nella terra dei cantastorie, ci piace, a ognuno la sua vena,
    basta che non fa danni!

    "Mi piace"