Massimo Fini: “Dialogo fra un Covid e un Infettato”

(Massimo Fini – massimofini.it) – Dialogo fra un Covid e un Infettato; C. “Come zono piccolino, come zono piccolino”.

I. “Sento un brusìo fastidioso all’orecchio. Non capisco cos’è. Non vorrei fosse la pressione alta che mi fa dei brutti scherzi”.

C. “Macché pressione alta, quella è una bagatella. Sono io”.

I. “Io chi?”.

C. “Il Covid 19”.

I. “Il Covid? E dove sei?”.

C. “Prova a immaginare”.

I. “Non lo so…”.

C. “Nel tuo corpo, ovviamente”.

I. “Ma io non ho nessuno dei sintomi covid”.

C. “Non gli hai ancora i sintomi covid. Eppoi non è nemmeno vero. Hai presente quella tossettina secca secca che ti viene la mattina quando ti alzi? Ebbene sono io”.

I. “Ma il medico dice che non è nulla”.

C. “Lascia stare. Quelli non ci capiscono nulla di noi Covid. Ti sei già dimenticato delle figuracce dei vari virologi, epidemiologi, infettivologi?”.

I. “Ma la mia temperatura è sicuramente sotto i 37 e 5. Dopo il lockdown sono andato in un paio di ristoranti e le misurazioni hanno dato esito negativo”.

C. “Anche su questo metodo di misurare la temperatura, a distanza, avrei parecchio da ridire. Sai, noi a furia di frequentare medici finiamo per saperla lunga. Era meglio quando vi ficcavate il termometro nel culo, anche più piacevole, cari criptofinocchi. Ah la tecnologia… Comunque sì, al momento la tua temperatura è normale, anzi un po’ bassina, diciamo sui 35. Se non incombessero accidenti ben peggiori sarebbe da preoccuparsi, ma non è il caso. ‘Oh, oh come zono piccolino, come zono piccolino’”.

I. “Piantala con questa salmodia, comincia a darmi sui nervi. Dimmi che intenzioni hai?”.

C. “Per un po’ resto qui al calduccio, nei bronchi. In posizione d’attesa. Devo verificare questa storia del plasma che fermerebbe la malattia, come voi la chiamate, cioè ci ucciderebbe. E anche noi Covid ci teniamo alla pelle. Ma credo che questa del plasma sia una bufala. Appena lo accerto scendo nei tuoi polmoni e ti faccio secco”.

I. “Ma se mi uccidi uccidi anche te stesso”.

C. “Grullo. Io ti infetto in modo irrimediabile, ma prima che i miei segni siano evidenti mi trasferisco su qualcuno che ti è vicino e qui faccio l’asintomatico. L’epidemia è questa, non lo avete ancora capito?”.

I. “Perché scegliete soprattutto gli anziani?”.

C. “Noi non scegliamo. Siamo imparziali. Siamo naturali. Non siamo né morali né immorali. Siamo amorali. Non aggrediamo gli anziani più dei giovani, solo che gli anziani sono soggetti più deboli, tutto qua. Certo che se li ficcate tutti insieme in qualche RSA, per noi è uno spasso, saltiamo da uno all’altro con grande facilità. Però, come in tutte le cose, è una questione di tempi. Quando ne sono rimasti in piedi due o tre balziamo su un parente e così ci troviamo finalmente all’aria aperta, liberi. Anche noi non amiamo il lockdown. Però un’eccezione alla nostra imparzialità la facciamo: per i bimbi. Noi non siamo umani. Voi all’inizio della Rivoluzione industriale avete mandato a lavorare in fabbrica dei bambini di sei anni, una vergogna. Leggi Marx ed Engels”.

I. “Sembri piuttosto informato, Covid. Come fai?”.

C. “Leggo i giornali e anche qualche libro”.

I. “Leggi i giornali!”.

C. “Sì, io scorrazzo liberamente per il corpo, ecco anche perché è difficile individuare i sintomi, sono troppi. Hai mai sentito un po’ di male agli occhi, una leggera congiuntivite? Sono io. Nel periodo del lockdown, quando stavi sempre a casa e leggevi non avendo altro da fare, ho avuto il tempo di farmi una cultura”.

I. “A me la cultura non è mai servita a nulla, solo a soffrire. Senti Covid, toglimi una curiosità. Ogni Covid agisce individualmente o siete una colonia come la Turritopsis, sai quella simpatica medusetta? La conosci?”.

C. “Benissimo. Siamo amici, se non altro per le dimensioni. Anche se io sono un milionesimo di una Turritopsis, si fa fatica a vedermi al microscopio. ‘Oh, oh come zono piccolino’”.

I. “Non hai risposto alla domanda”.

C. “Noi Covid agiamo individualmente, ma siamo diretti da una centrale”.

I. “Ah, interessante. E dove sarebbe questa Centrale?”.

C. “Come sei curioso. Facciamo un giochino. Ti do tre possibilità di indovinare”.

I. “In Cina?”.

C. “Vuoi scherzare? Quelli in un mese ci hanno distrutto”.

I. “In Russia, allora”.

C. “Non siamo mica matti. Putin sarebbe capace di sterminare milioni di asintomatici pur di poter dire che nel suo Paese l’epidemia non c’è”.

I. “Negli Stati Uniti?”.

C. “Gli americani sono meravigliosi. Dei veri fenomeni nell’autodistruggersi. Quelli dell’Isis proprio non li capisco, che bisogno c’era di buttar giù le Torri Gemelle? Trump poi è veramente delizioso, ci ha permesso una marcia trionfale simile al loro far west. Comunque no, non sono nemmeno loro. Game over. Hai perso”.

I. “Dai Covid, ti prego. Se mi dici dov’è questa Centrale, io vendo l’informazione all’Oms per qualche milione di dollari e poi facciamo a metà”.

C. “Ah, ah. Il solito italiano tangentocrate. Nemmeno a un passo dalla morte rinunciate a rubare. Pensa piuttosto alla tua anima. Noi Covid non siamo idolatri del denaro. Ci nutriamo di carne umana, non di aria fritta. Voi lo adorate e così vi siete messi nel sacco da soli. Siete nel pieno potere delle Banche, della Borsa, della Finanza, della globalizzazione. Tranne qualche rara eccezione siete solo degli ‘schiavi salariati’. Leggi un libro di un autore misconosciuto, nemmeno io ne ricordo il nome, il cui titolo però è eloquente: Denaro. ‘Sterco del Demonio’”.

I. “L’autore sono io”.

C. “Mi spiace. Evidentemente non sei mai ‘decollato’”.

I. (Con tono amaro) “Lo dicono. Senti Covid, prima accennavi allo ‘spirito’. C’è una domanda che mi tormenta da sempre: esiste Dio?”.

C. “Noi Covid esistiamo da milioni di anni, da molto prima che comparisse sulla faccia della Terra l’uomo, l’animale più stupido, e insieme più tragico, del Creato. Ma del Metafisico non sappiamo nulla. Esattamente come voi. Sappiamo solo qual è la nostra funzione: sfoltire”.

I. “Sfoltire?”.

C. “Siete troppi. Non per il numero in sé, in fondo sette miliardi non sono poi gran cosa se consideri la vastità del globo. E’ che siete ingombranti. Su ognuno di voi grava un alone enorme, in orizzontale ci sono protesi tecnologiche ed economiche: produzione e consumo, Co2, eccetera. Intendi sicuramente ciò che voglio dire. Sì, siete diventati troppo ingombranti. Farete la fine dei dinosauri. In fondo noi Covid siamo il preannuncio, per la verità al momento molto modesto, dell’estinzione della specie umana”.

I. “Torniamo a noi, Covid. Io ho 76 anni. So di essere nella fascia ‘a rischio’, espressione orribile. Però ho una struttura forte, tutti gli esami lo confermano”.

C. “Ah,ah, ah. Le risonanze magnetiche, le Tac, le ecografie. Io ci vedo molto meglio di una radiografia, sia pur nucleare. Perché sono più vicino. E vedo un tumorino qua, un cancrino là (non ai polmoni che attualmente sono di mia esclusiva competenza), metastasi ovunque”.

I. “Covid, ti prego, lasciami almeno ancora un po’ di tempo. Ai primi di luglio ho uno spettacolo a Elsinore”.

C. “Annullato”.

I. “E ho anche una conferenza fissata da molto tempo, un impegno cui non posso mancare”.

C. “Salta. Per decesso del conferenziere”.

I. “Covid…”.

C. “Oh, oh come zono piccolino. Come zono piccolino”.

I. “Coviiiid!”.

Spam.

Massimo Fini

Il Fatto Quotidiano, 21 giugno 2020

2 replies

Rispondi a paolo diamante Roma Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.