Le correnti togate sono ormai centri di potere: vanno sciolte

(di Antonio Esposito – Il Fatto Quotidiano) – Dalle conversazioni intercettate tra Luca Palamara (già potente presidente dell’Anm e membro del Csm) e una miriade di questuanti magistrati emerge, come ha notato il direttore del Fatto, “una magistratura associata che, salvo rare eccezioni, si comporta come le peggiori lobby (per non dire cosche)”. Stiamo parlando di magistrati quasi tutti impegnati, anche ad alto livello, nell’attività associativa, molti dei quali “adoranti” o “emozionati” riconoscono in modo servile (non degno di un magistrato) in “Luca” il “big”, il “grande”, “il riferimento assoluto”, “il dominus”, lo “stratega”, il “capo” che, per difendere i suoi vassalli a caccia di posti direttivi e semidirettivi o di incarichi fuori ruolo, “andrà alla guerra”, “sarà una belva”, promette che chi li avversa “avrà pane per i suoi denti” e “questa volta gli farà male”, ecc. Marco Travaglio propone, per “chiudere al più presto la piaga purulenta”, alcune riforme tra cui quella fondamentale del “sistema misto fra sorteggio ed elezione per la scelta dei membri togati del Csm (proposto da Bonafede, ma poi archiviato su richiesta di Pd e Anm)” .

Le nuove intercettazioni confermano quanto da anni denunziato da questo giornale circa la degenerazione del sistema attribuibile a tutte le tradizionali correnti associative (MI, Unicost, Area) che hanno, da tempo, occupato, presidiato, controllato l’organo di autogoverno condizionandone anche la nomina del vicepresidente. Oggi, quindi, che l’indegno “mercato delle nomine” investe tutte le correnti tradizionali, iniziano le autocritiche, prima fra tutte quella di Giuseppe Cascini – (ex segretario generale dell’Anm, attuale componente Csm, uno dei leader di Area), anch’egli intercettato con Palamara. Nel Plenum del Csm (in relazione al caso Sirignano, intercettato con Palamara e rimosso di ufficio dalla Dna), Cascini ha dichiarato: “Dobbiamo fare una profonda e radicale autocritica. Questa vicenda è lo specchio di un sistema che coinvolge la magistratura nel suo complesso”. Queste autocritiche sono già un passo in avanti, visto che nel giugno del 2019 vi fu un tentativo di fuga, addossando tutte le colpe alla (indifendibile) coppia Palamara-Ferri (rispettivamente capi indiscussi di Unicost ed MI). Ma Cascini incorre in un errore: il sistema che emerge dalle intercettazioni non coinvolge “la magistratura nel suo complesso” ma, come correttamente precisa il direttore, “la magistratura associata”, perché nella magistratura esistono ancora, e per fortuna, magistrati perbene che svolgono il proprio lavoro (e solo quello) con correttezza ed autonomia (anche dalle correnti).

Sabato, i componenti di Unicost e Area sono usciti dalla giunta esecutiva dell’Anm. Si tratta solo di fumo negli occhi; l’unico segnale serio e credibile era quello di convocare l’assemblea generale mettendo all’ordine del giorno lo scioglimento delle correnti perché è lì che si annida il malcostume (per non dire il malaffare), e solo la loro eliminazione cancellerà effettivamente e definitivamente il sistema torbido e perverso da esse – e per esse dai loro “capi-bastone” – creato.

Tutto ciò non significa vietare ai magistrati il diritto di associarsi, costituzionalmente riconosciuto dall’art. 18 della Carta, perché il loro diritto di associarsi viene assicurato e, di fatto, esercitato con l’iscrizione alla Anm per poter liberamente discutere dei loro problemi nel confronto delle diverse opinioni. È evidente che la formazione, all’interno dell’associazione, di gruppi di soci non ha nulla a che vedere con il già esercitato diritto di associarsi, ma finisce per risolversi nella creazione di impropri e anomali centri di potere o di pressione. Riusciremo alle prossime elezioni del comitato direttivo dell’Anm a non vedere liste con i simboli delle (defunte) correnti?

2 replies

  1. ORA CHE. Ora che la inarrestabile diffusione ancora parziale e di frammenti frutto tutti del lavoro della Procura di Perugia e della madre delle denunce che ha preparato e formato d informato il terreno istituzionale sano procede, nonostante i tentativi di annacquamento della stampa collegata che copre disperatamente riducendo spettro e visuale sul tutto, immettersi au linkedin [https://lnkd.in/dKuZ5gX] e diffondere ovunque è il compito sano degli impegnati sani in ogni social.
    I complottistoidi ben si guardano se non genericamente dall’indicare un mero fatto colorato da loro come di “cronachetta”. Bloccare la conoscenza dei risultati del lavoro della grandediscovery è l’imperativo del sistema criminale costruito che andavamo svelando con prove dirette e profonde da SOLI. e scoperchiando il cemento più profondo.
    https://www.ilfilodelmagistrato.it/
    https://www.ilfilodelmagistrato.com/

    "Mi piace"

  2. QUESTA E SOLO QUESTA E’ LA GRANDEDISCOVERY. “Un cemento profondo di potere deviato ed illegale, che sorveglia, controlla, nelle sue varianti trasversali di pseudo destra e di pseudo sinistra, scala i gangli delle istituzioni, elimina soggetti capaci e seri ma indipendenti e non affiliabili od agisce per motivi personali immondi abietti e futili, svelato e posto allo scoperto informando tutte le istituzioni sane affinché intervengano.
    Metodi strumentazioni attività ed operatività illuminate dalla luce del giorno com PROVE DIRETTE uniche al mondo . La battaglia culturale, storico morale ed ideale già vinta. La posta in gioco politico istituzionale e storica: l’assetto dello Stato di diritto e con esso della democrazia disegnata nella nostra Costituzione.
    Nel 2008 un magistrato accerchiato a sua insaputa da decenni, intuendo per l’ennesima volta, riesce con un colpo di intuito/fortuna a registrare le UNICHE PROVE DIRETTE AL MONDO di una operazione dei servizi deviati in corso, a suo danno, e dell’utilizzo di una donna trattata mediante metodologie militari ed usata come honey trap, nonché dell’utilizzo gestito della efebofilia a scopi militari. E da lì la GRANDEDISCOVERY. Un intero sistema di metodologie di intervento, condizionamento, manipolazione, ricatto e gestione di quello che, in atto da almeno l’inizio degli anni novanta, era ed è un GOLPE STRISCIANTE, una attività di scalata e controllo dei gangli delle istituzioni finalizzata. E penetrata nella magistratura romana in particolare .. attraverso cavalli di Troia a loro volta già affiliati da prima, anche in un particolare mondo esoterico deviato, militare. La apparenza ?! Una cordata criminale che agisce per conto e nel solo interesse illecito suo. La sostanza è storica e ben più ampia
    https://www.ilfilodelmagistrato.it/
    https://www.ilfilodelmagistrato.com/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.