Mazzette e Tangenti, un fiume di denaro sporco che inquina il sistema Italia

(Dott. Paolo Caruso) – La corruzione è così diffusa in tutti i gangli vitali dell’amministrazione pubblica che rappresenta “il modus vivendi” per potere operare in tutta tranquillità, arricchendosi indebitamente e sempre più all’ombra di un potere grigio colluso tra politici, imprenditori,e alti dirigenti. Un sistema marcio che attraversa tutta la penisola rendendolo con la sua capillarità permeabile agli interessi mafiosi speculativi, rappresentando un vero e proprio cancro che con le sue metastasi infiltra il tessuto socio economico sano del Paese, provocando perdite economiche non indifferenti per le asfittiche casse dello stato.

Un ulteriore scandalo corruttivo, che questa volta investe da ieri la sanità siciliana, e precisamente il mondo degli appalti multimilionari legati alla fornitura di apparecchiature mediche, impianti tecnologici e alla gestione dei servizi di pulizia, porta alla luce un sommerso gestito da manager della sanità, figure di primo piano che avrebbero condizionato illecitamente  insieme a faccendieri le gare d’appalto. Purtroppo la gestione delle Asl/Asp avviene in maniera esclusivamente clientelare, rigidamente controllata dai partiti che proprio lì affondano le radici spartitorie a tutela dei propri interessi, ed è proprio lì che ruotano appetiti economici notevoli e dove alberga il malaffare. L’odierna tangentopoli  siciliana fa seguito a tanti altri episodi di mazzette che interessano ahimè il mondo degli appalti della sanità anche in diverse aree geografiche del Paese, e che magari vergognosamente si ripresenteranno nelle prossime settimane dopo la tempesta coronavirus. Non esiste infatti una zona franca dove la mala pianta della corruzione non sia di casa; quando questa però interessa la sanità è particolarmente ripugnante, in quanto vengono sottratte da personaggi senza scrupoli, amministratori infedeli, funzionari corrotti, faccendieri, imprenditori, risorse economiche che sarebbero potute di certo risultare utili alla collettività per una migliore assistenza pubblica. I delinquenti o presunti tali sono ovunque, non esiste un DNA dell’onestà e nemmeno un vaccino, ma le cure ci sono, eccome! Basta che la politica lo voglia. Così, come riportato dalla lettera di Platone, “Quando si arriva a livelli elevati di corruzione, i giovani non rispettano i vecchi, la morale scade a livello di postribolo, e alligna una mala pianta: LA TIRANNIA”.

4 replies

    • Paola.
      No.
      Hanno torto marcio.
      Questo non è un matrimonio al buio, ci si conosce molto bene, pregi e difetti dei vari popoli.
      Sapevano benissimo con chi facevano l’unione.
      L’Italia può e deve migliorare, per carità, ma non saremo mai tedeschi o francesi.
      Se lo scordassero proprio.

      "Mi piace"

      • Ma lotta seria a corruzione ed evasione non sarebbe a vantaggio dell’UE, ma a vantaggio nostro, e non ci renderebbe tedeschi o francesi. La cosa strana è che questi reati siano così ben tollerati dagli italiani. Tutti pronti a denunciare la mascherina indossata male e il runner, ma l’evasore è un mattacchione.

        Piace a 1 persona

  1. Il marcio è dentro le istruzioni. Oltre ai politici c’è un esercito di boiardi, dirigenti, funzionari, impiegati, usceri tutti predisposti alla mazzetta. Ma dove sono gli agenti infiltrati???

    "Mi piace"

Rispondi a Paolapci Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.