Conte continua il braccio di ferro con Bruxelles: “No al Mes, è solo un prestito”

(business.it) – Giuseppe Conte dice ancora una volta no al Mes, il Fondo Salva-Stati che rientra nel piano di aiuti lanciato da Bruxelles e che però continua a non convincere il premier, che preferirebbe misure più incisive. In un’intervista al Corriere della Sera durante la quale ha aperto anche al piano choc per i cantieri presentato da Renzi, il presidente del Consiglio ha spiegato in maniera chiara: “Il Mes è un prestito. Se chiedo in banca 37 miliardi poi li devo restituire”. Sottolineando così, ancora una volta, come ritenga lo strumento inefficace per affrontare un’emergenza così forte.

Conte ha invece espresso apprezzamento per l’accordo sui 500 miliardi del Recovery Fund: “Una svolta importante, perché la Germania ha fatto un passaggio di portata storica. Accetta la logica del debito comune europeo e addirittura accetta la proposta condivisa con la Francia, che ci siano contributi a fondo perduto fino a 500 miliardi. Il Mes non è il mio obiettivo anche per una questione di consistenza, al di là delle condizionalità e delle sensibilità politiche interne. Non è una soluzione”.

Un modo per rispondere anche a quelle critiche provenienti dalle opposizioni secondo le quali, alla fine, il Recovery Fund avrebbe avuto tempistiche così lente da spingere l’Italia, piuttosto, ad accettare i fondi del Mes, soluzione auspicata d’altronde già sia da diversi esponenti del Partito Democratico che da Forza Italia. Per Conte, invece, è giusto continuare il braccio di ferro con i “rigoristi del Nord”, guidati dall’Olanda, per strappare uno strumento nuovo e più incisivo.

Conte ha anche parlato dei tanti “sacrifici fatti dagli italiani hanno permesso al Paese di uscire dal lockdown e di procedere alla riapertura della maggior parte delle attività commerciali, a cominciare proprio da quelle che hanno fatto registrare un più alto numero di ore di cassa integrazione. Penso, per esempio, ai settori dell’abbigliamento e della ristorazione. L’impegno del governo per garantire la salvaguardia dei posti di lavoro è massimo”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

6 replies

  1. Il MES è un meccanismo infernale le cui modalità sono state studiate apposta per stringere ancor di più il cappio intorno al collo dei Paesi in difficoltà.
    Affidarsi al MES è come rivolgersi agli strozzini (o alle banche, che sono la stessa cosa): nel momento in cui hai
    problemi a pagare puntualmente tutte le rate, ti sequestrano la casa e ti buttano in mezzo a una strada.
    I complici occulti e conniventi con questa strategia di sequestro del poco che rimane della nostra sovranità in
    campo sia politico che economico (ormai le due cose sono indissolubili) sono sempre all’opera, come tarli, nel tentativo, come hanno fatto già troppe volte, di portarci incaprettati alla fine della povera Grecia.

    — Timeo piddins et dona ferentes —

    Piace a 1 persona

  2. Non so se è una difesa, per poi accettare, (il MES), oppure una strategia vera e propria quella di Conte e il governo, comunque sta di fatto che in giro c’è un’aria strana stranina.
    Teoricamente i budget messi sul tavolo dai vari stati, Cina, Giappone, Stati Uniti, Europa, non sono sufficienti a far fronte alla crisi in cui siamo piombati, i mercati lo sanno, ma non c’è reazione.
    Una cosa la so, autunno inverno primavera prossimi vivremo un momento un po’ bruttino, ma se teniamo botta come sistema, ce la possiamo fare.
    Per allora dovremo avere in mano almeno 100 miliardi.
    Cash, da immettere nel sistema, dei 55 stanziati 20 andranno alle imprese,
    inutile nascondersi, però.. un conto è siringare il sistema vero sano di questo paese, altro è regalare.. scialacquare.
    Questa non è una esercitazione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.