Andrea Scanzi: “La follia (Storia triste)”

(Andrea Scanzi) – Ieri partecipo a Otto e mezzo. Faccio due interventi (duri, ma garbati) su Renzi e derivati. Lilli Gruber mi chiede poi cosa pensi dell’eventuale ricandidatura di Virginia Raggi come sindaco a Roma. Lilli, in particolare, mi chiede se secondo me avrebbe chance di vincere. Rispondo così (c’è il video).

1. Che non abito a Roma, dunque non posso parlare molto perché può farlo solo chi vive a Roma.

2. Che, per la mia piccola esperienza, non mi sembra a oggi amatissima da tassisti, baristi, eccetera. Magari sbagliano loro e magari no, ma mi pare assai meno stimata di quattro anni fa.

3. Che il Pd non appoggerebbe mai la Raggi, e che per tutti questi motivi l’attuale sindaca partirebbe molto sfavorita e avrebbe a mio avviso poche chances di vittoria.

4. Che la Raggi ha tutto il diritto di ricandidarsi una seconda volta, al di là del vincolo delle due legislature, e che (testuale) al secondo mandato potrebbe fare meglio del primo “perché conosce molto meglio la macchina”.

5. Che allo stato attuale la Meloni è strafavorita per la vittoria, e dunque M5S e ancor più Pd (a oggi senza candidati) devono muoversi a trovare un nome forte “tipo Bonaccini”, perché altrimenti la Meloni stravince e il Pd non ha chance.
Frasi semplici, chiare, in tutta onestà difficilmente attaccabili.

Neanche il tempo di cenare e scopro, sotto il post in cui comunicavo la messa in onda della puntata, uno shitstorm allucinante di troll & intellettuali talebani che non hanno capito NULLA di quello che ho detto. Ma proprio NULLA. Le mie frasi, chiarissime, diventano per magia tutt’altro. 1) Che odio la Raggi (come no. Ho la bambolina voodoo in camera). 2) Che spero che vinca la Meloni (come no. E magari voglio pure gasparri al Quirinale). 3) Che sono renziano (certo. E gioco in doppio a tennis con pelattin).

Allucinante. I commenti, che sono poi insulti e minacce tali da costringermi a cancellare il post, dimostrano drammaticamente come questo paese sia intriso di ignoranza, nonché malato terminale di tifo. Troppe persone non sanno leggere, non sanno scrivere, non sanno ascoltare. E ragionano come ultrà violenti e incarogniti. Esattamente la categoria mentale che mi fa più schifo: il tifoso che non ragiona.

Ribadisco ogni parola pronunciata ieri a Otto e mezzo. E resto francamente sconcertato dalla capacità che ha certa gente di non capire nulla e di aggredirti a caso con violenza bieca. Da quando ho questa pagina, è uno dei malintesi più fastidiosi, deficienti e inaccettabili che mi siano mai capitati. Il web (e il mondo) è pieno di gente che, se dici “La Raggi non ha molte chance di essere rieletta sindaca”, capisce “La Raggi mi fa schifo”. E se dici “La Meloni a oggi è strafavorita”, capisce “Speriamo che la Meloni vinca”. Siamo messi male. E pure parecchio.

P.S. Ovviamente, questa gente qua, in casa mia non deve stare. E con molti di costoro ci vedremo nelle sedi appropriate. 

27 replies

  1. Ma magari gli leva casa a sti bifolchi ! Fa bene Scanzi.
    Nonostante non lo apprezzi molto come giornalista che trovo molto cerchiobbottista.
    Uno di quelli che lancia il sasso e nasconde la mano.
    In ogni caso anche io proprio ieri per aver criticato l’articolo di Merlo ho ricevuto insulti da tifosi che probabilmente non vivono a Roma e non possono accettare il fallimento di una amministrazione che si è dimostrata palesemente impreparata e priva di classe dirigente.

    "Mi piace"

    • Aldilà del giudizio complessivo su Scanzi, non mi sembra abbia criticato la Raggi, e se avesse voluto avrebbe potuto, sa molto bene in che condizioni è la città. I tifosi grillini riescono a essere talmente aggressivi e ignoranti che la loro scomparsa è ineluttabile. E lo dico con dispiacere, è una speranza fallita, né più né meno delle altre.

      "Mi piace"

  2. a me della puntata di ieri sera di 8 e mezzo mi è rimasto sicuramente impresso il silenzio in studio all’incredibile e muffa litania di Veltroni sulla non condizionabilità dei giornalisti da parte degli editori..come se tutti i nostri vari editori dei giornali avessero altri interessi oltre a condizionare pro domo loro direttori e giornalisti…capisco la stima e l’amicizia per Massimo Giannini ma pensare che il direttore de La Stampa non sia condizionato dal suo editore è come credere a Babbo Natale

    Piace a 1 persona

  3. Veltroni chi? quello che ha fatto cadere un governo per la puzzetta sotto il naso? Quello che ha fatto una campagna elettorale all’insegna del “vogliamo perdere, l’altro candidato è meglio”?. Quello che avrebbe dovuto andare in africa se perdeva le elezioni?
    Scanzi poi un articolo del genere se lo poteva risparmiare, la rete scatena sempre i più bestiali conati di vomito, dietro alla tastiera l’indole vera delle persone e la voglia di scatenare l’aggressività prende spesso il sopravvento dovrebbe saperlo, lui che si dichiara giornalista/artista e fa dirette facebook, non è un novizio. Mi pare invece che sia una primadonna che fa l’offesa.

    Piace a 1 persona

    • @adriano58
      Scanzi è una primadonna e, anche quando ha ragione da vendere (e non sempre succede), si lascia
      un po’ troppo trasportare dall’altissima opinione che ha di sé.
      Perché, invece che ascoltare e dar credito alle chiacchiere dei tassisti romani, non ha riportato quelle
      dei ciceroni dei Musei, o quelle dei conducenti di autobus pubblici e turistici, o magari quelle degli uscieri
      dei ministeri, o, mi voglio rovinare, quelle dei Centurioni del Colosseo?
      Insomma quell’incipit: “da non Romano mi sono affidato alle impressioni dei tassisti, anzi “tassinari” che,
      per il loro mestiere, la città la conoscono bene…” m’è sembrata una pesante caduta di stile di cui, penso,
      anche lui si sia reso conto.
      La banalità dell’affermazione ha fatto irritare molti che non si aspettavano tanta superficialità, e di quei
      molti alcuni, sbagliando, si sono lasciati andare ad insulti generalizzati su tutto lo Scanzipensiero e sulla
      sua persona.
      Ovviamente il diritto di critica è sacrosanto ma non lo è affatto il “diritto d’ingiuria”.
      Scanzi, giustamente inviperito, nel suo appuntamento serale in rete ha preannunciato azione legale nei
      confronti di chi ha esagerato con gli insulti, e ha fatto benissimo.
      Un modesto consiglio mi sento di dargli: recuperi un minimo sindacale di modestia.
      Anche se Andrea è intimamente convinto del contrario, non è lui il prodotto ultimo e non più perfettibile
      dell’evoluzione dell’ Homo Giornalisticus Sapiens.

      "Mi piace"

  4. quello che non ha capito e’ lui . Quelli che ll’insultano sono proprio i suoi cari amici dei 5 star .
    Chissa’ se capira’ mai magari nell’eta’ della ragione , che costoro sono i nuovi veri fasci che avanzano .
    Per ora gli hanno rovinato la digestione , poi sara’ molto peggio , povera stella .

    "Mi piace"

    • @norma
      il mondo alla rovescia..5S fascisti (sono solo 4 fanatici della rete)….vi fa schifo essere chiamati per quello che siete? (Lega, FDI, Casa Pound) il nuovo fascio

      "Mi piace"

      • @ Adriano
        Ricordati che i nickname di donna sono fasulli !!! Meglio non prestare attenzione: non vale sprecare tempo ! Sia chiaro: è solo un mio parere, non un consiglio ….e qui mi taccio !!!

        Piace a 1 persona

  5. Egregio Scanzi, io invece l’apprezzo per la consueta chiarezza delle sue posizioni. Naturalmente, come sempre, anche qui c’è qualche commento stupidamente velenoso.

    "Mi piace"

  6. @danilo
    il tuo parere non consiglio sarebbe di non perdere tempo con le donne? De gustibus…
    Ora pure il complottismo sul nickname. Ma dove sono finiti i commmentatori intelligenti? Un tempo c’erano, un tempo questa era una rassegna stimolante. Aridatece GATTO a sto punto.

    "Mi piace"

    • Già chissà magari gatto sarà su un tetto a fare le fusa o a fissare qualche geco.
      Vi sono sempre dei momenti morti o di transizione dove si cerca, si vuole senza trovare né avere. Ho risposto perché le discussioni col professor gatto erano stimolanti anche per la toilette. Ciao.

      "Mi piace"

      • Vorrei concludere dicendo che se sapevo che laurearsi a Firenze (tasse, spostamenti, manuali, panini o vi nai) mi sarebbe costata quasi la vita, una disoccupazione cronica +depressione da assenza totale di possibilità lavorative ci avrei davvero rinunciato. La macchina universitaria che ha sfornato Renzi, conte, Nardella e altri doveva sfornare anche possibilità di inserimenti nelle aree periferie riche.Le scuole di specializzazione avevano un costo già insostenibile. L’Italia è davvero messa male e il cancro è cresciuto mentre chi era già privilegiato se la sta passando bene anche grazie al gigantesco indotto. Scusa. Saluti.

        "Mi piace"

      • In altre nazioni e in luoghi privilegiati da un illuminista storico, le periferie non sono aree da sfruttare e basta ma la cultura è almeno presente, cosa che non si può dire di Firenze, a 40 km comanda Napoli perché? Lei se lo chieda io comunque le rispondo che i fiorentini sono una brutta razza, oltre Firenze, il nulla cosmico anche nel 2000 d. C.

        "Mi piace"

      • @tonino b
        Macché!
        Non c’era motivo per bannare GATTO!
        Semplicemente non avrà trovato la strada per tornare al gattile.
        Vedrai che prima o poi lo vedremo ricomparire “più bello e saccente che pria”.
        Anche tu ci hai messo parecchio a trovare la strada!😇

        "Mi piace"

      • Sono fiduciosa che sia in silenzio stampa e che tornerà, non appena un po’di tifosi saranno usciti dalle curve e rientrati tra noi.

        "Mi piace"

    • @ Paolapci
      Non ho detto di non perdere tempo con le donne: ho massimo rispetto delle donne dopratutto ” se intelligenti e non….saccenti ” !!! Ho solo fatto notare ad Adriano di diffidare di post con nickname di donna perche’,molti, li ritengo fasulli, frutto di una strategia studiata ad arte per controbattere o confutare ( vd. La Bestia di Morisi ) i commenti contrari alla proprio visione politica !!! Credo cmq. Che Lei non faccia parte del mio primo capoverso !!!
      Saluti !!!

      "Mi piace"

  7. Suvvia, Scanzi che fa l’offeso è da far ridere a crepapelle.
    Poi, gli insulti fanno sempre pena ma la canea chi la scatena, di solito?
    È il normale andazzo italiota, peggiorato dal web ed esasperato da una politica che ha fatto dell’astio e della acrimonia, uno stile di vita.
    Personalmente, anche in queste stanze, sono stato aggredito per avere espresso dubbi e critiche sul governo e sul PdC.
    Gli è che la maggior parte dei tifosi della politica, è culturalmente impreparata, non ha argomenti ed è dotata di enormi paraocchi.
    La situazione può solo peggiorare ma l’intolleranza viene da molto lontano, è figlia del 68 e della contestazione, con un’intera generazione convinta di essere nel giusto, mentre invece sbagliava tutto e non disposta a dare agli altri, altrettanta libertà di parola e di azione.
    La maggior parte di quei beltomi, poi si è pentita ed è rientrata nei ranghi, collezionando contratti lucrosi e cospicue royalties.
    Oggi, finite le ideologie, rimangono le scorie, i beceri populismi, l’invidia sociale e un pericoloso giustizialismo, nemico della giustizia vera, quella con la G maiuscola!

    "Mi piace"

  8. Guardate che gatto ha commentato quasi immediatamente al cambio di veste del sito. Forse ormai si è accorto di quanta gente dubbia si scriva addosso. Buon proseguimento

    "Mi piace"

  9. @Ludwig
    “Suvvia, Scanzi che fa l’offeso è da far ridere a crepapelle.
    Poi, gli insulti fanno sempre pena ma la canea chi la scatena, di solito?…”
    Già… chi scatena la canea? io una mezza idea ce l’avrei:

    Il metodo “Boffo” di Feltriana memoria ha fatto scuola tra i travagliati…

    "Mi piace"

  10. @Ludwig
    “Suvvia, Scanzi che fa l’offeso è da far ridere a crepapelle.
    Poi, gli insulti fanno sempre pena ma la canea chi la scatena, di solito?…”
    Già… chi scatena la canea? io una mezza idea ce l’avrei:

    Il metodo “Boffo” di Feltriana memoria ha fatto scuola tra i travagliati…

    "Mi piace"

  11. @Ludwig
    “Suvvia, Scanzi che fa l’offeso è da far ridere a crepapelle.
    Poi, gli insulti fanno sempre pena ma la canea chi la scatena, di solito?…”
    Già… chi scatena la canea? io una mezza idea ce l’avrei:

    https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/05/21/il-giletti-forestale-del-2005-cosi-diverso-dallinquisitore-tv/5808574/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR0N3el7pUDiTmvusMTwRJhkgHbcxEjF9-dOheg5fo9Fjfy2Xrcpb-Aw6x4#Echobox=1590056190

    Il metodo “Boffo” di Feltriana memoria ha fatto scuola tra i travagliati…

    (SPERIAMO CHE INSERISCA CORRETTAMENTE IL LINK)

    "Mi piace"

Rispondi a adriano58 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.